Edicola

Assemblea Federfarma: no a nuovi tagli alle farmacie, no ad ulteriori penalizzazioni della farmacia italiana, iniziative di protesta

28/06/2012 17:34:58
I nuovi tagli, previsti nelle bozze di decreto-legge in circolazione in queste ore, gravano in modo particolare sulle farmacie, sono insostenibili economicamente e quindi inaccettabili. Sul fronte del contenimento della spesa, le farmacie in questi anni hanno già pagato un prezzo molto alto (oltre 7 miliardi di euro negli ultimi 10 anni) e stanno subendo le conseguenze pesantissime del decreto liberalizzazioni, che porterà presto all’apertura di 4.000 nuove farmacie, in un contesto economico di crisi e con una spesa farmaceutica territoriale in forte contrazione. 
Per queste ragioni, Federfarma chiede al Governo di non proseguire nei continui tagli ai margini delle farmacie già al limite della sopportazione e di puntare a una riforma strutturale del sistema: questo si aspettano da un Governo tecnico.
Le farmacie chiedono l’immediata apertura del tavolo per la revisione del sistema di remunerazione, secondo quanto previsto da una legge del 2010, tuttora inattuata. Il nuovo modello di remunerazione consentirebbe la distribuzione in farmacia dei medicinali oggi erogati dalle strutture pubbliche favorendo ulteriori risparmi.
Le farmacie chiedono anche l’apertura del tavolo per il rinnovo della Convenzione farmaceutica nazionale - cioè l’accordo che regola i rapporti tra farmacie e SSN - scaduta da più di 10 anni, grazie alla quale le farmacie potrebbero finalmente offrire alla popolazione nuovi servizi di alta valenza socio-sanitaria con risparmi per il SSN. 
Federfarma chiede l’apertura immediata di questi tavoli e la loro chiusura entro il 31 dicembre 2012, in modo che le nuove regole entrino in vigore dal 1° gennaio 2013. 
Se il Governo non prenderà in considerazione queste proposte, le farmacie, per puro spirito di sopravvivenza,  saranno costrette ad adottare le seguenti iniziative di autotutela:
in caso di misure che penalizzino ulteriormente le farmacie, Federfarma Nazionale proclamerà una prima giornata di chiusura, cui seguiranno ulteriori chiusure e altre forme di manifestazioni di protesta, fino a che non saranno adottati gli opportuni correttivi;
se non saranno chiusi i tavoli sulla remunerazione e sul rinnovo della Convenzione, entro i ragionevoli termini proposti, sarà disdetta la Convenzione Nazionale, non escludendo altre iniziative sindacali di supporto.
Queste sono le decisioni assunte ieri dall’Assemblea nazionale Federfarma, convocata d’urgenza proprio per esaminare i contenuti delle prossime misure governative. “Ulteriori tagli sono inaccettabili” dichiara Annarosa Racca, Presidente di Federfarma, cui l’Assemblea ha dato pieno mandato di adottare tutte le iniziative necessarie a difesa del servizio farmaceutico. “Le farmacie non possono sostenere nuovi oneri che ridurrebbero ulteriormente una redditività che sui farmaci SSN è ormai azzerata. Proponiamo, in alternativa ai tagli, la riforma della remunerazione e il rinnovo della Convenzione farmaceutica. Si tratta di interventi strutturali che rientrano pienamente nella logica della spending review, in quanto permettono al SSN di utilizzare al meglio le risorse disponibili.”
 
Secondo le dichiarazioni di Alfredo Orlandi, Presidente del Sunifar (Sindacato Farmacie Rurali),  “nuovi tagli sarebbero un colpo mortale. La farmacia rurale, in particolare, ha già dato abbondantemente al Paese e non è più in condizione di poter sopportare nessun altro tipo di gravame. Con altri tagli si metterebbe in pericolo la continuità dello svolgimento del servizio farmaceutico, a partire dagli stessi turni notturni e festivi, penalizzando ancora una volta i cittadini che abitano nei piccoli centri. Per questo motivo, le farmacie rurali, che non sono più in grado di obbedire a regole stabilite da una Convenzione scaduta da anni, sono costrette a dire basta!”

Notizie correlate

13/07/2017

Spesa farmaci, convenzionata +2,6% nel primo trimestre 2017

Inizio d’anno con l’acceleratore pigiato per la spesa farmaceutica convenzionata, che tra gennaio e marzo cresce del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. E’ l’indicazione che arriva dal primo report dell’anno di Federfarma, che a cadenza trimestrale...
04/07/2017

Spesa farmaci: convenzionata -0,5%, acquisti diretti +8,7%

Cambia l’ordine dei tetti ma il risultato rimane sempre lo stesso: la spesa farmaceutica che passa dalle farmacie del territorio rispetta ampiamente il proprio budget, quella che transita da Asl e Aziende ospedaliere no. E scava nei conti delle Regioni buchi grandi...
15/04/2017

Spesa farmaci: convenzionata 2017 stabile sopra gli 8 miliardi

Nel 2017 la spesa farmaceutica convenzionata, cioè quella che passa dalle farmacie del territorio, dovrebbe restare stabile sugli livelli dell’anno scorso, poco sopra gli 8 miliardi di euro. Una crescita zero che rappresenta comunque una buona notizia...
12/04/2017

Spesa farmaci, in “manovrina” intervento su diretta e ospedaliera

Per monitorare l’andamento della spesa farmaceutica pubblica, l’Aifa potrà accedere «in via sperimentale» ai «flussi informativi dell’assistenza farmaceutica» e ai dati Sogei riguardanti ricetta dematerializzata e fatturazione elettronica. E’ quanto prevede...
04/02/2017

Tagli spesa,Regioni divise.Tdm,Fimmg,Federfarma: non paghi Ssn

Le Regioni ritrovino l’unità e scongiurino l’eventualità che al budget del Ssn per il 2017 possano essere tolti 420 milioni di euro. E’ l’auspicio lanciato dalla presidente di Federfarma, Annarosa Racca, in risposta alle voci che da un paio di giorni stanno...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni