Ddl concorrenza, parte l’esame in Senato voto il 2-3 maggio

21/04/2017 00:19:15
E alla fine venne il giorno. Dopo quasi nove mesi di appuntamenti mancati, false partenze e rinvii, il ddl concorrenza ha messo piede nell’aula di Palazzo Madama, dove rimarrà per un paio di settimane. Questa almeno è la tabella di marcia comunicata ieri dopo la seduta dal sottosegretario allo Sviluppo economico, Antonio Gentile: l’aula tornerà a discutere del ddl mercoledì prossimo, 26 aprile, poi il voto il 2-3 maggio con richiesta di fiducia da parte del Governo, come molti già scommettevano. Confermato anche l’accantonamento di quasi tutti gli emendamenti concordati nelle settimane scorse da Governo e relatori: si voterà il testo uscito ad agosto dalla commissione Industria, con il tetto sulle catene di farmacie al 20%; in aula si faranno alcune modifiche ma circoscritte (per esempio il rinvio di un anno dell’alt al mercato tutelato dell’energia), quindi si spedirà il ddl alla Camera per l’ultima lettura, da completare entro giugno (se tutto va bene).

Tramonta definitivamente, dunque, l’ipotesi di riportare il disegno di legge in Commissione per un “tagliando”, anche se ieri Luigi Marino (Ap-Ncd), relatore del provvedimento assieme a Salvatore Tomaselli (Pd), ha invitato a riconsiderare la decisione: il testo, ha detto nel suo intervento davanti all’aula, è vecchio di quasi un anno ed è opportuno un riordino che integri o corregga interventi ormai superati da altre leggi, approvate nel frattempo. In ogni caso, ha continuato Marino, «questo disegno di legge non è, né poteva essere, una legge epocale, ma è comunque un provvedimento importante per non pochi settori dell'economia italiana». Anche se, ha chiarito il senatore, «le liberalizzazioni e le privatizzazioni non sono la panacea di tutti i mali e soprattutto non sono riproducibili automaticamente in tutti i settori dell'economia».

Anche Tomaselli si è schierato a difesa del ddl. «Quando si parla di svuotamento di un testo» ha detto nella sua relazione «si suggerisce che sia stato tolto qualcosa che c'era. A mia memoria, però, non ho notizia di misure liberalizzatrici che siano state tolte nel corso del lungo iter. Anzi, mi sia consentito rivendicare che su temi molto importanti e significativi come quelli delle assicurazioni, dell'energia, dei servizi professionali, delle farmacie, del credito e dei trasporti, è avvenuto esattamente il contrario».

Ora l’interrogativo è se il ddl andrà effettivamente al voto ai primi di maggio. Se lo augura il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, che auspica una rapida approvazione e giudica positivamente l’inizio della discussione sul testo, considerato «un passaggio importante del percorso di riforme di questo Paese». (AS)

Notizie correlate

24/06/2017

Ddl concorrenza, ora i sostenitori premono per approvazione entro l’estate

All’indomani del voto con cui le commissioni Finanze e Attività produttive della Camera hanno modificato il ddl concorrenza costringendolo alla quarta lettura, si intensificano interventi e appelli perché il passaggio al Senato si concluda rapidamente...
23/06/2017

Ddl concorrenza ritoccato da commissioni, già certa quarta lettura

Giro supplementare al Senato ormai certo per il ddl concorrenza, che ieri è uscito dalle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera con quattro articoli ritoccati e il biglietto per la quarta lettura a Palazzo Madama. Le modifiche sono quelle impartite dagli emendamenti accantonati martedì dalle due commissioni su...
23/06/2017

Ddl concorrenza ritoccato da commissioni, già certa quarta lettura

Giro supplementare al Senato ormai certo per il ddl concorrenza, che ieri è uscito dalle commissioni Finanze e Attività produttive della Camera con quattro articoli ritoccati e il biglietto per la quarta lettura a Palazzo Madama. Le modifiche sono quelle impartite dagli emendamenti accantonati martedì dalle due commissioni su energia, assicurazioni, telemarketing e società...
22/06/2017

Concorrenza, Cossolo a commissioni: rivedere tetto catene e proprietà

Il tetto regionale del 20% con cui il ddl concorrenza cerca di evitare che le catene di farmacie appartenenti al capitale dominino il mercato appare «insufficiente» rispetto all’obiettivo e andrebbe ridotto. Così come sarebbe opportuno aggiungere al testo una disposizione che imponesse la presenza dei farmacisti nella compagine delle società proprietarie. E’ quanto auspica il presidente...
21/06/2017

Ddl concorrenza, cestinati emendamenti su fascia C e quorum

Sono già finiti nel cestino gli emendamenti al ddl concorrenza che ripropongono la liberalizzazione della fascia C, abbassano il quorum da 3.300 a duemila abitanti e ridefiniscono le soglie di accesso agli sconti agevolati per rurali e farmacie con basso...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni