Cronicità, in quattro anni riguarderà l’80% di tutte le patologie

17/02/2017 00:14:55
Nel 2020 le malattie croniche rappresenteranno l'80% di tutte le patologie nel mondo, con il diabete tra quelle che crescono più rapidamente. A livello globale le malattie croniche sono responsabili dell'86% di tutti i decessi, con una spesa sanitaria di 700 miliardi di euro. Questo quanto emerso dal workshop “Il paziente al centro - La gestione integrata della cronicità”, organizzato con il contributo non condizionante di Msd nell'ambito del progetto #Insiemeperilcuore. In Italia, tra le malattie croniche, il diabete è "«un'emergenza: solo un paziente su tre ha un adeguato controllo e di conseguenza le complicanze cardiovascolari, renali, oculari determinano un altissimo impatto socio-economico per il Sistema sanitario nazionale». Il diabete nel nostro Paese colpisce circa 3,6 milioni di persone ed entro il 2035 sfiorerà in Europa il tetto dei 70 milioni di pazienti, contro gli attuali 52 milioni. Ma – è stato spiegato – «permangono ostacoli per i farmaci innovativi contro il diabete; e il medico di medicina generale non può prescriverli».

Malattie come lo scompenso cardiaco, l'insufficienza respiratoria, i disturbi del sonno, il diabete, l’obesità, la depressione, la demenza, l'ipertensione e l'ipercolesterolemia sono ritenute una «vera e propria emergenza sanitaria». Risposte al riguardo dovrebbero arrivare dal Piano nazionale delle cronicità, messo a punto dal ministero della Salute per disciplinare «le modalità di assistenza dei pazienti affetti da malattie croniche, armonizzando le attività» dei vari livelli (farmacie comprese, che nel documento vengono collocate tra gli asset strategici). Tra i punti cardine del Piano: l'ospedale come snodo di alta specializzazione, l'integrazione tra assistenza primaria e cure specialistiche, il supporto al paziente e il potenziamento delle cure domiciliari e i piani di cura personalizzati.

Notizie correlate

16/09/2016

Cronicità, ok da Regioni a Piano che valorizza farmacie del territorio

Una manciata di correzioni formali e, a mo’ di cappello, la richiesta che venga istituito un tavolo di lavoro al quale verificare gli indicatori per il monitoraggio dell’intesa. Sono le uniche condizioni poste dai governatori per dire sì all’accordo che dà...
30/01/2016

Al IV Osservatorio Cosmofarma, farmacie e Uccp a confronto sul futuro

La deospedalizzazione della Sanità pubblica disegnata dal Patto della Salute vede nelle farmacie del territorio e nelle Uccp (le Unità di cure primarie che raggruppano medici di famiglia, infermieri e specialisti ambulatoriali) le due colonne portanti di...
12/01/2016

Piani terapeutici, Fimmg porge la mano alle farmacie

L’Aifa autorizzi rapidamente i medici di famiglia a prescrivere, anche in via sperimentale, i farmaci con Piano terapeutico appartenenti ad aree rilevanti per le cure primarie. E in prospettiva, assicuri la dispensazione di tali prodotti attraverso le farmacie del territorio, in regime convenzionato. E’ il commento con cui ieri la Fimmg, il più rappresentativo tra i sindacati...
30/12/2015

Istat, per maggioranza degli italiani salute personale ok

Italiani più in salute e ricoveri più brevi. E' in sintesi la fotografia scattata dall'Istat nel capitolo sanità dell'Annuario statistico italiano, presentato ieri a Roma. Prosegue, dunque, il processo di deospedalizzazione che ha determinato una progressiva e significativa...
28/11/2015

Simg: per curare le cronicità serve un’assistenza territoriale riorganizzata

Il futuro del Ssn passa da una nuova organizzazione delle Cure primarie, basata su «unità complesse con competenze avanzate» nelle quali il medico di mg non lavora più da solo come un tempo, ma è inserito in team professionali che erogano un’ampia gamma...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni