Ritardi nei pagamenti Pa, Italia rischia deferimento alla Corte Ue

17/02/2017 00:16:53
Si fa sempre più forte la possibilità di un deferimento dell’Italia davanti alla Corte di giustizia europea per i ritardi con cui la Pubblica amministrazione paga i propri fornitori, sensibilmente superiori al tetto dei 60 giorni fissato dalla normativa comunitaria. Nei prossimi giorni Roma riceverà dalla Commissione Ue una richiesta di parere motivato, alla quale dovrà rispondere entro due mesi. E in modo convincente, perché altrimenti Bruxelles procederà al deferimento, tappa finale di una procedura d’infrazione che la Commissione europea aveva avviato nel 2014 su iniziativa dell’allora commissario per l’Industria Antonio Tajani (oggi presidente del Parlamento Ue).

La procedura, come riferisce un articolo di Sanità24, era stata congelata l’anno dopo per incoraggiare l’Italia a ridurre i tempi di attesa, che nel 2015 mostravano un valore medio (144 giorni) inferiore di due settimane al dato di cinque anni prima. Da allora, però, il nostro Paese continua a rimanere lo Stato dell’Ue a 28 che più fa aspettare i propri fornitori, un record al rovescio che l’Unione non è più disposta a tollerare. «Imporre agli Stati membri di rispettare le regole sul ritardo dei pagamenti» ha ricordato il commissario al mercato interno, Elzbieta Bienkowska «significa proteggere le imprese e aiutare la competitività dell'Ue». Oltre all’intervento sull'Italia, Bruxelles ha inviato per gli stessi motivi una lettera di messa in mora a Spagna e Slovacchia e una di messa in mora complementare (per integrare precedenti rilievi) alla Grecia. E’ stata invece chiusa la procedura d'infrazione nei confronti del Portogallo.

Notizie correlate

26/05/2017

Credifarma, vittoria sull’Asl insolvente anche a Crotone

Neanche ventiquattrore e nel carniere di Credifarma piombano i rimborsi di un’altra Asl insolvente verso le farmacie. Mercoledì era toccato a Foggia, ieri è stata la volta di Crotone, dove l’azienda sanitaria è stata condannata a corrispondere 800mila...
16/05/2017

Times, Aspen rischia multa Ue da 250 mln per prezzi farmaci

Rischia una multa record da circa 250 milioni di euro la Aspen Pharma dopo che la commissione Ue ha aperto un' indagine sulla multinazionale per l'accusa di aver abusato della sua posizione dominante per aumentare i prezzi di cinque farmaci salva-vita per il cancro. E' quanto si legge sul Times...
02/03/2017

Parlamento Ue, misure per maggiore accessibilità farmaci

«I prezzi dei nuovi medicinali sono aumentati nel corso degli ultimi decenni, al punto da diventare proibitivi per molti cittadini europei e da minacciare la sostenibilità dei sistemi sanitari nazionali». E' quanto denuncia una risoluzione del Parlamento europeo che chiede alla Commissione...
09/02/2017

Caserta, pronti a partire i decreti ingiunti per i ritardi nei rimborsi alle farmacie

Sono più di un centinaio i decreti ingiuntivi che Federfarma Caserta si appresta a far scattare nei confronti dell’Asl cittadina per i ritardi accumulati dagli uffici nei rimborsi delle dcr. L’ultima mensilità pagata alle farmacie, riferiscono dall’associazione...
08/02/2017

Liguria virtuosa su tempi rimborso fornitori

«Siamo sulla strada giusta. L'obiettivo è quello di ridurre ancora di più la tempistica per arrivare a 60 giorni. Il lavoro iniziato un anno e mezzo fa sta iniziando a dare i propri frutti». A parlare è la vicepresidente della Liguria e assessore alla Sanità Sonia Viale in base ai dati di fine 2016...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni