Sop ed extrafarmaco, crescono ricerche sul web per prezzi e offerte

11/01/2017 00:12:22
Farmaci senza ricetta per i malanni di stagione, integratori per lo sport, shampoo e balsami. Ma anche strumenti e dispositivi medici. Sono in costante crescita gli italiani che si affidano al web per informarsi su (o acquistare) prodotti e novità dell’area salute. E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio di Trovaprezzi.it, il portale che mette a confronto tariffe e offerte dei siti di e-commerce. Nel 2016, dicono le elaborazioni, le ricerche effettuate dai navigatori tra i prodotti del comparto “salute e bellezza” hanno fatto registrare picchi del 30% rispetto al 2015, quando le richieste erano aumentate del 21% rispetto all’anno prima. In particolare, sono state 14 milioni le ricerche effettuate nel 2016 per cura e prevenzione della salute, igiene, benessere e bellezza. Si tratta, giova ricordarlo, di interrogazioni che non sempre si concludono con un acquisto on line, ma le dinamiche fotografate dalla ricerca confermano che il web è sempre più spesso il luogo dove si cercano offerte o si confrontano prodotti prima di comprarli (a distanza o nel punto vendita).

Tra i segmenti di maggiore dinamismo, nella classifica dell’Osservatorio, spiccano integratori e coadiuvanti, che segnano un +33% rispetto al 2015. In tutto circa 5 milioni di ricerche, caratterizzate dalla stagionalità, con un forte tasso di crescita nei trimestri marzo-giugno e settembre-dicembre, in concomitanza con la ripresa dell'attività sportiva dopo l'estate e l'inverno. La richiesta di prodotti per il corpo aumenta invece del 31%. L'incremento in questo caso parte a marzo con l'acquisto di creme solari e per il corpo. Da fine giugno le ricerche tornano ad avere un andamento regolare ma sempre in aumento rispetto agli anni precedenti. Per quanto riguarda i prodotti per la salute le richieste on line nel 2016 sono aumentate del 28%, con picchi soprattutto durante il periodo invernale. Ad attirare gli utenti sul web soprattutto i farmaci di automedicazione connessi alle malattie da raffreddamento. Infine i prodotti per il viso e i capelli, settore che ha registrato un aumento anno su anno del 25%. Se fino a qualche anno fa, creme e prodotti per i capelli venivano acquistati direttamente negli store della grande distribuzione o in farmacia, oggi i consumatori spesso optano per il web su consiglio di professionisti, blogger specializzati o social network.

Notizie correlate

27/09/2017

Contraffazione, Cossolo e Scaccabarozzi: filiera italiana affidabile

Contraffazioni e traffici scoperchiati dall’operazione Pangea X dimostrano una volta di più che in Italia i soli farmaci falsificati di cui si ha notizia sono quelli acquistati online e importati dall’estero. Perché in questo Paese la filiera farmaceutica è sottoposta...
21/09/2017

UK, la pillola del giorno dopo venduta dalle farmacie online

Ora le donne britanniche possono acquistare la pillola del giorno dopo anche online. Basta andare sul sito della web-pharmacy Chemist-4-U, dove il levonorgestrel viene commercializzato al prezzo di 4,99 sterline, ossia 5,50 euro. Come riferisce...
05/09/2017

Francia, farmacia online olandese condannata per pubblicità lesiva

La web pharmacy olandese Shop-Apotheke dovrà versare a titolo di risarcimento 30mila euro ciascuna a Udgpo e Afpel, le due associazioni dei farmacisti francesi che l’avevano citata in giudizio per concorrenza sleale. E’ quanto stabilisce la sentenza...
28/06/2017

Salute, il 77% degli adolescenti cerca notizie sul web

Il 77% dei giovani tra 14 e 19 anni cerca notizie sul web riguardo alla salute, con la forma fisica e l'alimentazione in cima alla lista degli argomenti preferiti. Lo afferma la ricerca "Diagno//click" dell'associazione Family Smile, presentata oggi alla Camera. L'indagine ha coinvolto...
14/06/2017

Germania, DocMorris continua a preoccupare le farmacie tedesche

DocMorris, la farmacia online alla quale la Corte di giustizia europea riconobbe nell’autunno scorso il diritto di praticare sconti sui farmaci con obbligo di prescrizione venduti in Germania (nonostante una legge nazionale che li vieta), continua a turbare...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni