Sop ed extrafarmaco, crescono ricerche sul web per prezzi e offerte

11/01/2017 00:12:22
Farmaci senza ricetta per i malanni di stagione, integratori per lo sport, shampoo e balsami. Ma anche strumenti e dispositivi medici. Sono in costante crescita gli italiani che si affidano al web per informarsi su (o acquistare) prodotti e novità dell’area salute. E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio di Trovaprezzi.it, il portale che mette a confronto tariffe e offerte dei siti di e-commerce. Nel 2016, dicono le elaborazioni, le ricerche effettuate dai navigatori tra i prodotti del comparto “salute e bellezza” hanno fatto registrare picchi del 30% rispetto al 2015, quando le richieste erano aumentate del 21% rispetto all’anno prima. In particolare, sono state 14 milioni le ricerche effettuate nel 2016 per cura e prevenzione della salute, igiene, benessere e bellezza. Si tratta, giova ricordarlo, di interrogazioni che non sempre si concludono con un acquisto on line, ma le dinamiche fotografate dalla ricerca confermano che il web è sempre più spesso il luogo dove si cercano offerte o si confrontano prodotti prima di comprarli (a distanza o nel punto vendita).

Tra i segmenti di maggiore dinamismo, nella classifica dell’Osservatorio, spiccano integratori e coadiuvanti, che segnano un +33% rispetto al 2015. In tutto circa 5 milioni di ricerche, caratterizzate dalla stagionalità, con un forte tasso di crescita nei trimestri marzo-giugno e settembre-dicembre, in concomitanza con la ripresa dell'attività sportiva dopo l'estate e l'inverno. La richiesta di prodotti per il corpo aumenta invece del 31%. L'incremento in questo caso parte a marzo con l'acquisto di creme solari e per il corpo. Da fine giugno le ricerche tornano ad avere un andamento regolare ma sempre in aumento rispetto agli anni precedenti. Per quanto riguarda i prodotti per la salute le richieste on line nel 2016 sono aumentate del 28%, con picchi soprattutto durante il periodo invernale. Ad attirare gli utenti sul web soprattutto i farmaci di automedicazione connessi alle malattie da raffreddamento. Infine i prodotti per il viso e i capelli, settore che ha registrato un aumento anno su anno del 25%. Se fino a qualche anno fa, creme e prodotti per i capelli venivano acquistati direttamente negli store della grande distribuzione o in farmacia, oggi i consumatori spesso optano per il web su consiglio di professionisti, blogger specializzati o social network.

Notizie correlate

20/01/2017

Farmaci online e falsificati, collaborazione tra Aifa e Antitrust

Contrabbando di medicinali, e-commerce clandestino, falsificazioni. Mira innanzitutto a contrastare le illegalità che ruotano attorno al farmaco la collaborazione tra Aifa e Antitrust sancita dal protocollo firmato ieri a Roma da Mario Melazzini, direttore generale dell’Agenzia, e Giovanni Pitruzzella, presidente dell’Autorità garante. Con l’intesa, le due organizzazioni si impegnano a...
14/12/2016

Svizzera, larga presenza della gdo nel mercato della farmacia

Il mercato della farmacia fa gola alla grande distribuzione anche in Svizzera. Lo dimostra la notizia dei giorni scorsi secondo la quale il gruppo Migros, la maggiore insegna elvetica della gdo per fatturato, si appresta ad aprire nell’ipermercato di...
09/12/2016

Uk, Calendario dell’Avvento anti-contraffazioni

Nel Regno Unito la lotta ai farmaci contraffatti è una cosa seria. Lo dimostra l’ultima iniziativa della Mhra, l’equivalente britannica dell’Aifa, che in vista delle feste natalizie ha messo in circolazione un Calendario dell’Avvento molto particolare: ognuna...
07/12/2016

Ricerche web predicono lotti farmaci da ritirare da mercato

Monitorando le ricerche degli utenti su Internet riguardo ai farmaci è possibile predire quali verranno ritirati dal mercato per eventuali difetti. Ad affermarlo è Elad Yom-Tov, un ricercatore del centro israeliano di Microsoft, che ha descritto il suo lavoro in un articolo pubblicato sul sito ArXiv...
06/12/2016

Francia, su farmaci online Ministero ribadisce vecchi paletti

Nonostante i rilievi dell’antitrust, sono stati tutti riconfermati i paletti del ministero della Salute francese alla vendita di farmaci online. A piantarli due decreti sulle buone pratiche di dispensazione, che sostituiscono il provvedimento annullato dal Consiglio di...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni