Sop ed extrafarmaco, crescono ricerche sul web per prezzi e offerte

11/01/2017 00:12:22
Farmaci senza ricetta per i malanni di stagione, integratori per lo sport, shampoo e balsami. Ma anche strumenti e dispositivi medici. Sono in costante crescita gli italiani che si affidano al web per informarsi su (o acquistare) prodotti e novità dell’area salute. E' quanto emerge dai dati dell'Osservatorio di Trovaprezzi.it, il portale che mette a confronto tariffe e offerte dei siti di e-commerce. Nel 2016, dicono le elaborazioni, le ricerche effettuate dai navigatori tra i prodotti del comparto “salute e bellezza” hanno fatto registrare picchi del 30% rispetto al 2015, quando le richieste erano aumentate del 21% rispetto all’anno prima. In particolare, sono state 14 milioni le ricerche effettuate nel 2016 per cura e prevenzione della salute, igiene, benessere e bellezza. Si tratta, giova ricordarlo, di interrogazioni che non sempre si concludono con un acquisto on line, ma le dinamiche fotografate dalla ricerca confermano che il web è sempre più spesso il luogo dove si cercano offerte o si confrontano prodotti prima di comprarli (a distanza o nel punto vendita).

Tra i segmenti di maggiore dinamismo, nella classifica dell’Osservatorio, spiccano integratori e coadiuvanti, che segnano un +33% rispetto al 2015. In tutto circa 5 milioni di ricerche, caratterizzate dalla stagionalità, con un forte tasso di crescita nei trimestri marzo-giugno e settembre-dicembre, in concomitanza con la ripresa dell'attività sportiva dopo l'estate e l'inverno. La richiesta di prodotti per il corpo aumenta invece del 31%. L'incremento in questo caso parte a marzo con l'acquisto di creme solari e per il corpo. Da fine giugno le ricerche tornano ad avere un andamento regolare ma sempre in aumento rispetto agli anni precedenti. Per quanto riguarda i prodotti per la salute le richieste on line nel 2016 sono aumentate del 28%, con picchi soprattutto durante il periodo invernale. Ad attirare gli utenti sul web soprattutto i farmaci di automedicazione connessi alle malattie da raffreddamento. Infine i prodotti per il viso e i capelli, settore che ha registrato un aumento anno su anno del 25%. Se fino a qualche anno fa, creme e prodotti per i capelli venivano acquistati direttamente negli store della grande distribuzione o in farmacia, oggi i consumatori spesso optano per il web su consiglio di professionisti, blogger specializzati o social network.

Notizie correlate

19/04/2017

Germania, bloccata legge contro e-commerce farmaci etici

E’ stato accantonato fino alle elezioni politiche di fine settembre, se non oltre, il progetto di legge approntato dal dicastero della Sanità che, in Germania, punta a vietare la vendita via internet dei farmaci con obbligo di ricetta. Per le farmacie è una doccia...
11/04/2017

Ministero oscura farmacia web illegale, apprezzamenti da Federfarma

Funziona il sistema di controlli che nel nostro Paese vigila sul rispetto delle norme nazionali in materia di farmaci online. E’ il commento della presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca, al comunicato diffuso ieri pomeriggio dal ministero della Salute...
06/04/2017

Circolare Entrate, detraibili anche gli acquisti di farmaci online

Anche i farmaci comprati online possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi, sempre che il contribuente certifichi con la necessaria documentazione natura del prodotto, qualità, quantità e codice fiscale del destinatario. E’ la precisazione...
28/03/2017

Salute sul web, da Sanofi decalogo per chi naviga

Un decalogo per orientarsi in Rete e informarsi correttamente sul tema della salute, per capire come muoversi tra web e social media, a quali interlocutori o fonti dare fiducia e come sfruttare al meglio le informazioni che Internet offre. Le dieci regole sono state...
07/03/2017

Farmacie online e siti medici, il web alletta ma i rischi restano alti

Rappresentano la nuova frontiera europea dell’e-commerce farmaceutico, l’ultimo grido in fatto di “customer service” quando il customer (cioè il cliente) è un manager indaffarato che non ha tempo di fare file o un assistito di compagnia sanitaria che viene rimborsato a piè di lista, dopo aver inviato ricetta e scontrino. Stiamo parlando dei sempre più frequenti “accoppiamenti” tra siti...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni