Reti integrate e Pdta, un convegno a Roma ne disegna il futuro

17/06/2017 07:41:16
La cronicità e lo sviluppo di un sistema che mette il paziente al centro per avere risultati migliori a costi sostenibili sono stati al centro della giornata organizzata ieri presso il senato da Core "Collaborative Outcome Research Evaluation", una nuova struttura per l’attività di ricerca in ambito sanitario attivata attraverso una partnership con Cineca. Nell’ambito di questo cambiamento indifferibile e necessario per motivi sanitari e economici, grande importanza rivestono i Pdta, i percorsi diagnostico-terapeutici e assistenziali. Essi rappresentano gli strumenti con cui regioni e Asl definiscono le modalità di erogazione dell’assistenza centrata sul paziente e la sua presa in carico secondo il contesto sociale e sanitario e le risorse disponibili. Per farlo, coinvolge vari professionisti seguendo il paziente fin dall’inizio della malattia e lungo le varie fasi, soddisfacendo bisogni sanitari, e non solo sanitari, che mutano nel tempo.

Oggi esistono centinaia di Pdta molto differenti anche quando si riferiscono alla stessa patologia perché  realizzati a livello di regione e talora di Asl, quindi in contesti diversi e seguendo linee guida non tutte di uguale spessore scientifico. «Esistono realtà differenti e approcci regionali e questo non è  un fatto negativo di per se, anzi può costituire una ricchezza» ha osservato il direttore di Core, Nello Martini «è però necessario che i Pdta siano valutabili per ricondurre le differenze a condizioni di equità di accesso per i pazienti, evitando disuguaglianze. È opportuno guidare fin da adesso un processo che impedisca, tra qualche anno, di dire che le regioni hanno diversificato troppo. Per questo è necessario analizzare e confrontare i Pdta in modo scientifico. E in questa ottica il progetto PdtaLab, presentato ieri, consente non solo la raccolta e la classificazione di tutti i documenti ma anche la loro decodifica per confrontare processi e risultati e permetterne l’evoluzione.

Il processo che vede la sanità «prendere in carico» il paziente cronico richiede cambiamenti: alle Regioni e alle Asl per la nuova organizzazione, al medico di medicina generale (che lavorerà nell’ambito delle aggregazioni, con cartelle cliniche condivise e passerà a operare non più solo in base all’esperienza personale ma in collaborazione con lo specialista e nell’ambito di percorsi assistenziali indicati dai Pdta), alla farmacia, chiamata a lavorare sull'aderenza alla terapia e integrata nelle Aft e Uccp (aggregazioni funzionali territoriali e unità complesse di cure primarie). «Se non entrerà nelle reti integrate delle cure primarie il medico di medicina generale rischierà l’emarginazione» ha osservato Martini «e lo stesso destino incombe sulla farmacia. Se rimarrà isolata, non interconnessa in rete la farmacia rischia di essere schiacciata tra il capitale e le reti delle cure primarie. La farmacia oggi è chiamata a scegliere e a ragionare sull’integrazione con le reti». (SN)

Ultime notizie

19/10/2017

DiaDay, ha già aderito il 24% delle farmacie ma serve il colpo di reni

Continua a progredire di giorno in giorno e ieri ha toccato quota quattromila. E’ il conteggio delle farmacie che hanno dato la propria adesione al progetto “DiaDay”, la campagna di screening che Federfarma proporrà dal 14 al 20 novembre su tutto il territorio nazionale. L’aggiornamento arriva da Promofarma, che conta quotidianamente...
19/10/2017

Renzo (odontoiatri): Ministero ci dà ragione, Legge concorrenza fatta male

Dentisti in subbuglio alla notizia che il ministero della Salute chiederà al Consiglio di Stato chiarimenti dettagliati per l’applicazione applicative della Legge sulla concorrenza, in particolare a proposito di nuove titolarità e incompatibilità. Lo aveva annunciato lunedì...
19/10/2017

Ascoli, s’infittisce la querelle sulla comunale da aprire nel centro commerciale

Si ingarbuglia la vicenda della nuova farmacia comunale che il comune di Ascoli vorrebbe aprire all’interno del centro commerciale Oasi, nella periferia orientale del capoluogo, contestualmente alla chiusura di due dei quattro esercizi che già possiede...
19/10/2017

Francia, sulle confezioni dei farmaci arriva il “bollino” per le donne in gravidanza

In Francia arriva un bollino stampato direttamente sulla scatola per segnalare alle donne in gravidanza i farmaci potenzialmente pericolosi. La novità, in vigore da un paio di giorni, si deve a un provvedimento della Direction generale Santé del ministero...
19/10/2017

A Cagliari convegno Federfarma sulla telemedicina in farmacia

Entrano nel vivo, in Sardegna, i lavori del Tavolo regionale sulla telemedicina, istituito dall’assessorato alla Salute con l’obiettivo di valutare i benefici della diagnostica a distanza nell’assistenza alle popolazioni dei piccoli centri. Nella seduta del 6 ottobre...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni