Toscana, dai numeri della sperimentazione il rinnovo dell’accordo quadro sui servizi

15/07/2017 00:53:50
Quasi 220mila prenotazioni Cup effettuate e oltre 48mila tessere sanitarie attivate. E’ il contributo assicurato dalle farmacie private alla Sanità toscana nei primi sei mesi di sperimentazione dell’accordo per i servizi di front-office siglato un anno fa da Regione, Federfarma e Cispel (farmacie pubbliche). I dati arrivano dal report che l’assessorato alla Salute ha allegato al rinnovo dell’accordo, siglato l’altro giorno dagli stessi firmatari. Si tratta di cifre che coprono soltanto una parte del periodo di validità della prima intesa (da luglio a dicembre 2016, in sostanza sei dei dodici mesi sui quali si è protratta la sperimentazione) ma comunque sufficienti a fornire un quadro significativo dell’impegno profuso dalle farmacie nel ruolo di “sportelli di prossimità” del servizio sanitario regionale.

Partiamo dal Cup: sono 452 le farmacie private che al 31 dicembre scorso avevano aderito all’accordo, ripartite sulle tre Aziende sanitarie toscane. Le 271 dell’Asl Centro (Empoli, Firenze, Pistoia e Prato) hanno effettuato, nei sei mesi considerati, 73.930 prenotazioni, per una media mensile a farmacia di 45,4 operazioni. Invece nell’Asl Nordovest (Lucca, Viareggio, Pisa, Livorno e Massa) i 117 esercizi che hanno aderito alla sperimentazione hanno eseguito 64.648 prenotazioni, in media 92 al mese per farmacia. Infine, nell’Asl Sudest (Arezzo e Siena) si contano 79.550 prenotazioni in 64 farmacie private, per una media (ragguardevole) di 207 prenotazioni al mese.

Forte variabilità anche a proposito di abilitazione della tessera sanitaria: all’Asl Centro si contano (sempre nei sei mesi di osservazione) 22.774 attivazioni, in media 14 al mese per farmacia; nell’Asl Nordovest le abilitazioni sono state 16.476, che divise per le 229 farmacie coinvolte fa una media mensile di circa 12 attivazioni per esercizio. Infine, nell’Asl Sudest si contano 9.240 tessere abilitate da 88 farmacie, in media 17,5 al mese per ogni punto vendita. «Sono cifre più che positive» è il commento del presidente di Federfarma Toscana, Marco Nocentini Mungai «soprattutto se si considera che si riferiscono ai primi sei mesi di sperimentazione, quando ancora alcune province non erano partite. Soltanto sul Cup, per chiarire, dopo un anno si contano 600-700mila prenotazioni. L’accordo triennale appena siglato, in sostanza, riconosce il ruolo delle farmacie come presidi di prossimità del servizio sanitario proprio in virtù dei numeri registrati nella sperimentazione». (AS)

Notizie correlate

20/07/2017

Vaccini, sì a emendamento per la prenotazione Cup in farmacia

Per agevolare gli adempimenti di legge, sarà possibile prenotare le vaccinazioni in via sperimentale anche nelle farmacie del territorio, attraverso il sistema Cup. E’ quanto prevede l’emendamento 5.20 al decreto vaccini firmato dalla relatrice Patrizia Manassero e...
20/07/2017

Dal Rapporto sulla domiciliarità di Cittadinanzattiva “assist” per la farmacia dei servizi

Un paziente su cinque viene colpito da piaghe da decubito dopo l’avvio delle cure domiciliari e due su cinque dicono di non avere avuto informazioni in anticipo su come prevenirle o gestirle. E ancora: i pazienti domiciliarizzati che hanno bisogno di...
19/07/2017

Bari, al via accordo sul Cup Federfarma-Policlinico

Entra in vigore da oggi, a Bari, il protocollo d’intesa per il Farmacup sottoscritto un mese fa dal Policlinico del capoluogo e dall’associazione titolari della provincia. Grazie all’accordo, gli assistiti possono prenotare o nelle 353 farmacie dell’area metropolitana...
18/07/2017

Da Savona esempio virtuoso d’impiego della farmacia dei servizi

Un esempio virtuoso di come le Aziende sanitarie dovrebbero utilizzare la farmacia dei servizi. Arriva da Savona, dove Federfarma e Asl stanno lavorando di comune accordo a un piano di riorganizzazione del Cup aziendale dal duplice obiettivo: ridistribuire...
14/07/2017

Decreto vaccini, emendamento sulle farmacie trasformato in ordine del giorno

Ritorna nel decreto vaccini sotto forma di ordine del giorno l’emendamento Mandelli-D’ambrosio Lettieri-Rizzotti che autorizzava i medici a vaccinare in farmacia, con l’eventuale collaborazione di infermieri o assistenti sanitari. Approvata la settimana...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni