Ddl concorrenza, Calenda: al voto il più velocemente possibile

19/05/2017 00:21:04
Il ddl concorrenza deve andare al voto della Camera «il più velocemente possibile», sarebbe «assurdo» che un disegno di legge sostenuto dall’intera maggioranza non venisse approvato. Lo ha detto ieri il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, in un’intervista a Corriere.it, il portale online del Corriere della Sera. «La legge sulla concorrenza l'ho ereditata da chi mi ha preceduto» ha detto Calenda rispondendo alle domande del giornalista Roberto Bagnoli «era una legge che avrebbe potuto essere scritta meglio, ma contiene cose importanti su parecchi settori, dalle farmacie alla Rc auto». Ora però, ha continuato Calenda, l’obiettivo dev’essere quello di «portarla a casa immediatamente: è andata al Senato, deve passare alla Camera il più velocemente possibile, perché l'abbiamo masticata per un tempo infinito».

Quasi stesse parlando al segretario del Pd Matteo Renzi – che secondo un articolo pubblicato ieri dal Giornale vorrebbe riaprire il testo a Montecitorio e costringere così il ddl a un quarto passaggio al Senato – Calenda ha invitato tutti a un’ultima accelerazione: «Sarebbe un assurdo che una legge presentata dal precedente governo e sostenuta da tutti i gruppi di maggioranza non venisse approvata. Dobbiamo seriamente chiudere il ddl e ragionare sulla prossima legge per la concorrenza, che dovrà essere diversa perché così non funziona: meglio procedere per settori, cioè individuare i comparti che necessitano di interventi e valutare il ricorso allo strumento del decreto legge: servirà ovviamente il placet del Quirinale, ma c’è un precedente risalente al governo Monti (il decreto Cresci-Italia, ndr). Perché altrimenti i tempi di approvazione diventano biblici e le lobby si coagulano per bloccarne l’iter di approvazione». 

Notizie correlate

05/08/2017

Cossolo e Pagliacci ai titolari: a settembre nuovo progetto di rete

Sarà pronto già a settembre il piano di Federfarma e Federfarma servizi per quella “rete delle reti” che dovrà dare alle farmacie dei farmacisti gli strumenti con cui fronteggiare l’arrivo del capitale e competere . Lo scrive il presidente della Federazione, Marco Cossolo, nella lettera inviata giovedì tramite Pec a tutti gli associati per scuotere e compattare la categoria: all’indomani della conversione...
04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar, Silvia Pagliacci, risponde a chi le chiede qual è lo stato d’animo dei farmacisti rurali dopo l’approvazione in Senato del ddl concorrenza. Parole che...
04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar...
04/08/2017

Ddl: i commenti di Fenagifar, Adf e del sottosegretario al Mise

A due giorni dal voto del Senato, il ddl concorrenza continua a far discutere dentro e fuori la professione. Merita la precedenza l’annuncio con cui l'Associazione nazionale dentisti italiani ha ipotizzato un eventuale ricorso al Tar contro il disegno di legge...
03/08/2017

Ddl concorrenza, Federfarma: “keep calm” e avanti

“Keep calm and carry on”, state tranquilli e andiamo avanti. E’ la frase che nel ’39, alla viglia della guerra, venne fatta stampare dal governo britannico su milioni di manifesti, da affiggere in tutta l’Inghilterra per evitare che la popolazione si facesse prendere dal panico...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni