Milano, anche le farmacie nella Consulta per portare Ema in Italia

18/03/2017 08:37:12
Il 75% dei milanesi auspica l'insediamento dell'Agenzia europea per i medicinali nella capitale economica italiana e considera la città adatta ad ospitare le agenzie dell'Unione Europea, sia per il suo ruolo di centro economico dell'Italia (49%), sia per i buoni collegamenti con il resto d'Europa (41%). Per il 50% degli intervistati, inoltre, ciò consentirebbe un accrescimento del prestigio di Milano a livello internazionale, ma anche la creazione di nuovi posti di lavoro (45%), nonché, grazie all'indotto, un ritorno economico significativo (36%). E’ quanto riporta il sondaggio condotto da Swg e presentato ieri alla Triennale di Milano, nel corso del convegno promosso da Maurizio Bernardo, presidente della commissione Finanze della Camera, e Luigi Casero, viceministro dell'Economia, per fare il punto sulla candidatura del capoluogo lombardo quale sede delle agenzie Ue che dovranno traslocare da Londra. «L'idea» ha spiegato Bernardo «è quella di fare sistema con la società civile. Siamo convinti che Milano possa farcela e diventare un laboratorio europeo per progetti innovativi con cui raccogliere l’eredità della city londinese».

A fare sistema, in particolare, c’è la Consulta degli esperti, un comitato di 130 rappresentanti qualificati della società civile che nel corso del convegno milanese ha presentato le proposte con cui fare della città la capitale europea della finanza, per attrarre investimenti a 360 gradi: dai trasporti all'istruzione, passando per la sanità e l'incoming. «La Consulta» ha continuato Bernardo «è un'iniziativa che parte da me per coinvolgere i vertici delle categorie produttive e degli ordini professionali, vogliamo lavorare nell'interesse del Paese». «Questo» ha aggiunto Casero «è un progetto nazionale utile per il futuro del Paese, sul quale il Governo e la società civile stanno lavorando in maniera sinergica per superare le attuali debolezze. L'associazionismo è la grande forza dell'Italia e sarà determinante per raggiungere il nostro ambizioso obiettivo anche a livello internazionale».

Tra i componenti della Consulta la presidente di Federfarma Lombardia e della Federazione nazionale, Annarosa Racca, che ha assicurato al progetto la partecipazione delle farmacie e dei farmacisti. «Anche se nella quotidianità non ce ne accorgiamo» ha ricordato «le farmacie sono imprese con una forte vocazione alla tecnologia e all’informatizzazione. Possiamo sostenere la nuova dimensione internazionale di Milano così come, durante Expo 2015, abbiamo assicurato l’assistenza ai milioni di visitatori giunti da tutto il mondo». «Sarebbe davvero una grande occasione per il nostro Paese portare l'Agenzia per il farmaco da Londra a Milano» ha aggiunto Carlo Bonomi, vicepresidente di Assolombarda con delega al Credito, Finanza e Fisco «potremmo creare un modello con Parma, che ha l'Agenzia per l'alimentare, sul genere della Fda americana: oltre all'agenzia stessa e a coloro che lavorano, infatti, si spostano le aziende, arriva la convegnistica e anche dal punto di vista dell'indotto sarebbe una cosa importante».

Notizie correlate

24/06/2017

Ema, Mandelli e Gentiloni sulle voci di “combine” ai danni di Milano

«L'Italia ha tutte le carte in regola per ospitare l'Ema. Non va dimenticato, infatti, che siamo uno dei più importanti produttori farmaceutici in Europa e che la nostra industria è in grande crescita e vanta un export pari al 71% della produzione, a testimonianza...
20/06/2017

Ema: Rasi, decisione a ottobre, o rischio non funzionamento

«Il Consiglio europeo sta decidendo questa settimana i criteri di attribuzione dell'Ema, l'Agenzia europea per i medicinali, a una città piuttosto che all'altra. Se si accordano sui criteri è probabile avere una decisione a ottobre». A dirlo Guido Rasi, direttore esecutivo dell'Ema, interpellato in merito...
12/04/2017

Nuovi farmaci, Usa più veloci dell'Europa di 60 giorni

Stati Uniti più veloci dell'Europa nell'approvare i nuovi farmaci, in media di 2-3 mesi. E' questo il risultato del confronto fatto tra le due agenzie regolatorie, la Food and drug administation americana (Fda) e l'Agenzia europea dei farmaci (Ema), pubblicato sul New England Journal of medicine...
30/03/2017

Nessun farmaco venduto in Italia tra i generici sospesi da Ema

Nessun farmaco venduto in Italia rientra tra i generici di cui l'Agenzia Europea dei medicinali (Ema) ha chiesto la sospensione, a fronte di studi di bioequivalenza condotti dall'indiana Micro Therapeutic Research e ritenuti poco attendibili. A precisarlo è Assogenerici che sottolinea...
23/02/2017

Lorenzin, Italia ha tutte chance per Ema a Milano

«Penso che l'Italia abbia tutte le chance per aggiudicarsi l'Ema a Milano». Così il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, a margine di un incontro a Bruxelles. «Le chance sono concrete e pragmatiche» afferma Lorenzin «Milano è una città internazionale...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni