Gli emendamenti in Commissione che trattano di farmacia

14/11/2017 09:22:07
Aggiornamento delle agevolazioni alle farmacie rurali, allargamento della dpc anche ai farmaci innovativi, istituzione di un fondo per finanziare programmi di aderenza terapeutica nelle farmacie, sgravi fiscali ai titolari che aggiornano la dotazione informatica del loro esercizio per la nuova targatura europea anticontraffazione. Sono alcuni dei temi trattati dagli emendamenti alla Manovra per il 2018 di più stretto interesse per le farmacie, una decina circa sugli oltre quattromila presentati a Palazzo Madama entro la scadenza di venerdì scorso, 10 dicembre. In diversi casi si tratta di “ripescaggi”, cioè misure già presentate alle Camere in altre occasioni e accantonate per i più svariati motivi. E’ il caso, per esempio, degli emendamenti 41.34 (Mandelli-d’Ambrosio Lettieri) e 41.44 (Berger, Zeller, Palermo, Panizza, Lanièce, Orellana e Zin), che innalzano a 450mila e 300mila euro i tetti della 662/96 per le agevolazioni alle farmacie rurali: l’intervento non era riuscito a entrare né nel ddl concorrenza (estate 2016) né nella Legge di Bilancio per il 2017 (dicembre dell’anno scorso), ora si prova con la Manovra 2018.

Sa di déjà vu anche l’emendamento 41.46 (Santini), che propone di abbassare il quorum a 2.800 abitanti allo scopo di riassorbire i farmacisti titolari di parafarmacia (una proposta simile era già stata bocciata e stralciata dal ddl Lorenzin), l’emendamento 41.33 (di nuovo Mandelli-d’Ambrosio Lettieri), che recupera la norma sul cumulo delle professioni persa un mesetto fa sempre dal ddl Lorenzin, e le proposte 41.62 (Molinari, Bencini, Maurizio Romani, Uras) e 41.82 che salvano le graduatorie del concorso straordinario ripristinando il tetto dei 35 punti sulla maggiorazione ai rurali.

Tra le “new entry”, invece, si possono annoverare l’emendamento 41.19 (ancora Mandelli-d’Ambrosio Lettieri), che impone alle Regioni di distribuire tramite dpc i farmaci innovativi le cui condizioni d’impiego non richiedono una dispensazione in ambiente controllato, l’emendamento 41.47, che propone l’istituzione di un fondo – gestito dalle Regioni – destinato al finanziamento del monitoraggio in farmacia dell’aderenza terapeutica, e il 41.61, che riconosce alle farmacie pubbliche e private un credito d’imposta (fino a 500 euro) per l’aggiornamento informatico in vista dell’entrata in vigore del sistema europeo di tracciatura del farmaco.

Gli emendamenti sono ora all’esame della commissione Bilancio, che ha circa una settimana di tempo per vagliarli e votarli. La tabella di marcia della Manovra, infatti, prevede l’approdo all’aula del Senato entro il 23-24 novembre. (AS)

Ultime notizie

25/11/2017

Quattro semplici test possono scovare casi polmonite

Febbre, pulsazioni, saturazione di ossigeno e ascolto della cassa toracica. Questi quattro semplici test, afferma uno studio pubblicato dall'European Respiratory Journal, possono permettere al medico di famiglia di distinguere tra una polmonite e una più...
25/11/2017

Malattie reumatiche, farmaci innovativi solo al 22% pazienti

Più del 40% dei pazienti colpiti da malattie reumatiche gravi in Italia potrebbe trarre beneficio dai farmaci biologici, ma solo il 22% è trattato con queste armi molto potenti. Nel nostro Paese più di 5 milioni di persone vivono con la diagnosi di una di queste patologie...
25/11/2017

Oms, più di 1 bambino su 10 ogni anno nasce prematuro

Ogni anno nel mondo più di un bambino su 10 nasce prima del tempo, pari a circa 15 milioni di prematuri. Un fenomeno in crescita globale da 20 anni, che varia tra 184 paesi del mondo tra il 5 e 18%. Le complicazioni di un parto prima della 37/ma settimana di gestazione...
25/11/2017

Vaccini, a Roma serata Agifar per aiutare i farmacisti a informare correttamente

I vaccini, i falsi miti da contrastare e la corretta informazione da diffondere. Se n’è parlato giovedì nella serata organizza da Agifar Roma al Nobile Collegio per fare il punto su un tema che resta di scottante attualità. Perché non accenna a placarsi
25/11/2017

Farmacopea ufficiale, il ministero istituisce il tavolo per l’aggiornamento

Saranno Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona e componente del consiglio nazionale di presidenza, e Andrea Cicconetti, segretario di Federfarma Roma e componente del Consiglio delle Regioni, a rappresentare il sindacato titolari...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni