Anche al congresso Utifar prevale l’invito a fare squadra

14/11/2017 09:20:50
La nuova Tariffa nazionale dei medicinali, in vigore da poco meno di una settimana, merita l’attenzione della categoria non soltanto perché aggiorna e adegua prezzi che erano fermi da quasi 25 anni, ma getta anche le basi per un rilancio della preparazione magistrale personalizzata. E’ una delle risultanze provenienti dal congresso che l’Utifar ha dedicato venerdì 10 e sabato 11 novembre alle due novità legislative del comparto farmacia di più forte rilevanza: il decreto sulla nuova Tariffa e la Legge sulla concorrenza. I due provvedimenti, ha osservato Giulio Cesare Porretta, consigliere della società scientifica e componente del Tavolo tecnico che ha collaborato con il Ministero per l’aggiornamento del «sembrano indicare alla categoria due strade, una professionale e l’altra imprenditoriale, che non vanno considerate in antitesi tra loro». Andrea Mandelli, senatore e presidente della Fofi, ha ripercorso dal canto suo il complicato iter della legge 124/2017, che continua a non convincere i farmacisti. «Ora bisogna prendere in mano la situazione» ha detto Mandelli «fare rete per affrontare le sfide future», anzitutto attraverso le cooperative perché «la catena con gli anelli più solidi che si può fare è quella dei farmacisti».

Coesione e collaborazione sono la strada da perseguire anche per il presidente di Federfarma Nazionale, Marco Cossolo, che nel suo intervento ha ricordato la collegialità del lavoro dal quale è scaturita la nuova Tariffa. Ora, ha continuato, la stessa modalità di lavoro andrà messa in campo per cogliere le opportunità provenienti dalla territorializzazione dell’assistenza ai cronici: «La farmacia ha un grande vantaggio competitivo rispetto a tutti gli altri soggetti, pubblici e privati, che ambiscono a entrare in questo settore» ha concluso Cossolo «ma non possiamo stare fermi, perché quello che facevamo ieri oggi non è più sufficiente».

Il cuore delle argomentazioni di sabato 11 si è articolato soprattutto attorno alla Legge 124/2017; per la categoria ci sono sicuramente grosse criticità all’orizzonte, a partire per esempio da un probabile indebolimento della fondamentale capillarità e vicinanza alla popolazione tutta, con il disinteresse per le periferie e le aree rurali, a favore dei maggiori centri urbani, focus delle grandi catene.

Un invito a fare realmente rete e migliorare in alcuni aspetti del management aziendale come la gestione del personale e il controllo di gestione è invece arrivato da Giustino di Cecco, docente di Diritto societario all’Università Roma 3: i farmacisti, ha detto in particolare, devono comprendere appieno l’avvento di questa «nuova rivoluzione industriale» e valutare la costituzione di holding, società consortili o ancora società di capitali, per creare economie di scala e condividere il rischio. Va insomma «stimolata l’aggregazione» così come occorre «vigilare sul rispetto del vincolo della titolarità di non più del 20% delle farmacie presenti sul territorio della regione o della provincia autonoma». I valori dell’unità e della solidarietà, infine, sono stati ricordati anche dal docente di economia aziendale Franco Falorni, che ha definito il mondo delle cooperative «una palestra che allena la sensibilità alla solidarietà, lavorando per il “noi” e non solo per l’io».

Ultime notizie

25/11/2017

Quattro semplici test possono scovare casi polmonite

Febbre, pulsazioni, saturazione di ossigeno e ascolto della cassa toracica. Questi quattro semplici test, afferma uno studio pubblicato dall'European Respiratory Journal, possono permettere al medico di famiglia di distinguere tra una polmonite e una più...
25/11/2017

Malattie reumatiche, farmaci innovativi solo al 22% pazienti

Più del 40% dei pazienti colpiti da malattie reumatiche gravi in Italia potrebbe trarre beneficio dai farmaci biologici, ma solo il 22% è trattato con queste armi molto potenti. Nel nostro Paese più di 5 milioni di persone vivono con la diagnosi di una di queste patologie...
25/11/2017

Oms, più di 1 bambino su 10 ogni anno nasce prematuro

Ogni anno nel mondo più di un bambino su 10 nasce prima del tempo, pari a circa 15 milioni di prematuri. Un fenomeno in crescita globale da 20 anni, che varia tra 184 paesi del mondo tra il 5 e 18%. Le complicazioni di un parto prima della 37/ma settimana di gestazione...
25/11/2017

Vaccini, a Roma serata Agifar per aiutare i farmacisti a informare correttamente

I vaccini, i falsi miti da contrastare e la corretta informazione da diffondere. Se n’è parlato giovedì nella serata organizza da Agifar Roma al Nobile Collegio per fare il punto su un tema che resta di scottante attualità. Perché non accenna a placarsi
25/11/2017

Farmacopea ufficiale, il ministero istituisce il tavolo per l’aggiornamento

Saranno Marco Bacchini, presidente di Federfarma Verona e componente del consiglio nazionale di presidenza, e Andrea Cicconetti, segretario di Federfarma Roma e componente del Consiglio delle Regioni, a rappresentare il sindacato titolari...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni