Ddl Lorenzin: Fofi, Fnomceo e Fnovi chiedono incontro al Ministro

14/11/2017 09:20:57
Gli ordini di farmacisti, medici e veterinari confermano il proprio netto no alla riforma delle professioni sanitarie disegnata dal ddl Lorenzin (ora in attesa dell’ultimo voto, al Senato). E chiedono al ministro della Salute un incontro urgente, nel quale discutere delle disposizioni che la Camera ha introdotto all’articolo 4 stravolgendo il testo uscito in prima lettura da Palazzo Madama. E’ quanto si legge nel comunicato che Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnom), Federazione degli ordini dei farmacisti (Fofi) e Federazione nazionale degli ordini veterinari (Fnovi) hanno sottoscritto congiuntamente al termine del summit organizzato sabato scorso a Roma. «Il testo» recita la nota «non rappresenta lo strumento idoneo al rinnovamento delle professioni. Si tratta, infatti, di un impianto normativo che non affronta il cuore delle questioni, ma interviene su specifici punti del testo del 1946 senza proporre per gli Ordini un ruolo che sia effettivamente nuovo e moderno».

In particolare, continuano i tre ordini, non piace che «la nuova disciplina delle nostre professioni sia rinviata a regolamenti governativi e a un decreto del ministro della Salute», ossia «atti di rango secondario». Il testo, inoltre, «incide negativamente sull’autonomia ordinistica» e introduce «elementi innovativi sotto il profilo amministrativo e formale senza però entrare nel merito dei problemi reali delle professioni». Ma soprattutto, «non si affrontano questioni di sostanziale importanza quali il coordinamento con l’autorità giudiziaria nell’ambito disciplinare» e si consente che «il Codice deontologico, una volta approvato dal Consiglio nazionale, possa poi non essere recepito da alcuni Ordini provinciali, minando l’uniformità dei comportamenti deontologici». In attesa dell’incontro con il Ministero, i tre ordini hanno costituito «un Comitato di coordinamento permanente» aperto alle altre professioni sanitarie.

Ultime notizie

22/06/2018

Tg Federfarma Channel – Edizione del 23 giugno

In questo numero: Pgeu, a Marbella Diaday e farmacia italiana protagonisti. Tobia: “Il nostro futuro è vicino ai pazienti”; Violenza donne: farmacie del Veneto in rete con i centri specializzati; Convention FederSalus, cresce mercato integratori. Li consumano in 32 mln; Farmaci, Fnomceo: “Prontuario secondo equivalenza terapeutica penalizzante per i cittadini”
22/06/2018

Collo dolorante per l'uso del tablet? Le donne più colpite

(ANSA)- ROMA - Collo 'acciaccato' e dolorante dopo aver trascorso tempo al tablet? Capita di più alle donne che agli uomini, giovani più che di una certa età, e non è questione di tempo passato allo schermo ma piuttosto di postura. Il 'collo da IPad' (dall'inglese 'IPad neck') è infatti solitamente...
22/06/2018

In 5 anni metà delle aziende sanitarie ha subito furti

(ANSA) - ROMA - Dai medicinali ai macchinari, ben il 50% delle strutture sanitarie ed ospedaliere, ovvero una su due, negli ultimi cinque anni ha subito almeno un furto. È quanto emerge da una ricerca realizzata dalla Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso). Per...
22/06/2018

Ebola: Oms,epidemia 'largamente contenuta', ottimismo su fine

(ANSA) - ROMA - L'epidemia di Ebola in corso nella Repubblica Democratica del Congo, che ha provocato 28 morti in poco più di un mese, è stata 'largamente contenuta'. Lo afferma l'ultimo rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), secondo cui si guarda con 'cauto...
22/06/2018

Sla, produzione scientifica italiana seconda solo a Usa

(ANSA) - ROMA - "Negli ultimi 5 anni la produzione scientifica italiana sulla Sla è aumentata notevolmente ed è attualmente seconda solo agli Stati Uniti per numero di pubblicazioni. Siamo felici come AriSLA-Fondazione italiana di ricerca per la Sla, di aver contribuito significativamente...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni