Ddl Lorenzin: Fofi, Fnomceo e Fnovi chiedono incontro al Ministro

14/11/2017 09:20:57
Gli ordini di farmacisti, medici e veterinari confermano il proprio netto no alla riforma delle professioni sanitarie disegnata dal ddl Lorenzin (ora in attesa dell’ultimo voto, al Senato). E chiedono al ministro della Salute un incontro urgente, nel quale discutere delle disposizioni che la Camera ha introdotto all’articolo 4 stravolgendo il testo uscito in prima lettura da Palazzo Madama. E’ quanto si legge nel comunicato che Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnom), Federazione degli ordini dei farmacisti (Fofi) e Federazione nazionale degli ordini veterinari (Fnovi) hanno sottoscritto congiuntamente al termine del summit organizzato sabato scorso a Roma. «Il testo» recita la nota «non rappresenta lo strumento idoneo al rinnovamento delle professioni. Si tratta, infatti, di un impianto normativo che non affronta il cuore delle questioni, ma interviene su specifici punti del testo del 1946 senza proporre per gli Ordini un ruolo che sia effettivamente nuovo e moderno».

In particolare, continuano i tre ordini, non piace che «la nuova disciplina delle nostre professioni sia rinviata a regolamenti governativi e a un decreto del ministro della Salute», ossia «atti di rango secondario». Il testo, inoltre, «incide negativamente sull’autonomia ordinistica» e introduce «elementi innovativi sotto il profilo amministrativo e formale senza però entrare nel merito dei problemi reali delle professioni». Ma soprattutto, «non si affrontano questioni di sostanziale importanza quali il coordinamento con l’autorità giudiziaria nell’ambito disciplinare» e si consente che «il Codice deontologico, una volta approvato dal Consiglio nazionale, possa poi non essere recepito da alcuni Ordini provinciali, minando l’uniformità dei comportamenti deontologici». In attesa dell’incontro con il Ministero, i tre ordini hanno costituito «un Comitato di coordinamento permanente» aperto alle altre professioni sanitarie.

Ultime notizie

22/02/2018

Stati Generali della Farmacia, boom di adesioni. Quasi 3mila i partecipanti

Sono quasi 3mila, per la precisione 2850, i partecipanti agli Stati Generali della Farmacia Italiana, in programma per il prossimo 26 febbraio a Roma presso il Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts, Via Alberto Cadlolo, 10...
22/02/2018

Tg Federfarma Channel - Edizione del 22 febbraio 2018

È online la nuova edizione del Tg di Federfarma Channel. Clicca qui per vedere il numero di oggi...
22/02/2018

Sardegna, hub unico farmaco: risparmi per 18 mln

La Giunta della Regione Sardegna ha assegnato all'Ats il compito di sviluppare un programma operativo per l'attivazione di un hub unico del farmaco, che centralizzi i magazzini farmaceutici degli ospedali regionali...
22/02/2018

Studi di settore, modelli definitivi su sito Agenzia Entrate. Disponibile quello per le farmacie

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibili sul proprio sito i nuovi modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore relativi all’anno 2017, approvati definitivamente con il Provvedimento del Direttore del 31 gennaio 2018...
22/02/2018

Federfarma Torino, farmacia protagonista degli incontri con la politica

Concluse le tre giornate che Federfarma Torino ha offerto ai candidati alla Camera e al Senato alle prossime elezioni politiche del 4 marzo per incontrare i farmacisti...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni