Bpco: un paziente su quattro non aderente alla terapia

13/09/2017 08:05:31
Nonostante sia una delle malattie più diffuse nei Paesi avanzati, soltanto il 10% degli italiani dice di aver sentito parlare di Bpco. Contro il 45% dei tedeschi, il 44% degli inglesi, il 41% degli spagnoli e il 20% dei belgi. Lo rivela un’indagine realizzata a luglio da GfK Eurisko in cinque paesi europei su un campione di 4.250 persone dai 18 anni in poi. In media, riferisce di avere già sentito l’acronimo Bpco il 35% degli intervistati, ma soltanto il 10% la sa tradurre in Broncopneumopatia cronica ostruttiva. Troppo pochi per una patologia che colpisce 348 milioni di persone nel mondo e che sarà la terza causa di decesso entro il 2020.

Se non altro, la malattia viene considerata grave o molto grave dalla quasi totalità degli intervistati (95%) e nella classifica delle patologie più severe viene messa al quinto posto dopo cancro, infarto, ictus e Alzheimer. Anche riguardo alla prevenzione c'è un buon livello di consapevolezza: per la maggior parte delle persone che la conoscono, la Bpco può essere prevenuta smettendo di fumare (84%) e facendo controlli periodici (63%). Il fumo, in particolare, è considerato la causa principale della malattia (da oltre l’80% di chi ne ha sentito parlare), seguito dall'inquinamento (54%) e dalla familiarità (37%). «È indispensabile che si alzi la guardia su questa malattia» commenta Leonardo Fabbri, visiting professor di Medicina interna e respiratoria Ferrara e Gothenburg, in Svezia «pochi forse sanno che oggi la mortalità di chi è ricoverato per infarto è del 15% a tre anni, quella un paziente con Bpco ricoverato per riacutizzazione è del 50% nello stesso periodo».
La patologia, poi, continua a essere caratterizzata da un elevato tasso di non aderenza terapeutica: soltanto il 35% dei pazienti intervistati assume un unico farmaco, il 42% ne assume due e il 23% tre o più. Questo significa per molti gestire più inalatori, cosa che si riflette sull'aderenza al trattamento. Se il 75% segue le prescrizioni del medico, infatti, uno su quattro ammette di non riuscirci: la metà perché si sente meglio e pensa di non aver bisogno del farmaco, il 41% perché si dimentica, il 13% perché «assumere tante medicine lo fa sentire malato». Altri ancora sostengono che «è difficile utilizzare differenti tipi di inalatore», che la cura non è efficace o è complicata ed è facile commettere errori.
«La Bpco colpisce milioni di persone in tutta Europa e Chiesi è fortemente impegnata in ambito respiratorio in modo da sviluppare nuove opzioni terapeutiche che potrebbero aiutare questi pazienti» è la riflessione finale diAlessandro Chiesi, region Europe head del Gruppo Chiesi «è anche con questo obiettivo che abbiamo sviluppato la prima tripla associazione fissa extrafine di ICS/LABA/LAMA recentemente approvata dalla Commissione europea. Basata su 12 studi di efficacia e sicurezza che hanno coinvolto oltre settemila pazienti, è la prima tripla associazione disponibile in un unico inalatore. Ora vogliamo rendere accessibile il farmaco a tutti i pazienti nel più breve tempo possibile».

Ultime notizie

20/06/2018

Catene e rurali: il caso Uk che fa discutere sui rischi per le aree “depresse”. Pagliacci: “Parola d’ordine, vigilare”

Inghilterra, fine dicembre 2017. La catena Lloyds (McKesson) decide di chiudere 190 farmacie in quanto non più redditizie. Una di queste risiede in un’area depressa all’interno della città di Oxford.  In tale area non sono disponibili altre farmacie e quella chiusa spediva in media 4.000 ricette/mese. Come riporta il sito chemistanddruggist.co.uk...
20/06/2018

Tg Federfarma Channel – Edizione del 20 giugno

In questo numero: Catene e rurali: il caso Uk che fa discutere sui rischi per le aree “depresse”. Pagliacci: “Parola d’ordine, vigilare”; Gdpr, Federfarma fissa le date per incontri formativi. Iscrizioni fino al 29 giugno; Torino, Ordine dei Farmacisti e Università insieme per il futuro della professione; “Manuale pratico per la gestione della farmacia”. Oggi presentazione al Nobile Collegio

20/06/2018

Gdpr, Federfarma fissa le date per incontri formativi. Iscrizioni fino al 29 giugno

Mentre la commissione speciale del Senato, che deve fornire un parere sul decreto di adeguamento della normativa italiana al Regolamento Ue Gdpr, prende tempo a causa delle “Numerose criticità” emerse dal testo, Federfarma comunica che l’incontro di formazione concernente la nuova  normativa europea sulla privacy...
20/06/2018

Torino, Ordine dei Farmacisti e Università insieme per il futuro della professione

Torna, anche quest’anno, il Master universitario di secondo livello in Farmacia Territoriale “Chiara Colombo”. Si sono aperte a metà giugno le iscrizioni per l’anno accademico 2018-2019. Il corso, che nasce dalla collaborazione tra Università degli Studi e Ordine dei...
20/06/2018

“Manuale pratico per la gestione della farmacia”. Oggi presentazione al Nobile Collegio

Aiutare i farmacisti a districarsi nei complessi adempimenti previsti dalla legge, sia nella fase autorizzativa sia successivamente durante lo svolgimento del servizio...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni