DocMorris pronta ad aprire tele-dispensari nei piccoli paesi

13/09/2017 08:00:32
DocMorris è pronta ad aprire in Germania altri dispensari automatizzati nei piccoli paesi che non sono più serviti dalle farmacie tradizionali. Prima, però, attenderà l’esito dei due contenziosi che gravano sul “tele-sportello” di Hüffenhardt, il comune del Baden-Württemberg dove la catena olandese – controllata dal distributore svizzero Zür Rose – aveva aperto ad aprile il primo di tali dispensari: un distributore automatizzato con scanner ottico legge le ricette e dispensa i farmaci (stoccati nel magazzino del punto vendita) e se l’assistito ha bisogno di consigli un monitor tv lo collega alla centrale olandese dell’insegna, dove un farmacista risponde alle sue domande. «Vogliamo garantire l’accesso al farmaco a tutti gli abitanti delle zone rurali» ha dichiarato a un’agenzia di stampa tedesca l’amministratore delegato del gruppo elvetico, Walter Oberhänsli «soprattutto in quei piccoli paesi dove le farmacie in calce e mattoni chiudono».

Sui piani di DocMorris, però, pesa l’incognita delle due cause ancora in itinere. Innanzitutto, ricorda in un articolo la rivista specializzata Daz.online, c’è il ricorso dell’associazione titolari del Baden-Württemberg davanti al tribunale di prima istanza di Mosbach: i giudici avevano disposto in via cautelativa la chiusura del “tele-sportello” di Hüffenhardt, ma per novembre dovrebbe arrivare la sentenza di merito. Poi c’è la causa davanti al tribunale amministrativo di Karlsruhe, in questo caso avviata dalla catena olandese per opporsi alla revoca dell’autorizzazione decretata dall’amministrazione sanitaria regionale: una data per il giudizio di merito ancora non è stata fissata, ma la speranza di DocMorris è che non ci sia da aspettare a lungo. E se l’esito dovesse essere favorevole, il gruppo lancerà la sua campagna di nuove aperture. (AS)

Ultime notizie

20/06/2018

Catene e rurali: il caso Uk che fa discutere sui rischi per le aree “depresse”. Pagliacci: “Parola d’ordine, vigilare”

Inghilterra, fine dicembre 2017. La catena Lloyds (McKesson) decide di chiudere 190 farmacie in quanto non più redditizie. Una di queste risiede in un’area depressa all’interno della città di Oxford.  In tale area non sono disponibili altre farmacie e quella chiusa spediva in media 4.000 ricette/mese. Come riporta il sito chemistanddruggist.co.uk...
20/06/2018

Tg Federfarma Channel – Edizione del 20 giugno

In questo numero: Catene e rurali: il caso Uk che fa discutere sui rischi per le aree “depresse”. Pagliacci: “Parola d’ordine, vigilare”; Gdpr, Federfarma fissa le date per incontri formativi. Iscrizioni fino al 29 giugno; Torino, Ordine dei Farmacisti e Università insieme per il futuro della professione; “Manuale pratico per la gestione della farmacia”. Oggi presentazione al Nobile Collegio

20/06/2018

Gdpr, Federfarma fissa le date per incontri formativi. Iscrizioni fino al 29 giugno

Mentre la commissione speciale del Senato, che deve fornire un parere sul decreto di adeguamento della normativa italiana al Regolamento Ue Gdpr, prende tempo a causa delle “Numerose criticità” emerse dal testo, Federfarma comunica che l’incontro di formazione concernente la nuova  normativa europea sulla privacy...
20/06/2018

Torino, Ordine dei Farmacisti e Università insieme per il futuro della professione

Torna, anche quest’anno, il Master universitario di secondo livello in Farmacia Territoriale “Chiara Colombo”. Si sono aperte a metà giugno le iscrizioni per l’anno accademico 2018-2019. Il corso, che nasce dalla collaborazione tra Università degli Studi e Ordine dei...
20/06/2018

“Manuale pratico per la gestione della farmacia”. Oggi presentazione al Nobile Collegio

Aiutare i farmacisti a districarsi nei complessi adempimenti previsti dalla legge, sia nella fase autorizzativa sia successivamente durante lo svolgimento del servizio...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni