Da Federanziani, Sunifar e Anpci “patto” per la farmacia sociale

21/11/2015 08:57:10
Coordinare azioni e interventi a tutela delle piccole comunità in vista dell’applicazione della legge Delrio, che impone l’accorpamento dei comuni con meno di cinquemila abitanti. E’ l’impegno sottoscritto ieri a Rimini da Sunifar, Federanziani e Anpci (Associazione nazionale piccoli comuni italiani) all’apertura del IV Congresso della Corte di giustizia popolare per il diritto alla salute, il forum di Federanziani che raduna ogni anno professioni sanitarie e politica per discutere di Ssn. Massiccia, in particolare, la partecipazione dei titolari di farmacia, giunti da tutta Italia per presenziare alla firma dell’accordo. «Con questa intesa» ha spiegato Roberto Messina, presidente della Federazione «si avvia un percorso comune per la tutela dei territori». L’obiettivo, in particolare, è quello di agire in modo concertato per prevenire letture impreviste della legge Delrio: «Siamo di fronte a una normativa ambigua che potrebbe scatenare scenari altrettanto ambigui. Resta ancora da capire, per esempio, quali ricadute avranno gli accorpamenti sulle Piante organiche. E non solo: un’applicazione “ottusa” della normativa potrebbe determinare “l’estinzione” delle farmacie rurali, perché c’è il rischio che rimangano soltanto comuni dai 5mila abitanti in su».

Le stesse preoccupazioni sono state espresse anche dalle altre sigle firmatarie. Per Franca Biglio, presidente dell’Anpci, «le piccole farmacie sono un servizio da preservare con ogni sforzo, dato che nelle comunità più lontane stanno già sparendo tutti gli altri servizi». D’accordo anche Giacomo Milillo, segretario nazionale della Fimmg, e Roberto Messina, presidente di Federanziani, che ha lanciato grida di guerra: «Chi vuole la morte delle farmacie rurali, con l’accorpamento dei piccoli comuni o la liberalizzazione della fascia C, dovrà passare sul nostro corpo: nelle comunità più remote, la farmacia rurale è una presenza irrinunciabile». Ed ecco allora perché, da Rimini, il Sunifar “rimarchia” la ruralità per enfatizzarne il ruolo: «farmacia rurale è una definizione che non calza più e suggerisce significati imprecisi» dice a Filodiretto Orlandi «oggi è più giusto parlare di farmacie sociali, ognuna delle quali ha sottoscritto con la propria comunità e con il suo sindaco un patto imperniato sulla tutela della salute. Questo patto è ciò che Anpci, Federanziani e Sunifar intendono difendere con l’accordo firmato ieri».
Tra gli ospiti dei lavori congressuali di oggi, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. (AS)

Notizie correlate

16/05/2018

Pagliacci: “Puntiamo ad aumentare Fondo solidarietà piccole farmacie. Su indennità di ruralità pronta proposta Sunifar”

Nell’ultimo Consiglio di presidenza di Federfarma, dello scorso 9 maggio, sono stati due i punti fondamentali in fatto di farmacie rurali. “Per prima cosa – ha spiegato la presidente del Sunifar, Silvia Pagliacci, ospite di Federfarma Channel - si è deliberato di chiedere a Promofarma ulteriori dividendi della società nella misura di centomila euro che andranno ad integrare il Fondo di solidarietà che Federfarma destina alle piccole farmacie e che passerà così da 600mila a 700mila euro...
11/05/2018

Ruralità, il Consiglio di Presidenza ratifica i nuovi criteri

Il Consiglio di Presidenza di Federfarma, di mercoledì 9 maggio, ha ratificato la ridefinizione dei criteri di ruralità che la Commissione dedicata ha prodotto tenendo conto della Legge istitutiva 221 e alla luce del nuovo accordo convenzionale...
06/04/2018

Calcolo fatturato Ssn, dalle Marche sì a parere ministeriale. D’Avella: “Boccata d’ossigeno per le rurali terremotate”

La Regione Marche ha recepito l’indicazione del ministero della Salute in merito al calcolo del fatturato annuo Ssn delle farmacie per la determinazione degli sconti agevolati...
15/03/2018

Ruralità, cronicità e campagna ipertensione: i tre punti del Consiglio Federfarma

Al Consiglio nazionale di Federfarma, sono stati tre i punti fondamentali all’ordine del giorno: il discorso sulla ruralità; il Piano cronicità e una nuova campagna che partirà...
07/03/2018

Dal Consiglio di Stato parola definitiva su concorsi e tetti ruralità

Con una serie di sentenze ravvicinate, nei giorni scorsi il Consiglio di Stato ha messo fine alla querelle relativa a concorsi e tetti per le ruralità. Il punteggio massimo dei 35 punti è invalicabile e non è praticabile la somma delle attribuzioni premiali “tale da realizzare l'esubero del punteggio compensativo di 6,5”... 


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni