Studi di settore, anche per farmacisti ‘congrui’ e ‘coerenti’ previsto regime premiale

13/06/2018 09:02:42
Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha emanato il provvedimento che individua i 155 studi di settore cui è consentito, per l’anno 2017, l’accesso al “regime premiale”. Il provvedimento conferma i criteri di accesso definiti per l’anno 2016. Il “regime premiale” è arrivato al settimo, ed ultimo, anno di applicazione e le farmacie che dichiarano fedelmente i dati degli studi di settore e che risultano “congrui” - anche per effetto di adeguamento - e “coerenti” alle risultanze dei medesimi potranno accedere al esso anche per l’anno 2017. Per il prossimo anno troveranno applicazione gli indici sintetici di affidabilità (Isa).
Federfarma - in una circolare - ha ricordato che sono stati previsti, nei confronti dei contribuenti soggetti agli studi di settore che dichiarano, anche per effetto di adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dell’applicazione degli studi medesimi (c.d. “contribuenti congrui”): l’esclusione dagli accertamenti basati sulle presunzioni semplici; la riduzione di un anno dei termini di decadenza per l’attività di accertamento da parte degli uffici finanziari (quindi, tale termine passa dal quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione, al quarto anno); l’ammissione dell’accertamento sintetico solo a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno 1/3 quello dichiarato. Ciò a condizione che il contribuente abbia regolarmente assolto gli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, e che la sua posizione  risulti “coerente” con gli specifici indicatori previsti dagli studi di settore.
La scelta degli studi da “premiare”, secondo il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, è stata condotta tra quelli che hanno indicatori di coerenza economica già approvati e riferibili ad almeno quattro delle seguenti tipologie: efficienza e produttività del fattore lavoro; efficienza e produttività del fattore capitale; efficienza di gestione delle scorte; redditività; struttura; ovvero a tre di esse che contemporaneamente devono prevedere l’indicatore “Indice di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti”.

Notizie correlate

22/02/2018

Studi di settore, modelli definitivi su sito Agenzia Entrate. Disponibile quello per le farmacie

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibili sul proprio sito i nuovi modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore relativi all’anno 2017, approvati definitivamente con il Provvedimento del Direttore del 31 gennaio 2018...
02/02/2016

Farmacie tra le imprese più “sincere” verso il Fisco

Nel panorama nazionale delle imprese che applicano gli studi di settore, le farmacie del territorio sono tra quelle che più si distinguono per correttezza e sincerità nei confronti del Fisco. E’ quanto rivelano i dati statistici con cui l’Agenzia delle Entrate...
11/09/2014

Fisco, dal nuovo studio di settore le otto "anime" della farmacia

C’è la farmacia rurale, che in media dispone di 48 metri quadri di superficie. C’è la farmacia con una spiccata vocazione sul parafarmaco (cosmetico, alimenti speciali e integratori), che invece arriva a 70 metri quadri. E c’è la farmacia nei centri commerciali, che di metri quadri ne misura in media 102. I dati arrivano dalle “clusterizzazioni” che hanno fatto da base al...
09/09/2014

Fisco, diffusi gli indirizzi operativi per la lotta all’evasione

Nel 2014 l’impegno dell’amministrazione finanziaria sul fronte della lotta all’evasione si concentrerà soprattutto sulle irregolarità più gravi, che provocano distorsioni alla libera concorrenza o danneggiano i contribuenti che invece rispettano gli adempimenti...
07/07/2014

Studi di settore, premialità per farmacie congrue e coerenti

Ci sono anche le farmacie tra le categorie che per l’anno fiscale 2013 potranno accedere al “regime premiale” in caso di congruità e coerenza alle risultanze degli studi di settore. A stabilirlo il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate che applica...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni