Edicola

Farmacie tra le imprese più “sincere” verso il Fisco

02/02/2016 00:53:12
Nel panorama nazionale delle imprese che applicano gli studi di settore, le farmacie del territorio sono tra quelle che più si distinguono per correttezza e sincerità nei confronti del Fisco. E’ quanto rivelano i dati statistici con cui l’Agenzia delle Entrate ha fatto un bilancio di quattro anni di dichiarazioni dei redditi, passando al setaccio le oltre 200 categorie economiche sottoposte a studio di settore. La fotografia che emerge da questo strumento di compliance fiscale mostra parecchie ombre: i contribuenti non congrui, per esempio, sfiorano nel 2014 il 34% (in altri termini, risulta fuori dai parametri quasi una posizione su tre) e aumentano di anno in anno: erano poco più del 28% nel 2013 e il 26% nel 2012. Stesso andamento per le imprese incoerenti: nel 2014 sono il 57%, l’anno prima erano il 53% e quello prima ancora il 47% circa.

  2014 2013 2012
Imprese, posizioni congrue 66,22% 71,94% 73,82%
- di cui coerenti 57,96% 60,19% 65,83%
- di cui non coerenti 42,04% 39,81% 34,17%
Farmacie, posizioni congrue 87,19% 90,59% 91,23%
- di cui coerenti 75,15% 69,82% 68,72%
-di cui non coerenti 24,85% 30,18% 31,28%


Numeri decisamente diversi, invece, per le farmacie: a fronte di una congruità media del 66,2%, i presidi dalla croce verde fanno registrare un'incidenza addirittura dell’87,2%; e se sul totale delle imprese soggette a studi di settore la coerenza viaggia attorno al 43% circa, tra le farmacie si avvicina al 68%. Certo anche tra le farmacie si registrano negli anni significativi mutamenti: i presidi dalla croce verde incongrui erano l’8,7% nel 2012, salgono a 9,4% nel 2013 e superano il 12% nel 2014. In controtendenza invece le farmacie incoerenti: erano il 37% nel 2012, sono il 36% nel 2013 e scendono al 32,2% nel 2014. «L’aumento delle posizioni incongruenti» commenta Giovanna Castelli, consulente fiscale di Federfarma «si spiega soprattutto con la progressiva riduzione delle soglie oltre le quali scattano i correttivi anticrisi; oggi non entrano in azione con la stessa facilità di un tempo e quindi aumentano le incongruità, anche perché la congiuntura si è rasserenata soltanto in alcune aree del Paese». Per quanto concerne il trend a calare delle incoerenze, per Castelli la causa principale va cercata «nel calo progressivo del valore medio al quale si acquistano le farmacie, per cui si contrae l’incidenza degli ammortamenti sui costi d’impresa». (AS)

Notizie correlate

03/06/2016

Mef, farmacie sempre tra le più ligie ai doveri verso il Fisco

Tra tutte le attività d’impresa sottoposte a studio di settore, le farmacie rimangono tra le più “ligie” ai doveri fiscali. Lo dicono le statistiche del ministero delle Finanze sugli studi di settore 2015, relativi alla dichiarazione dei redditi dell’anno precedente...
19/05/2016

Piano cronicità, farmacie «punto di riferimento» per dpc e servizi

Per la persona affetta da cronicità e per i suoi familiari le farmacie del territorio sono «un punto di riferimento», perché rappresentano «il più agevole e frequente» sportello di accesso alle risorse del Ssn. Per tale motivo, vanno coinvolte «nelle attività di...
17/03/2016

Lorenzin: toccare le farmacie significa innescare un problema sociale

Ogni possibile intervento sulla distribuzione del farmaco e sulla farmacia dovrebbe essere valutato in una visione di sistema, quello del Ssn. Le farmacie hanno un ruolo e svolgono un servizio, in certe aree del Paese suppliscono anche alle carenze del territorio. Toccarle può finire per innescare un problema sociale...
04/02/2016

Peña (Fip): in Italia rete farmacie professionale ed efficiente

Il dibattito sulla deregulation dei farmaci con ricetta? Si fa fatica a capirne i motivi dato che l’Italia dispone di una rete di farmacie professionale ed efficiente, grazie alla quale i bisogni della popolazione vengono adeguatamente soddisfatti anche negli angoli più remoti del Paese...
27/05/2015

Piano nazionale fertilità: la collaborazione delle farmacie

“Le farmacie collaboreranno nel  realizzare gli obiettivi del Piano Nazionale per la Fertilità facendo la loro parte nell’opera di sensibilizzazione dei cittadini su questo importante tema di salute pubblica. Ben venga in questo quadro l’istituzione dall’anno prossimo della Giornata nazionale “Fertility Day” (7 maggio), durante la quale le farmacie potranno dare...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata.
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata.
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni