Edicola

Ddl concorrenza, non passano gli emendamenti sulla fascia C

03/03/2016 00:25:21
Sono stati tutti bocciati gli emendamenti al ddl concorrenza su fascia C e farmacia non convenzionata. E’ l’esito della seduta con cui ieri sera la commissione Industria del Senato ha passato al vaglio le proposte di modifica all’articolo 48 del disegno di legge, quello sul capitale nelle farmacie. Come già era capitato alla Camera, il gruppo di lavoro non ha fatto altro che riordinare gli emendamenti in tre gruppi: approvati, accantonati e respinti, per inammissibilità, incoerenza di materia o altre ragioni. Sparuto il primo elenco, che comprende soltanto due proposte: l’emendamento 48.50, che consente alle società di farmacisti di nominare il direttore anche tra i non soci, e il 48.0.15, che recepisce e rafforza il provvedimento dell’Aifa sulla fornitura in farmacia dei bugiardini modificati anche via e-mail.

Molto più corposo l’elenco delle modifiche «accantonate», ossia parcheggiate per un eventuale recupero nel pacchetto di emendamenti con cui i relatori del ddl dovrebbero “sintetizzare” gli orientamenti sedimentati in Commissione. Appartengono a questo gruppo gran parte delle proposte che mirano ad accrescere i paletti sulla presenza del capitale nella titolarità (mantenendo la maggioranza dei voti o delle quote azionarie ai farmacisti oppure limitando l’estensione delle catene), gli emendamenti che introducono un contributo a carico delle società proprietarie pari al 2% del fatturato annuo, da versare all’Enpaf per la sostenibilità della previdenza di categoria, le modifiche che trasformerebbero in spa le gestioni associate istituite dal decreto “Cresci-Italia” per il concorso straordinario e infine gli emendamenti sul cosiddetto patent linkage, che agevolerebbero la competitività dei generici sugli originator di riferimento.

Chiude il terzo gruppo, quello delle proposte respinte. Tra queste, come detto, tutte le modifiche che in qualche modo avrebbero fatto uscire la fascia C dalla farmacia, compresi gli emendamenti per la cosiddetta “farmacia non convenzionata”. Bocciati, causa inammissibilità, anche gli emendamenti che avrebbero consentito ai farmacisti non titolari di ottenere una sede vacante mediante semplice domanda anziché tramite concorso, e quelli che tramite una tantum o revisione dei parametri miravano a irrobustire le indennità riconosciute alle farmacie rurali (bocciati per gli effetti che avrebbero comportato sulle finanze pubbliche).
Scremati gli emendamenti, la Commissione dovrà ora votare il testo per poi passarlo all’aula del Senato. Per agevolare il lavoro, i due relatori del ddl Salvatore Tomaselli (Pd) e Luigi Marino stanno lavorando a un pacchetto di emendamenti. Il quale però, secondo un lancio di agenzia della tarda serata di ieri, non sarà pronto prima della prossima settimana. (AS)

Notizie correlate

28/01/2017

Ddl concorrenza, Marino: su iter incognita della legge elettorale

Sul ddl concorrenza l’intenzione di Governo e maggioranza è quella di procedere spediti, ma da un paio di giorni c’è da fare i conti con l’incognita della legge elettorale, che potrebbe scompaginare l’agenda parlamentare. E’ quanto spiega a Filodiretto il senatore...
21/01/2017

Ddl concorrenza, mercoledì riunione decisiva Governo-maggioranza

Potrebbe essere disvelato mercoledì prossimo il futuro prossimo venturo del ddl concorrenza, fermo da settembre al Senato dopo aver ottenuto il via libera della commissione Industria. Il 25 gennaio, infatti, il disegno di legge sarà al centro di un incontro tra Governo e maggioranza cui parteciperanno il ministro dello Sviluppo economico...
11/01/2017

Ddl concorrenza, il Governo lo pone tra le priorità

Il ddl concorrenza rappresenta una delle priorità del governo Gentiloni, che potrebbe riaccendere i motori del disegno di legge già dalle prossime settimane. E’ quanto trapela dalle due riunioni convocate lunedì pomeriggio a Palazzo Chigi e al...
15/10/2016

Calenda: ddl concorrenza dopo referendum, ma resta no a fascia C

Il ddl concorrenza verrà esaminato dall’aula di Palazzo Madama soltanto dopo il referendum costituzionale del 4 dicembre. E sui farmaci con ricetta non ci saranno ripensamenti, la deregulation resta fuori perché il testo «è ormai quello in discussione»...
12/10/2016

Concorrenza ancora in stand by, rinvio a dopo referendum

Nebbia ancora fitta, al Senato, sul passaggio in aula del ddl concorrenza, al quale continuano a mancare i pareri di rito della commissione Bilancio sugli emendamenti al testo. Nessuna schiarita neanche dalla riunione dei capigruppo di ieri sera...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata.
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata.
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni