Edicola

Carenze, un articolo di Repubblica riapre il dibattito

05/03/2016 08:06:24
La stampa generalista torna a occuparsi di carenze e nella filiera così come tra le istituzioni si riapre il dibattito su cause e reali dimensioni del fenomeno. Ad aprire è l’articolo con cui ieri il quotidiano la Repubblica si è messo a spulciare gli elenchi Aifa dei farmaci mancanti, aggiornati a febbraio: in quelle liste, riporta il pezzo, si contano circa 1.200 prodotti, anche importanti come antivirali, anti-Parkinson e via di seguito. E le irreperibilità vanno imputate a «problemi di produzione», «difficoltà distributive» o ancora per «scelte aziendali» legate ai prezzi di vendita sempre più risicati. Quando invece la carenza è circoscritta a una specifica area geografica, è più facile che all’origine ci sia «l’esportazione parallela».

Il servizio ha riattirato velocemente l’attenzione generale sulla questione. Federico Gelli, deputato Pd e responsabile per la Sanità del Partito democratico, ha annunciato che proporrà alla commissione Affari sociali della Camera di chiamare in audizione l’Aifa perché relazioni sul fenomeno. «Le scelte del mercato e della distribuzione« ha detto «non possono mettere a rischio la salute dei malati». Dall’Agenzia però qualche precisazione già trapela: intervistato dall’AdnKronos a proposito del servizio di Repubblica, il direttore dell'Ufficio qualità dei prodotti e contraffazione dell'Aifa, Domenico Di Giorgio, ha subito tranquillizzato: soltanto il 5% di quei 1.200 farmaci registrati nell’elenco è privo di alternative farmaceutiche; in altri termini, tolta una sessantina di medicinali, tutti gli altri possono essere facilmente sostituiti dal paziente per evitare interruzioni della terapia. «Sul fenomeno delle carenze» afferma in particolare Di Giorgio «c'è molta attenzione (a Filodiretto disse che c’era «una sovraesposizione da distorsione mediatica», ndr) e negli anni sono stati messi in campo interventi non standard» che in altri Paesi mancano del tutto.

Nella filiera, invece, la parola carenze è soprattutto sinonimo di parallel trade: «Quello delle irreperibilità» è la riflessione della presidente di Federfarma, Annarosa Racca «è un problema reale e frequente, che è dovuto in molti casi all'esportazione parallela. La pratica è perfettamente legale perché siamo nel Mercato unico, ma per noi è necessario vigilare: prima vanno rifornite le farmacie italiane e i loro assistiti, poi si può esportare. Da tempo chiediamo maggiore severità nel rilascio delle autorizzazioni per fare distribuzione all’ingrosso». Anche per il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, tra le cause delle carenze c’è l’esportazione parallela: «Dipende dal fatto che alcuni farmaci in Italia costano meno che all'estero, così a qualcuno conviene comprarli da noi e poi portarli in altri Paesi». Il parallel trade, continua Scaccabarozzi, «si potrebbe superare se i prezzi in Italia fossero più bassi solo quando i farmaci vengono venduti al Servizio sanitario nazionale», ma rimarrebbero comunque le altre cause del fenomeno carenze: problemi di produzione, difficoltà di approvvigionamento eccetera. «In questi casi» ricorda il presidente di Farmindustria «c'è un canale aperto con l'Aifa, per la segnalazione immediata. E le giacenze restanti vengono riservate ai pazienti già in terapia». (AS)

Notizie correlate

18/03/2017

Sostanze irreperibili della tabella 2, Federfarma fa il punto

Causa carenze e interruzioni nella produzione, le farmacie del territorio stanno incontrando difficoltà ad assicurare la disponibilità di alcune delle sostanze obbligatorie elencate dalla tabella 2 della Farmacopea ufficiale. E’ il caso, in particolare, dell’ampicillina...
04/03/2017

Farmacisti-grossisti, Di Giorgio (Aifa): si va nel giusto verso

«Ognuno difende il proprio business ed è comprensibile che sia così, ma prima viene la tutela della salute e dunque la continuità della tracciatura del farmaco nel circuito distributivo». Sono le parole con cui Domenico Di Giorgio, direttore dell’Ufficio qualità e contraffazione dell’Aifa, tira un bilancio della riunione tenuta lunedì scorso dal Tavolo sulle carenze...
01/03/2017

Al tavolo carenze chiarimento serrato tra Aifa e farmacisti-grossisti

Sull’insovrapponibilità tra vendita al dettaglio e distribuzione all’ingrosso di farmaci, così come enunciata dal parere del ministero della Salute del 2 ottobre 2015, Aifa e filiera del farmaco non sono disponibili a fare passi indietro...
07/10/2016

Protocollo carenze, dopo Lazio e Lombardia firma anche il Friuli

Dopo quelle di Lazio e Lombardia, spunta anche la firma del Friuli Venezia Giulia in calce al protocollo sulle carenze firmato il 13 settembre da ministero della Salute, Aifa e filiera del farmaco. Lo sancisce la delibera approvata dalla Giunta regionale venerdì scorso...
04/10/2016

Fenomeno carenze in cima all'agenda del meeting Ue di Bratislava

Per monitorare e contrastare le carenze di farmaci, i Paesi Ue potrebbero mettere in piedi un sistema con cui scambiarsi reciprocamente segnalazioni e avvisi. Una piattaforma “web-based”, magari gestita e certificata dall’Ema, che consentirebbe di avere...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni