Edicola

Def 2014, il Governo rassicura: niente tagli alla Sanità

07/04/2014 23:32:10
Non ci saranno tagli al Fondo sanitario nazionale, né quest’anno né il prossimo. E i risparmi che assicurerà la spending review rimarranno nel Ssn, come già promesso. Sono le rassicurazioni che il Governo ha fornito venerdì alle Regioni, nell’incontro con cui si è riaperto il tavolo per il nuovo Patto della Salute. Era ciò che i governatori volevano sentire, anche se la guardia rimane alta fino a quando gli impegni non verranno messi nero su bianco. «Siamo soddisfatti dell'incontro e ci aspettiamo che alle parole ci sia un seguito con i fatti» ha dichiarato all’Ansa l'assessore alla Sanità della Toscana, Luigi Marroni «lo spirito di collaborazione reciproco permane e così anche la volontà di chiudere il prima possibile. Forse per fine maggio». Le Regioni, tuttavia, rimangono sul chi vive: «Del ministro della Salute Lorenzin mi fido» conferma Luca Coletto, coordinatore degli assessori alla sanità «non mi fido invece del commissario alla spending review, Carlo Cottarelli: il Governo ha bisogno di soldi per coprire il taglio al cuneo fiscale ma non sta facendo nulla per creare lavoro e alzare il pil; la cosa più semplice, quindi, diventa quella di andarsi a prendere i risparmi dove ci sono e la Sanita sta dimostrando di essere capace di generarne, seppure con fatica».
Per qualche ora, tra sabato e domenica, è parso che la diffidenza delle Regioni fosse giustificata. Secondo un articolo del Sole 24 Ore, infatti, al ministero dell’Economia si starebbe lavorando a un a bozza di Def (Documento di economia e finanza, la piattaforma annuale delle politiche di bilancio) che per il Ssn prevedrebbe un miliardo di euro in meno sul budget 2014. L’ipotesi però è stata smentita già ieri dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin: «Nel Def in discussione domani (oggi, ndr) in Consiglio dei ministri i tagli non ci sono, a meno che non mi arrivi una sorpresa con un pacco regalo». Per Lorenzin, invece, la priorità rimane quella di intervenire sulla spesa con risparmi qualificati da reinvestire nel sistema salute. «L'Italia ha bisogno di grandi investimenti e non possiamo permetterci di chiedere miliardi allo Stato; i soldi vanno quindi recuperati e le Regioni ci devono stare, con un cambiamento interno della governance che noi chiediamo in modo chiaro».
L’ipotesi tagli sembra perdere consistenza anche ad ascoltare le anticipazioni da Palazzo Chigi, che parlano di un Def agli ultimi ritocchi nel quale gli stanziamenti per la Sanità verrebbero interamente riconfermati. La crescita prevista per quest'anno, in particolare, dovrebbe assestarsi sullo 0,8% del Pil e il deficit rimanere tra il 2,5% e il 2,6%. (AS)

Notizie correlate

18/10/2016

Fondo sanitario 2017, vince il Ssn: confermati 113 miliardi del Def

E’ il momento degli applausi e dei ringraziamenti per Beatrice Lorenzin, ministro della Salute perennemente sulla breccia quando c’è da battagliare sui soldi per la Sanità. Perché se nella Legge di Bilancio licenziata sabato dal Consiglio dei ministri...
30/09/2016

Def, Nota di aggiornamento: farmacia dei servizi e Convenzione

Nel Def, il Documento di economia e finanza, il Governo torna a parlare di farmacie del territorio e dei nuovi servizi che i presidi dalla croce verde erogheranno nella cornice di un Ssn sempre più improntato alla deospedalizzazione e alla domiciliarità...
22/09/2015

Aggiornamento Def senza tagli, per il 2016 113,3 miliardi al Ssn

Ammonterà a 113,3 miliardi di euro il budget che il Servizio sanitario nazionale avrà a disposizione per il 2016. Lo mette nero su bianco la nota di aggiornamento al Def (il Documento di economia e finanza) approvata dal Consiglio dei Ministri...
10/07/2015

Clamoroso a Brindisi: l’Asl taglia la spesa che sfonda

Cane che morde uomo non fa più notizia, dice l’adagio. Allo stesso modo, non fa più notizia – almeno per i titolari – l’Asl che per ridurre la spesa farmaceutica prende ad accettate soltanto convenzionata e farmacie. Il copione è noto, lo hanno replicato troppe...
08/07/2015

Igiene e Sanità: federalismo e tagli dannosi per filiera farmaco

La progressiva contrazione dei tetti sulla spesa farmaceutica e la sovraproduzione normativa (dello Stato e delle Regioni così come di Agenzie e amministrazioni varie, per esempio nella distribuzione dei medicinali) rischia di indebolire strutturalmente ed economicamente...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata.
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata.
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni