Edicola

Decreto appropriatezza: Regioni preoccupate per ricetta paperless

08/02/2016 00:45:55
Anche se le sanzioni per chi prescrive fuori dalle regole non ci sono più, il decreto ministeriale che dal 20 gennaio mette sotto vigilanza speciale 203 prestazioni a forte rischio di inappropriatezza continua a non piacere ai medici di famiglia. Certificano le iniziative messe in campo in questi giorni dalle sigle di categoria per fare “terra bruciata” attorno al provvedimento. In Lazio, per esempio, la Fimmg ha fornito i propri iscritti di locandine da affiggere negli studi: «Ci scusiamo preventivamente dei disagi» recitano i manifesti «ma gli esenti dal ticket dovranno pagare di tasca propria qualora gli esami non siano stati giudicati appropriati dal Decreto». In Calabria, la rappresentanza territoriale dello stesso sindacato ha diffuso un comunicato nel quale critica «l'inaccettabile atteggiamento del Governo, che vuole gestire la sanità e il fabbisogno di salute dei cittadini continuando a disattendere la richiesta di dialogo proveniente dai medici». In Puglia, i presidenti degli ordini provinciali dei medici hanno scritto una lettera alla presidenza nazionale nella quale rilevano che i provvedimenti dettati dal decreto si applicano solo alle prestazioni ambulatoriali e non a quelle ospedaliere: «com’è possibile» chiedono dunque «che a parità di patologia il Ssn garantisca o meno le cure a un cittadino a seconda del regime in cui questo si trova?».

Dalla parte dei medici si è schierata anche qualche Regione: il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha invitato il Governo a rivedere al più presto il decreto, ma il coordinatore degli assessori regionali alla Sanità, Sergio Venturi, ha negato che ci siano amministrazioni pronte a sospendere il provvedimento: sarebbe impossibile, ha dichiarato mercoledì scorso a Quotidiano Sanità, piuttosto stiamo lavorando perché l’entrata in vigore sia graduale e uniforme in tutte le Regioni. E poi ci sono problemi tecnici: il decreto, infatti, introduce un nuovo set di codici per le ricette, ma Sogei non ha ancora provveduto a integrarlo nel Sac e nel Sistema Tessera sanitaria, quindi al momento i medici potrebbero prescrivere soltanto a mano. «Impensabile dopo tutti gli sforzi fatti per la digitalizzazione» ha concluso Venturi.

Ma perché i medici non digeriscono il decreto? Il fatto è che il testo limita a dettagliate pre-condizioni cliniche la prescrivibilità di diverse prestazioni diagnostiche (in odontoiatriche, dermatologiche, radiologiche e laboratoristiche di base, come colesterolo, trigliceridi e così via), pre-condizioni che il generalista deve certificare con una serie di note e codici di nuovo conio. Risultato – dicono i medici di famiglia – aumenterà la conflittualità con il paziente, crescerà il contenzioso con le Asl su interpretazioni e applicazioni, si moltiplicheranno i disagi e le incomprensioni. Anche perché, accusa la Fimmg senza mezzi termini, il provvedimento è scritto male: quando parla di nota 55, per esempio, confonderebbe «hdl alte e hdl basse»; altro caso, nel paziente con sindrome neurologica grave che però non lamenta traumi recenti o dolore resistente da 4 settimane, sarebbe inappropriata la prescrizione di una risonanza magnetica nucleare della colonna. Risultato, in una circolare inviata a tutti gli associati, la Fimmg «ritiene che nessun medico avrebbe dovuto condividerlo (il decreto, ndr) e chi lo dovesse aver fatto o lo farà potrebbe trovarsi a rispondere a norma del codice deontologico». La battaglia è appena iniziata. (AS)

Ultime notizie

17/02/2017

Il caso di Bore (Parma) e i folli arabeschi della distribuzione diretta

Lo scrittore Ennio Flaiano disse una volta che «in Italia la linea più breve tra due punti non è la retta ma l’arabesco». Era una sferzata all’inclinazione di questo Paese per gli arzigogoli, ma se Flaiano fosse ancora tra noi avrebbe senz’altro dedicato il suo aforisma alla distribuzione diretta...
16/02/2017

Milleproroghe, passa al Senato l’emendamento sui concorsi

La validità delle graduatorie regionali per il concorso straordinario indetto nel 2012 dal governo Monti si allunga da due a sei anni, calcolati non più dalla data di pubblicazione sul Bur ma da quella del primo interpello. E’ quanto prevede l’unico emendamento...
15/02/2017

730 precompilato, nel 2016 da farmacie più di 600 mln di scontrini

Ammontano quasi certamente a più di 600 milioni gli scontrini fiscali emessi nel 2016 dalle farmacie del territorio e inviati all’Agenzia delle Entrate per la prossima dichiarazione precompilata dei redditi. E’ la stima che si ricava da una proiezione dei dati forniti da Promofarma, la società informatica di Federfarma...
14/02/2017

Germania, i parkinsoniani: farmacie reali meglio dell’online

Farmacie online? No grazie, meglio quelle di calce e mattoni, vicine a casa e fornite di un farmacista che può sempre fornire un consiglio o personalizzare cure e assistenza. Capita a volte di sentirlo dire da qualche paziente, e naturalmente fa piacere...
11/02/2017

Voucher, da Almalaurea i dati che confutano facili generalizzazioni

«L’utilizzo del voucher va limitato alle situazioni per le quali tale strumento è nato, cioè per il pagamento di prestazioni occasionali». E’ la considerazione con cui la presidente nazionale di Federfarma, Annarosa Racca, interviene nel dibattito acceso da un articolo di...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata.
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata.
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni