Edicola

Recapito a domicilio, dal caso di Amazon un invito alla riflessione

08/08/2015 08:13:56
E’ la domiciliarità la nuova frontiera del servizio al cliente-paziente che accomuna farmacie e mondo del retail. Lo dimostra il fatto che, proprio negli stessi giorni in cui Federfarma lanciava il nuovo servizio di recapito domiciliare del farmaco, un colosso dell’e-commerce porta a porta come Amazon si buttava nel mercato italiano del cosiddetto grocery, i “preconfezionati” di largo consumo. Il termine include un consistente ventaglio di segmenti commerciali, tra i quali però spiccano diversi comparti del cosiddetto “extrafarmaco”: trucco, cura dei capelli e della pelle, igiene del bambino e del neonato, igiene orale e intima e così via.

Nessuno si stupisca se la novità è passata sotto il silenzio pressoché generale. Amazon ha fatto il suo ingresso nel mercato in punta di piedi, senza squilli di fanfare e fuochi di artificio. Come se – ha ipotizzato qualche esperto di marketing – l’obiettivo fosse quello di esplorare per valutare. In ogni caso, l’ingresso è di tutto rispetto: l’assortimento grocery di Amazon comprende già 3.370 referenze nel segmento “pulizia e cura della persona”, che diventano più di cinquemila se si conta l’intera offerta. I recapiti, invece, vengono garantiti entro le 24-48 ore se la spesa arriva almeno a 19 euro, ma i clienti “Prime” (tessera club, 20 euro all’anno) possono scegliere fra la spedizione gratuita 24h, disponibile in più di 6mila comuni italiani, o Spedizione Sera, disponibile nell’area di Milano, che assicura la consegna entro lo stesso giorno.

Le prime a preoccuparsi del silenzioso ingresso di Amazon nel grocery dovranno essere ovviamente le insegne della gdo, che (Esselunga a parte) non sono ancora riuscite a strutturarsi per offrire un servizio di consegna a domicilio degno di questo nome. Il gruppo americano, in sostanza, gode di un vantaggio competitivo che potrebbe mettere in difficoltà parecchie catene, tenuto anche conto del fatto che promozioni e sconti a pioggia hanno ormai disorientato il consumatore, la cui richiesta oggi comincia a essere quella della comodità.

Ma domiciliarità, come detto, è anche un concetto caro alla Sanità pubblica, che tende sempre più a deospedalizzarsi e quindi a ricollocare sul territorio anziani e cronici, cui non sempre i servizi sociali riescono poi ad assicurare l’assistenza che servirebbe. Ed è qui che entra in gioco l’iniziativa di Federfarma, nata anche per consentire alle farmacie di “presidiare” velocemente la domiciliarità prima che a farlo siano soggetti meno qualificati. L’adesione al servizio dovrebbe tenere in conto anche questa eventualità. (AS)

Notizie correlate

28/07/2017

Le farmacie accettano la sfida del “Governo della domanda”

Le farmacie private di Bergamo e provincia accettano la sfida e saltano sul treno del “Governo della domanda”, il nuovo modello di gestione delle cronicità varato dalla Lombardia nell’ambito della riforma della Sanità regionale. Anzi, per essere precisi...
22/07/2017

Federanziani, nel 44% dei politrattati aderenza terapeutica a rischio

L'assunzione di troppe pillole mette a serio rischio l'efficacia delle cure e la salute degli anziani. Il motivo? L'insufficiente aderenza alla terapia. E' quanto emerge da una ricerca del Centro studi di economia sanitaria di Senior Italia Federanziani, condotto su 1.427 “over 65” con ipertensione arteriosa. Il 71% è sottoposto a due programmi terapeutici per il trattamento della pressione...
18/07/2017

Gianfrate: con il ddl concorrenza rischio di “amazon-izzazione”

La reale minaccia che arriva dal ddl concorrenza - e dalla norma che apre la titolarità al capitale - è “l’amazon-izzazione” della farmacia italiana. Perché le catene che spunteranno dalla liberalizzazione partoriranno super-store dalla fortissima vocazione all’online, proprio come il portale americano di e-commerce, ma nei quali mancherà il rapporto umano che oggi contraddistingue...
08/06/2017

Ritiro referti, Garante privacy: solo in farmacia, no erboristerie e "para"

I referti di visite ed esami diagnostici possono essere ritirati dal paziente soltanto nella struttura sanitaria che li ha prodotti oppure nelle farmacie convenzionate, non in altri esercizi. E’ quanto ricorda il Garante della Privacy, Antonello Soro, nella Relazione annuale sull’attività condotta dall’authority nel 2016, presentata l’altro ieri alla Camera davanti alla presidente Laura Boldrini...
21/04/2017

Sentenza Consulta: passa centralità farmacia dei servizi

Una sentenza particolarmente importante, quella emessa dalla Corte costituzionale per bocciare la legge regionale del Piemonte che estendeva alle parafarmacie l’autodiagnosi di prima istanza. Parola di Massimo Luciani, costituzionalista, docente ordinario...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni