Edicola

Legge Stabilità, sui tagli è ancora rimpallo tra Governo e Regioni

11/12/2014 00:20:04
Assomiglia sempre di più al proverbiale gioco del cerino acceso la trattativa in corso tra Governo e Regioni sulla Legge di Stabilità e sui tagli al Fondo sanitario 2015. Ieri la Conferenza dei governatori avrebbe dovuto esprimere un parere ufficiale sulla Manovra, corretta secondo gli accordi presi la settimana scorsa dal suo presidente, Sergio Chiamparino, e dal ministro per gli Affari regionali, Carmela Lanzetta. Tutto rinviato a nuova data, invece, perché l’intesa sui tagli c’è ma nessuno vuole assumersi la responsabilità di dire dove cadranno. La cornice resta quella di venerdì: la Sanità dovrebbe perdere nel 2015 circa 1,5 miliardi di euro, praticamente l’aumento che il Patto della Salute prometteva per il nuovo anno rispetto alle risorse stanziate nel 2014 (un po’ meno di 110 miliardi). In questo modo le Regioni attutiscono i 4 miliardi di tagli prospettati in prima battuta dalla Manovra, che restano ma non andranno interamente a scaricarsi sul trasporto pubblico locale e sugli altri servizi territoriali. L’altro ieri, in un’intervista alla radio, Chiamparino aveva ipotizzato che di quei 1.500 milioni sarebbero stati recuperati con risparmi sugli acquisti per beni e servizi (un miliardo) e con interventi sulla farmaceutica (500 milioni), Federfarma è già sul piede di guerra e e si prepara a una battaglia senza quartiere per difendere la spesa convenzionata.
Le Regioni, in ogni caso, vogliono che sia il Governo ad assumersi ufficialmente la responsabilità dei tagli, dettagliandoli nero su bianco nella Manovra. Allo scopo, Chiamparino e colleghi avevano inviato un emendamento in 5-6 punti che Renzi avrebbe dovuto accogliere entro il pomeriggio di ieri, in modo da consentire ai governatori di esprimere subito a ruota un parere ufficiale sul ddl Stabilità. «Ci deve dire dove tagliare, su quali voci» sono state le parole del presidente della Campania, Stefano Caldoro «si parla di un miliardo e mezzo rispetto alla previsione di spesa 2015, ma quella spesa deve essere quantizzata».
L’esecutivo invece si è preso ancora un po’ di tempo per riflettere e ai governatori non è rimasto che rinviare. Forse per poche ore soltanto però: per il viceministro all'economia, Enrico Morando, oggi o domani il governo dovrebbe presentare alcune proposte emendative in tema di tagli alle Regioni. Anche in questo caso tuttavia, sarà difficile evitare dissidenze tra le Regioni: il governatore della Puglia, Nichi Vendola, ha confermato ieri che voterà contro il ddl; il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha ribadito il suo no a interventi che colpiscono indistintamente amministrazioni brave e meno brave. E intanto il cerino continua a bruciare. (AS)

Notizie correlate

04/02/2017

Tagli spesa,Regioni divise.Tdm,Fimmg,Federfarma: non paghi Ssn

Le Regioni ritrovino l’unità e scongiurino l’eventualità che al budget del Ssn per il 2017 possano essere tolti 420 milioni di euro. E’ l’auspicio lanciato dalla presidente di Federfarma, Annarosa Racca, in risposta alle voci che da un paio di giorni stanno...
30/09/2016

Def, Nota di aggiornamento: farmacia dei servizi e Convenzione

Nel Def, il Documento di economia e finanza, il Governo torna a parlare di farmacie del territorio e dei nuovi servizi che i presidi dalla croce verde erogheranno nella cornice di un Ssn sempre più improntato alla deospedalizzazione e alla domiciliarità...
09/01/2016

Comma 566, il “pomo” che fa litigare medici e infermieri

E’ di nuovo polemica al calor bianco tra medici e infermieri sul cosiddetto comma 566, la norma della Legge di Stabilità per 2015 che demanda a un accordo Stato-Regioni l’aggiornamento di ruoli, relazioni professionali e responsabilità individuali...
22/12/2015

Stabilità al Senato per l’ultimo voto, passano Mur e innovativi

Ddl Stabilità verso l’ultimo round dopo il via libera della Camera, sabato sera, al testo della Manovra con gli emendamenti approvati da commissione Bilancio e Aula. Ora il disegno di legge torna in Senato per la terza lettura, secondo una tabella di marcia che...
24/10/2015

Legge di Stabilità, giro di vite per ospedali che vanno in “rosso”

Il Fondo sanitario 2016 ammonterà a 111 miliardi di euro, uno in più rispetto a quest’anno e due in meno se il confronto è con le cifre del Def, il Documento di economia e finanza. Ma in cambio le Regioni recuperano 1,3 dei 2,2 miliardi cui avrebbero dovuto...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni