Edicola

Parafarmacie, Cossolo: sì a superamento ma non nel ddl Lorenzin

12/09/2017 00:31:41
Per senso di responsabilità, Federfarma ha raccolto l’invito della politica e a breve presenterà un proprio pacchetto di proposte con cui accompagnare allo “switch off” la fallimentare esperienza delle parafarmacie. Ma non è pensabile che un provvedimento articolato come quello che dovrà mettere in un cassetto la lenzuolata del 2006 possa essere liofilizzato in un emendamento al ddl Lorenzin sulle professioni sanitarie. E’ la risposta del presidente nazionale della Federazione, Marco Cossolo, alle valutazioni espresse venerdì in un articolo di Sanità24 dal presidente della commissione Affari sociali della Camera, Mario Marazziti: fatto il punto sull’iter del disegno di legge (alle battute finali in Commissione), Marazziti ha dato qualche aggiornamento anche sul confronto in atto con farmacie e parafarmacie per superare la riforma Bersani. «Va cercata una separazione tra i due mondi» ha detto Marazziti «senza cannibalizzazioni e dando un futuro certo ai farmacisti che lavorano nelle parafarmacie, con una nuova collocazione. Andrebbe riscritta la geografia delle farmacie italiane e non è una cosa semplice. Sui punti di fondo le parti mi hanno dato un assenso, ma il diavolo si nasconde nei dettagli».

Presidente, è corretto il riassunto? Condividete l’impianto generale ma sui dettagli c’è ancora da lavorare?
Il superamento della singolarità tutta italiana delle parafarmacie – evito di ricorrere ancora alla parola “anomalia” per non rinfocolare inutili polemiche – era nel nostro programma elettorale. E non poteva essere altrimenti, visto che l’artefice di tale singolarità, senza paralleli nel resto del mondo civile, non ha più responsabilità di governo e quindi non può rimediare in prima persona. Detto questo, concordo con quello che dice Marazziti, che ho incontrato la settimana scorsa: nel confronto che stiamo portando avanti sono i dettagli che fanno la differenza.

Per esempio?
Innanzitutto c’è un problema di contenitore rispetto al contenuto: non si può dare la forma dell’emendamento a un testo che, per il tema trattato, avrà struttura e lunghezza di un articolato vero e proprio. Per noi serve un disegno di legge ad hoc, nel quale dovranno trovare collocazione anche diverse misure collaterali al provvedimento in sé.

E poi?
Dei contenuti, sui quali stiamo lavorando, ovviamente non parlo. Però Federfarma ha già detto con chiarezza alla politica quali sono le condizioni non trattabili: no a ulteriori abbassamenti del quorum, perché con le aperture del concorso straordinario in diverse zone del Paese siamo già sotto i tremila abitanti per farmacia, e abolizione della presenza obbligatoria del farmacista nel punto vendita. Per mettere la parola fine all’esperienza delle parafarmacie non basta la chiusura dei codici univoci, va rimossa l’incongruenza del farmacista senza la farmacia.

Come state procedendo?
Il nostro consulente legale, il costituzionalista Massimo Luciani, ha già approntato una bozza di documento che, una volta consolidata, verrà presentata alla politica per verificare se può essere il punto di partenza per un confronto. Ogni eventuale ipotesi d’intesa, in ogni caso, dovrà affrontare l'iter previsto dal nostro statuto. (AS)

Ultime notizie

20/02/2018

Decalogo intolleranze alimentari: da correggere lo scivolone sulle farmacie

Un apprezzabile quanto dovuto intervento ministeriale sollecitato da FOFI sta ponendo rimedio a un grave errore contenuto nel documento “Dieci regole per gestire le intolleranze alimentari” sottoscritto da FNOMCeO, associazioni di medici specialisti e società scientifiche...
31/01/2018

Credifarma: accordo con Banca IFIS

“Gli accordi per il rilancio di Credifarma sottoscritti ieri da Federfarma con Banca IFIS permetteranno alla finanziaria di assicurare alle farmacie nuovi prodotti finanziari, mirati alle specifiche esigenze di ciascun titolare e capaci di dare un grande contributo alla sostenibilità e al potenziamento delle farmacie come anche allo sviluppo della rete delle reti...
30/01/2018

Ossigeno terapeutico, domani termine per riempimento bombole

Scade domani, 31 gennaio, l’ultima proroga concessa dall’Aifa per permettere alle aziende produttrici di gas medicinali di riempire le bombole di proprietà di terzi. A ricordarlo, in una circolare, è Federfarma che precisa però come questo termine riguardi...
29/01/2018

Cronicità in Lombardia: si entra nella fase calda e i farmacisti scendono in campo

È entrata nella fase più delicata la riforma della gestione della cronicità in Lombardia. In questi giorni sono, infatti, partite le lettere che invitano i pazienti a scegliersi...
26/01/2018

Farmacopea, ieri Tavolo al ministero. Bacchini (Federfarma): “Lavoro soddisfacente, si va avanti”

Si è tenuto ieri al ministero della Salute, il secondo Tavolo di lavoro per la revisione della Farmacopea. L’ultima revisione era stata nel 2010 anche se il testo unico delle...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni