Edicola

Ddl concorrenza, da economisti altri dati per ricetta solo in farmacia

16/05/2015 08:01:58
Anche se alla Camera, nelle commissioni Finanze e Attività produttive, deve ancora cominciare l’esame vero e proprio del ddl concorrenza, da esperti ed economisti continuano ad arrivare dati che sconsigliano ai politici eventuali ripensamenti sul no alla ricetta fuori della farmacia. Dati come quelli proposti dalla ricerca che l’Osservatorio consumi privati in sanità della Sda Bocconi (uno dei “templi” del pensiero liberista italiano) ha condotto proprio per misurare gli effetti del ddl concorrenza. Lo studio, infatti, smonta con la chiave dell’evidenza le tre argomentazioni abitualmente sventolate da chi vorrebbe la deregulation della fascia C. Vediamole una alla volta.

Per cominciare, l’accessibilità: con la ricetta fuori della farmacia, è la tesi dei simpatizzanti di gdo e parafarmacie, aumenterebbero i punti vendita e di conseguenza migliorerebbe l’accessibilità all’etico non rimborsato. Risposta, la capillarità della rete territoriale delle farmacie assicura già oggi la piena accessibilità al farmaco: «In media» spiega a Filodiretto Erika Mallarini, direttore scientifico dell’Osservatorio e docente della Sda Bocconi. «l’81% della popolazione può raggiungere una farmacia in 6 minuti e 20 secondi, a piedi o con un mezzo pubblico». Il parametro, specifica la docente, ha per fonte l’indagine multiscopo effettuata dall’Istat su un campione di 23.158 famiglie, rappresentative di un universo di oltre 25 milioni di nuclei familiari. «La ricerca» sottolinea «presenta un’attendibilità al 99% e un margine di errore di +/-0,85».

Seconda argomentazione: la deregulation dei farmaci con ricetta aumenterebbe i posti di lavoro e l’occupazione. Risposta, i dati degli atenei italiani dicono che già oggi i farmacisti sono al quarto posto nella classifica dei laureati che trovano più velocemente un posto di lavoro all’uscita dall’università. «Il 62%» specifica Mallarini «trova occupazione entro un anno dalla laurea, l’87% entro cinque anni. Quello dell’occupazione non è tra i problemi di questa professione».

Terzo argomento: liberalizzare significherebbe ridurre i prezzi dei farmaci con ricetta. «In Italia i prezzi sono già bassi» è la replica di Mallarini «rispetto alla media Ue del 18,9% e addirittura del 30,9% se il confronto è con l’Unione europea a 14 paesi. E’ vero che in Italia gli Otc costano un po’ di più che altrove, ma già sono stati liberalizzati».
Di tutti i luoghi comuni pro-liberalizzazione, quello che si rivela più vuoto una volta smascherato è il falso mito dell’accessibilità. E pensare che è uno dei cavalli di battaglia dell’Antitrust, tanto da lasciare il segno anche nella relazione governativa (Air, Analisi di impatto della regolamentazione) che accompagna il ddl concorrenza: «Il contingentamento del numero di farmacie presenti sul territorio nazionale», si legge nel documento, è di ostacolo a «una razionale e soddisfacente distribuzione territoriale degli esercizi basata sulla domanda dei consumatori». «E’ evidente che in chi scrive queste cose c’è parecchia confusione» commenta un altro economista molto critico verso la deregulation della fascia C, Fabrizio Gianfrate «la rete delle farmacie è distribuita sul territorio in modo razionale e soddisfa pienamente le esigenze di salute. Il fatto è che temi come il servizio farmaceutico non possono essere lasciati a tecnici che mostrano di avere scarsissima conoscenza della materia». Che almeno se ne renda conto la politica. (AS)

Notizie correlate

04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar...
03/08/2017

Ddl concorrenza, Federfarma: “keep calm” e avanti

“Keep calm and carry on”, state tranquilli e andiamo avanti. E’ la frase che nel ’39, alla viglia della guerra, venne fatta stampare dal governo britannico su milioni di manifesti, da affiggere in tutta l’Inghilterra per evitare che la popolazione si facesse prendere dal panico...
02/08/2017

Approvato il DDL Concorrenza. Federfarma: ora al lavoro per gestire un cambiamento epocale

“Quando siamo arrivati alla dirigenza di Federfarma, a fine maggio di quest’anno, il DDL aveva già alle spalle un lungo iter parlamentare e, a mio avviso, le conseguenze di un siffatto provvedimento erano state sottovalutate, nonostante le grida di allarme di varie associazioni provinciali. Noi abbiamo subito motivato...
02/08/2017

Ddl concorrenza, oggi il voto sulla richiesta di fiducia del Governo

Ancora poche bracciate per il ddl concorrenza, che oggi al Senato dovrebbe toccare il muro dell’ultima vasca, la quarta in due anni tra Montecitorio e Palazzo Madama. Come si prevedeva, ieri sul testo è stata posta dal Governo la questione di fiducia...
27/07/2017

Ddl concorrenza, altro nulla di fatto. Governo verso la fiducia

Ultima chiamata per il ddl concorrenza dopo che anche la giornata di ieri si è chiusa con un nulla di fatto: perché il testo possa imboccare la strada dell’aula servono i pareri della commissione Bilancio sugli emendamenti ancora in corsa (una quindicina in tutto), ma il gruppo di lavoro ha le sue priorità. «Lavoreremo prima al decreto legge sulle banche venete» ha detto ieri all’Ansa...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni