Edicola

Il caso di Bore (Parma) e i folli arabeschi della distribuzione diretta

17/02/2017 00:23:29
Lo scrittore Ennio Flaiano disse una volta che «in Italia la linea più breve tra due punti non è la retta ma l’arabesco». Era una sferzata all’inclinazione di questo Paese per gli arzigogoli, ma se Flaiano fosse ancora tra noi avrebbe senz’altro dedicato il suo aforisma alla distribuzione diretta. Per convincersene basta andare a Bore, piccolo comune di 700 abitanti in provincia di Parma, e vedere come funziona da quelle parti. Lo racconta una lettera pubblicata ieri nella rubrica della posta dalla Gazzetta di Parma: ogni due giorni a settimana, il medico di paese affida le ricette per i farmaci della diretta a un incaricato del Comune che le porta all’Asl di Fornovo, la quale a sua volta le invia alla farmacia interna dell’ospedale di Borgotaro; da qui i farmaci tornano tramite corriere all’Asl di Fornovo, che li affida all’incaricato comunale il quale a sua volta li porta all’ambulatorio medico di Bore. Dove i pazienti possono passare a ritirarli, sempre in uno dei due giorni alla settimana in cui è aperto.

Per dirla con Flaiano, questo è l’arabesco che la diretta disegna a Bore. Ci sarebbe anche la linea retta, quella che va dall’ambulatorio alla farmacia del paese, distante una decina di metri in tutto (secondo quanto riferisce la lettera). Ma non è sostenibile: come ha detto la Regione alla vigilia della mezza giornata di sciopero proclamato dalle farmacie emiliano-romagnole il 26 gennaio scorso, la dpc costa al servizio sanitario 5,02 euro a pezzo, la diretta 1,90. L’arabesco, in altri termini, sarebbe più conveniente della linea retta. Ma è davvero così? In quegli 1,90 euro, la Regione ha calcolato il costo annuale di tutti gli incaricati comunali che fanno su e giù con l’Asl un paio di volte alla settimana, della benzina che spendono e dell’auto pubblica che usurano? Ha calcolato la spesa annuale di tutti i corrieri che portano ricette e farmaci dalle Asl agli ospedali? C’è di che dubitarne, ma la verità è che nessuno lo sa: l’arabesco non è mai trasparente quanto la linea retta. (AS)

Notizie correlate

20/09/2017

Campania, Stabile al governatore De Luca: rurali da tutelare

La conversione in legge del ddl concorrenza rende urgente l’adozione di interventi a sostegno delle farmacie operanti in aree disagiate, in modo da scongiurare che i loro titolari cedano alla tentazione di «delocalizzare in ambiti socio-territoriali più redditizi»...
09/09/2017

Fondo comuni montani, il Sunifar non molla

Continua la battaglia del Sunifar perché le farmacie rurali vengano incluse tra le attività commerciali che possono beneficiare del Fondo integrativo per i comuni montani ex legge 228/2012. Dopo la lettera del 25 agosto con cui contestava le indicazioni...
25/07/2017

Spesa farmaci, Aifa: convenzionata in crescita ma non sfonda

Invertendo l’ordine dei fattori, il risultato non cambia. E’ il commento che sorge spontaneo a leggere i dati del report con cui l’Aifa fotografa l’andamento della spesa farmaceutica pubblica nei primi tre mesi dell’anno: anche se da gennaio il sistema di tetti è cambiato (con la distribuzione diretta che è andata a sommarsi all’ospedaliera e la convenzionata si è messa a correre per...
20/07/2017

Emilia Romagna, Federfarma bacchetta la Regione sui “Cef”

Si fanno fatica a capire le motivazioni per cui la Regione Emilia Romagna insiste a mantenere alcuni farmaci di fascia A-Pht in una categoria a se stante denominata Cef (Concedibili extra-farmacia) che di fatto equivale a una distribuzione diretta nelle sole farmacie ospedaliere o distrettuali. E’ quanto scrive Federfarma Emilia Romagna in una lettera inviata ieri all’assessorato...
06/07/2017

Titolari rurali senza collaboratori, c'è la polizza d’indennità sostituzioni

Tra breve, malattia o infortunio non rappresenteranno più un incubo per i titolari di farmacia rurale che lavorano da soli al banco e dunque non possono permettersi chiusure prolungate. E’ ormai vicina alla stipula, infatti, la polizza assicurativa per l’indennità di sostituzione voluta dalle nuove presidenze di Federfarma e Sunifar per consentire...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni