Edicola

Almalaurea, farmacisti sempre al top per occupazione tra i laureati

19/05/2017 00:22:32
Tassi di occupazione sopra la media, tempo di attesa tra laurea e prima occupazione inferiore, incidenza di contratti a tempo indeterminato nettamente superiore. Si dimostrano anche quest’anno più che positive le statistiche con cui il consorzio Almalaurea fotografa le prospettive occupazionali dei laureati che escono dalle facoltà di farmacia e farmacia industriale: i numeri sono quelli che arrivano dal Rapporto 2017, presentato martedì 16 maggio a Parma e condotto mediante interviste a 262 mila laureati del 2015, 109 mila del 2013 e 103mila del 2011. L’indagine, come ogni anno, mira a fornire una mappa dettagliata della “produzione” di laureati delle università italiane, dei percorsi professionali che i giovani imboccano una volta usciti dagli atenei e infine dei tempi di accesso al mondo del lavoro. Per esempio: i giovani che nel 2015 hanno conseguito una laurea magistrale a ciclo unico (tra le quali figura l’indirizzo chimico-farmaceutico) e oggi lavorano sono il 33,8%, una media che sale al 50,5% tra quelli che si sono diplomati nel 2013 e al 60,4% tra i laureati del 2011. Nell’arco dei sei anni, poi, tende ad accorciarsi l’attesa che intercorre tra laurea e primo lavoro: 14,7 mesi nel 2011, 9,9 mesi nel 2013, poco meno di cinque mesi nel 2015.

E i laureati in farmacia e farmacia industriale? Rispetto alle medie del gruppo lauree magistrali a ciclo unico, mettono a segno tassi decisamente migliori: quelli che oggi lavorano, per esempio, sono il 55,1% tra i “dottori” del 2015, il 77,1% tra i laureati del 2013 e l’80,9% tra quelli del 2011. La forbice poi si allarga ulteriormente se il confronto si restringe alle sole donne: tra le farmaciste uscite dall’università nel 2015 oggi lavora il 53,4% (la media di gruppo si ferma al 33,1%), tra le laureate del 2013 l’incidenza sale al 77% (media tra tutte le lauree magistrali a ciclo unico, 48,6%), tra le “dottoresse” del 2011 si supera di poco il 79% (57,9%).

Farmacisti nettamente avanti anche nella stabilità del rapporto di lavoro: i laureati in farmacia e farmacia industriale che dichiarano di essere sotto contratto a tempo indeterminato sono il doppio della media di gruppo tanto nella classe 2011 quanto in quella 2013, mentre nella classe 2015 stanno davanti di 13 punti percentuali. Infine, i farmacisti possono vantare in media una retribuzione netta apprezzabilmente superiori rispetto alla media dei loro colleghi: tra i laureati 2015 la differenza è di circa 70 euro al mese, tra quelli 2013 sale a cento euro, tra i dottori del 2011 scende a circa 60. (AS)

Notizie correlate

16/06/2017

Aggiornamento Tariffa, la professione ringrazia e chiede rapidità

Il benestare del Ministero a un aggiornamento «organico e complessivo» della Tariffa nazionale regala ai farmacisti un risultato importante, anzi storico. Ora però, c’è da trasformare gli impegni in fatti. E’ il commento pressoché unanime con cui le organizzazioni della professione presenti mercoledì all’incontro con il dicastero...
11/09/2014

Fisco, dal nuovo studio di settore le otto "anime" della farmacia

C’è la farmacia rurale, che in media dispone di 48 metri quadri di superficie. C’è la farmacia con una spiccata vocazione sul parafarmaco (cosmetico, alimenti speciali e integratori), che invece arriva a 70 metri quadri. E c’è la farmacia nei centri commerciali...
12/12/2013

Interazioni da farmaci, sinergia medico-farmacista aiuta

La collaborazione tra farmacista e medico prescrittore può dare risultati significativi in termini di qualità delle cure non solo nel monitoraggio delle terapie e della loro aderenza, ma anche nel contenimento dei rischi di interazioni indesiderate tra farmaci...
04/09/2013

Racca a Farmacista33: no al farmacista prescrittore, l'Italia non è il Canada

La prescrizione del farmaco deve rimanere atto esclusivo del medico. Occorre invece lavorare intensamente per una collaborazione più stretta tra farmacista e medico...
01/03/2013

Per la prima volta un farmacista nei gruppi di lavoro dell’Ema

Per la prima volta un farmacista viene chiamato a far parte di uno dei gruppi di lavoro dell’Ema, l’Agenzia europea del farmaco. Si tratta di Filip Babylon, presidente dell’Apb, il sindacato delle farmacie belghe, da oggi tra i componenti...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni