Edicola

Ddl concorrenza, emendamenti su fascia C, quorum e tetto catene

17/06/2017 07:50:25
Liberalizzazione della fascia C, riduzione del tetto regionale sulle catene di farmacie, innalzamento delle soglie di fatturato che danno diritto alle agevolazioni per rurali e piccole farmacie. Fanno scattare parecchi déjà vu i 25 emendamenti (sui 368 presentati entro la scadenza di martedì scorso) che mirano a riscrivere gli articoli del ddl concorrenza relativi alle farmacie. In sette (presentati da Si, Sel, Possibile, Mdp e M5S) cercano per esempio di ributtare in pista la liberalizzazione dei farmaci con obbligo di ricetta, già stoppata nelle due precedenti letture tanto alla Camera quanto al Senato. Dieci, invece, sono gli emendamenti che propongono di rivedere verso il basso il tetto regionale del 20% sul numero di farmacie controllabili dalla stessa catena (introdotto a Palazzo Madama): Fi-Pdl ipotizza in tre diverse proposte di scendere al 15 o al 10%; Si, Sel e Possibile spingono con due emendamenti per il 5 o addirittura il 3%; M5S e Mdp propongono rispettivamente il 5 e il 3%.

M5S e Si-Sel-Possibile mettono anche sul tavolo due emendamenti – uno ciascuno – che obbligherebbero le società di capitale a iscriversi a un «apposito elenco della Fofi» oppure a uno gestito dal ministero della Salute. Un’altra proposta del M5S destinerebbe invece il 3% del fatturato delle società che gestiscono farmacie a un fondo di solidarietà riservato ai rurali, mentre due emendamenti del Gruppo autonomie chiedono l’esclusione del fatturato del dispensario da quello della farmacia (per preservare la collocazione del titolare delle fasce di sconto previste dalla legge) e la revisione delle soglie sotto alle quali scattano le agevolazioni per rurali e piccole farmacie.

Possono rivendicare una certa originalità, invece, i due emendamenti (di Si-Sel-Possibile e Mdp) che mirano ad abbassare il quorum a duemila abitanti per farmacia e la proposta (sempre di Si, Sel e Possibile) che consentirebbe alle parafarmacie di offrire autoanalisi e Cup. Palese, in quest’ultimo caso, l’obiettivo dei proponenti di sovvertire gli interventi pronunciati di recente dal Garante per la privacy e dalla Corte costituzionale, che hanno negato agli esercizi di vicinato pari dignità con le farmacie in materia di servizi convenzionati.

L’esame degli emendamenti da parte delle commissioni riunite dovrebbe cominciare dalla prossima settimana, nella quale i due gruppi lavoreranno sul ddl in tutti e tre i giorni del calendario parlamentare, da martedì a giovedì. L’approdo del disegno di legge all’aula di Montecitorio rimane in agenda per il 26 giugno. (AS)

Notizie correlate

04/08/2017

Pagliacci (Sunifar): in rete contro il capitale, ma a pari condizioni

L’arrivo del capitale preoccupa le farmacie rurali quanto quelle urbane, ma l’abitudine alle avversità e a lavorare in un contesto di “frontiera” le aiuterà ad affrontare con successo anche questa sfida. Sono le parole con cui la presidente del Sunifar...
03/08/2017

Ddl concorrenza, Federfarma: “keep calm” e avanti

“Keep calm and carry on”, state tranquilli e andiamo avanti. E’ la frase che nel ’39, alla viglia della guerra, venne fatta stampare dal governo britannico su milioni di manifesti, da affiggere in tutta l’Inghilterra per evitare che la popolazione si facesse prendere dal panico...
02/08/2017

Approvato il DDL Concorrenza. Federfarma: ora al lavoro per gestire un cambiamento epocale

“Quando siamo arrivati alla dirigenza di Federfarma, a fine maggio di quest’anno, il DDL aveva già alle spalle un lungo iter parlamentare e, a mio avviso, le conseguenze di un siffatto provvedimento erano state sottovalutate, nonostante le grida di allarme di varie associazioni provinciali. Noi abbiamo subito motivato...
02/08/2017

Ddl concorrenza, oggi il voto sulla richiesta di fiducia del Governo

Ancora poche bracciate per il ddl concorrenza, che oggi al Senato dovrebbe toccare il muro dell’ultima vasca, la quarta in due anni tra Montecitorio e Palazzo Madama. Come si prevedeva, ieri sul testo è stata posta dal Governo la questione di fiducia...
27/07/2017

Ddl concorrenza, altro nulla di fatto. Governo verso la fiducia

Ultima chiamata per il ddl concorrenza dopo che anche la giornata di ieri si è chiusa con un nulla di fatto: perché il testo possa imboccare la strada dell’aula servono i pareri della commissione Bilancio sugli emendamenti ancora in corsa (una quindicina in tutto), ma il gruppo di lavoro ha le sue priorità. «Lavoreremo prima al decreto legge sulle banche venete» ha detto ieri all’Ansa...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni