Edicola

Banche, Alessandrini (Credifarma): no panico, sistema solido

22/01/2016 09:36:27
Il sistema bancario italiano è solido e non c’è motivo per farsi prendere dal panico. Il titolare di farmacia che vuole finanziare o investire nella propria impresa con lo strumento del credito, tuttavia, oggi più che mai dovrebbe affidarsi a partner con una robusta esperienza nel comparto. E’ il consiglio che fornisce Marco Alessandrini, amministratore delegato di Credifarma, a chi gli chiede ragguagli sulla “bufera” in cui sembra essere piombato da qualche mese il sistema bancario. Il riferimento, ovvio, è a notizie di cronaca più o meno recente come il salvataggio di alcune banche, l’entrata in vigore delle nuove regole sul cosiddetto “bail-in” (che in caso di sofferenza di un istituto coinvolgono nel risanamento obbligazionisti e correntisti) e infine le recentissime difficoltà di borsa, anche loro riconducibili a instabilità del comparto bancario.

Alessandrini, molti risparmiatori sono confusi ed è facile che anche tra i farmacisti ci sia disorientamento. Che sta succedendo?
Non c’è dubbio che stiamo vivendo in un periodo di estrema volatilità. La causa è ascrivibile a diversi fattori: tra questi il rallentamento dell’economia cinese e dei paesi emergenti, il rialzo dei tassi Usa e il protratto calo del petrolio, sceso al livello di 12 anni fa. Dal canto loro, le difficoltà che da qualche giorno stanno evidenziando i titoli di alcune banche sono legate a voci di un intervento della Bce nei confronti di circa 40 istituti europei, alcuni italiani, per valutarne l’esposizione in crediti deteriorati.

E allora chi ha nel cassetto mutui o finanziamenti, oppure sta per accenderli, come deve muoversi?
Il momento è complesso, non si presta a facili letture e va analizzato con razionalità. Cominciamo con il dire che il sistema bancario italiano è solido ed è anche quello che ha retto meglio alla crisi.

Quindi?
Primo, non farsi prendere dal panico perché non c’è alcun motivo. Ripeto: il sistema bancario del nostro Paese è tra i più solidi d’Europa. Detto questo, sarebbe anche opportuno che il farmacista in cerca di finanziamento si affidasse prioritariamente a partner finanziari capaci di comprendere le specificità della sua azienda. Il comparto della farmacia mostra peculiarità proprie che lo rendono diverso dagli altri settori merceologici ed economici. Un interlocutore finanziario fornito di una cultura specifica può fare la differenza.

E una volta che questo partner è stato trovato, che fare?
Bisogna lavorare per costruire una relazione trasparente e stabile, ossia impostare piani di sviluppo che mirino alla crescita di valore della farmacia. Nell’individuazione di questi partner finanziari il farmacista dovrà essere selettivo, valutando anche di quale gruppo di appartenenza è espressione la finanziaria che si propone alla propria farmacia nonché la storia della stessa finanziaria e le persone che la rappresentano. (AS)

Notizie correlate

07/07/2015

Alessandrini (Credifarma): titolari clienti privilegiati del credito

Nato a Roma nel 1958, laureato in Legge alla Sapienza, dal 1980 in Bnl dove ha ricoperto diversi incarichi direttivi, ultimo quello di responsabile del Segmento business nella divisione Retail & Private. E’ il curriculum di Marco Alessandrini, da una decina di giorni...
30/06/2015

Di Iorio (Credifarma): «Già al lavoro per tornare protagonisti»

Anche se ancora manca l’ok di Bankitalia al business plan varato ad aprile dall’assembla dei soci, con l’insediamento dei nuovi vertici sono già cominciati in Credifarma gli interventi per ripristinare la patrimonializzazione della società e riportarla sul mercato del credito...
08/06/2015

Credifarma, luce verde per Michele di Iorio alla presidenza

Sarà Michele Di Iorio il nuovo presidente di Credifarma. Lo ha deciso ieri il Consiglio delle Regioni di Federfarma, che ha ratificato ad ampia maggioranza i nomi selezionati due settimane fa dal consiglio di presidenza per l’imminente rinnovo dei vertici societari della finanziaria...
09/04/2015

Credifarma, via libera al business plan dall’assemblea dei soci

Ha ricevuto ieri luce verde anche dall’assemblea dei soci il business plan per il riassetto di Credifarma approvato il 25 marzo dal cda della finanziaria. I contenuti sono quelli definiti dal gruppo di lavoro insediato a gennaio da Federfarma e istituti bancari (Unicredit e Bnl)...
28/03/2015

Credifarma: approvato dal cda il business plan, la parola ai soci

Niente più trasferimento di ramo d’azienda, ma cessione alle banche socie dell’attività crediti a medio e lungo termine, assieme a una ventina di dipendenti sui 60 in organico. E’ quanto prevede il business plan per il riassetto di Credifarma scaturito dall’ultimo...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata.
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata.
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni