Edicola

Spesa farmaci, tra le Regioni che sforano si comincia a tagliare

22/05/2014 01:53:07
C'è chi comincia a tagliare tra le Regioni che sulla spesa farmaceutica territoriale mostrano valori troppo lontani dalle medie nazionale. E’ il caso del Lazio, dove ieri il presidente Nicola Zingaretti (nelle vesti di commissario ad acta per la Sanità) ha firmato un decreto che impone un severo giro di vite sui consumi di alcune classi di farmaci distribuite sul territorio. «Nonostante negli ultimi tre anni la farmaceutica convenzionata laziale abbia fatto registrare un netto calo dovuto anche alle scadenze brevettuali» spiega una nota diffusa dalla Regione «la spesa procapite risulta ancora troppo alta e si attesta sui 168,18 euro (contro una media nazionale di 152 euro, ndr)».
Il decreto, in particolare, fissa una serie di target di spesa che i direttori generali di Asl e Ao dovranno applicare anche attraverso la «responsabilizzazione del medico di medicina generale. I consumi di inibitori di pompa protonica, per esempio, dovranno scendere dall’attuale media di 88 ddd (dose definite die) giornaliere ogni mille assistiti a 74, che rappresenta il valore medio nazionale; gli Omega 3 da 7,2 a 4,4; gli inibitori selettivi della ciclo-ossigenasi da 7,2 a 4,9. Per statine e associazioni, invece andrà incrementata la quota di generici prescritti: nel 2013 coprivano il 70% della classe, nel 2014 dovranno arrivare all’80%. Negli antagonisti dell'angiotensina II non associati, infine, andrà incoraggiata la prescrizione di telmisartan e scoraggiata quella di olmesartan, perché non appropriata.
Piano di tagli anche in Piemonte, in questo caso sulla spesa territoriale (che comprende anche diretta e dpc). Il provvedimento di Giunta che ha fatto scattare le forbici risale a fine aprile e detta alle Asl della Regione due gruppi di target: tetti massimi di spesa e risparmi attesi per quest’anno. In particolare, si prevede a livello regionale una riduzione della spesa convenzionata del 3,21% (circa 21 milioni di euro) e della territoriale del 3,36% (circa 29 milioni di euro). Il come dovranno deciderlo le singole Asl, attraverso un piano d’azione da adottare mediante delibera entro la fine di questo mese. In ogni caso, come ricorda la Regione, le Aziende dovranno intervenire «impiegando discrezionalmente i vari canali distributivi», con la precisazione che «l’utilizzo della modalità distributiva dei farmaci sui tre canali deve essere sempre caratterizzata da indubbi benefici sia per i pazienti che per la spesa sanitaria». Federfarma Piemonte ha già invitato le sue rappresentanze provinciali a seguire con la massima attenzione gli interventi che dovessero essere adottati dalle Asl: i dati del sindacato, infatti, parlano di una spesa convenzionata sotto controllo, il timore è che si voglia ripianare il deficit della diretta andando a prendere in altre tasche. (AS)

Notizie correlate

04/12/2017

Censis, crescono spesa sanitaria privata e liste di attesa

Continua a crescere la spesa sanitaria privata in capo alle famiglie, pari a 33,9 miliardi di euro nel 2016 (+1,9% rispetto al 2012). Mentre si gonfiano le liste d'attesa nel pubblico. E' quanto emerge dal Rapporto 2017 del Censis sulla situazione sociale del Paese...
24/10/2017

Spesa farmaci, Aifa: primo semestre convenzionata 4,2 miliardi

Nei primi sei mesi dell’anno la spesa farmaceutica convenzionata, cioè quella che passa dalle farmacie del territorio, è cresciuta di quasi un punto percentuale rispetto allo stesso periodo del 2016. Un contenuto incremento che per ora non mette a rischio...
25/07/2017

Spesa farmaci, Aifa: convenzionata in crescita ma non sfonda

Invertendo l’ordine dei fattori, il risultato non cambia. E’ il commento che sorge spontaneo a leggere i dati del report con cui l’Aifa fotografa l’andamento della spesa farmaceutica pubblica nei primi tre mesi dell’anno: anche se da gennaio il sistema di tetti è cambiato (con la distribuzione diretta che è andata a sommarsi all’ospedaliera e la convenzionata si è messa a correre per...
13/07/2017

Spesa farmaci, convenzionata +2,6% nel primo trimestre 2017

Inizio d’anno con l’acceleratore pigiato per la spesa farmaceutica convenzionata, che tra gennaio e marzo cresce del 2,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. E’ l’indicazione che arriva dal primo report dell’anno di Federfarma, che a cadenza trimestrale...
04/07/2017

Spesa farmaci: convenzionata -0,5%, acquisti diretti +8,7%

Cambia l’ordine dei tetti ma il risultato rimane sempre lo stesso: la spesa farmaceutica che passa dalle farmacie del territorio rispetta ampiamente il proprio budget, quella che transita da Asl e Aziende ospedaliere no. E scava nei conti delle Regioni buchi grandi...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni