Edicola

Farmaci della diretta, due italiani su tre li vogliono in farmacia

22/10/2016 08:40:04
Per il 67% degli italiani i farmaci che oggi vengono distribuiti in modalità diretta da Asl e ospedali dovrebbero essere dispensati dalle farmacie del territorio. E se si restringe la rilevazione alle sole persone affette da cronicità gravi, la quota di favorevoli sale al 73%. Sono alcune delle evidenze che emergono dalla ricerca condotta da Datanalysis su un doppio campione di individui – duemila persone di età compresa tra i 18 e i 77 anni e 500 pazienti affetti da cronicità varie, età 28-77 anni – per misurarne opinioni e orientamenti in tema di distribuzione diretta. Presentata ieri a Napoli nella cornice della III Convention Federfarma Servizi-Federfarmaco, l’indagine segna un punto a favore delle farmacie nell’eterna diatriba tra sostenitori e critici del doppio canale. Dalle risposte fornite, infatti, i due campioni mostrano una netta preferenza per le farmacie del territorio: perché sono più facili da raggiungere e c’è meno da aspettare (per il 32% dei 1.337 individui che nel primo gruppo si erano schierati a favore delle farmacie, per il 35% nel secondo gruppo), perché si conosce o si ha familiarità con il farmacista (24% e 20% rispettivamente), perché l’accesso al farmaco è più agevole (19% e 24%) oppure perché l’adesione alle terapie è maggiore (13% e 16%). «Se si sommano tutte le risposte che in qualche modo fanno riferimento alla prossimità delle farmacie» ha detto Ivano Leonardi, presidente di Datanalysis «si raggiunge il 50% circa dei rispondenti».

Più in generale, gli italiani vedono di buon occhio l’offerta di servizi da parte delle farmacie del territorio. In particolare, i più gettonati sono l’erogazione di prestazioni che oggi sono reperibili solo in ospedale (quasi il 25% dei duemila individui del primo gruppo campione, il 29% nel secondo gruppo), la dispensazione di farmaci presenti solo in ospedale (22% e 25% rispettivamente), il supporto infermieristico (20 e 21%), l’integrazione con i medici di famiglia della zona (17,3% e 17,1%), le consulenze degli specialisti ospedalieri (15% e 7%). Interessante poi il segnale di insoddisfazione che, in tema di distribuzione ospedaliera dei farmaci, arriva dal campione dei pazienti cronici: alla richiesta di indicare la difficoltà di maggiore rilevanza incontrata nelle terapie dopo la dimissione dall’ospedale, un italiano su tre cita l’inadeguata accessibilità ai farmaci necessari per la terapia. E non è poco. (AS)

Notizie correlate

28/07/2017

Le farmacie accettano la sfida del “Governo della domanda”

Le farmacie private di Bergamo e provincia accettano la sfida e saltano sul treno del “Governo della domanda”, il nuovo modello di gestione delle cronicità varato dalla Lombardia nell’ambito della riforma della Sanità regionale. Anzi, per essere precisi...
25/07/2017

Spesa farmaci, Aifa: convenzionata in crescita ma non sfonda

Invertendo l’ordine dei fattori, il risultato non cambia. E’ il commento che sorge spontaneo a leggere i dati del report con cui l’Aifa fotografa l’andamento della spesa farmaceutica pubblica nei primi tre mesi dell’anno: anche se da gennaio il sistema di tetti è cambiato (con la distribuzione diretta che è andata a sommarsi all’ospedaliera e la convenzionata si è messa a correre per...
22/07/2017

Federanziani, nel 44% dei politrattati aderenza terapeutica a rischio

L'assunzione di troppe pillole mette a serio rischio l'efficacia delle cure e la salute degli anziani. Il motivo? L'insufficiente aderenza alla terapia. E' quanto emerge da una ricerca del Centro studi di economia sanitaria di Senior Italia Federanziani, condotto su 1.427 “over 65” con ipertensione arteriosa. Il 71% è sottoposto a due programmi terapeutici per il trattamento della pressione...
20/07/2017

Emilia Romagna, Federfarma bacchetta la Regione sui “Cef”

Si fanno fatica a capire le motivazioni per cui la Regione Emilia Romagna insiste a mantenere alcuni farmaci di fascia A-Pht in una categoria a se stante denominata Cef (Concedibili extra-farmacia) che di fatto equivale a una distribuzione diretta nelle sole farmacie ospedaliere o distrettuali. E’ quanto scrive Federfarma Emilia Romagna in una lettera inviata ieri all’assessorato...
08/06/2017

Ritiro referti, Garante privacy: solo in farmacia, no erboristerie e "para"

I referti di visite ed esami diagnostici possono essere ritirati dal paziente soltanto nella struttura sanitaria che li ha prodotti oppure nelle farmacie convenzionate, non in altri esercizi. E’ quanto ricorda il Garante della Privacy, Antonello Soro, nella Relazione annuale sull’attività condotta dall’authority nel 2016, presentata l’altro ieri alla Camera davanti alla presidente Laura Boldrini...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni