Edicola

Burocrazia, dal ministero Pa "assist" per la farmacia dei servizi

23/04/2014 00:55:55
Al primo posto c’è la prenotazione di visite ed esami; quindi, nell’ordine, la prescrizione di farmaci per patologie croniche o invalidanti, il pagamento delle prestazioni, la consegna dei referti medici e infine la scelta del medico di famiglia. Sono le cinque “seccature” burocratiche più citate dagli italiani quando hanno a che fare con il Ssn. Quelle per le quali semplificazioni e snellimenti sarebbero i benvenuti, secondo il Rapporto pubblicato dal ministero per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione. Realizzato in collaborazione con la Conferenza delle Regioni, l’Anci e l’Upi, la ricerca scatta una fotografia delle richieste che arrivano dai cittadini in tema di semplificazioni burocratiche. E offre un “assist” fecondo per la farmacia dei servizi secondo il nuovo modello teorizzato da Federfarma, che proprio nell’erogazione di servizi amministrativi di base (dal Cup al ritiro referti passando per la scelta del medico) poggia una delle sue tre gambe.
Visto da questa angolazione, la ricerca del Ministero apre spazi allettanti alla farmacia che vuole farsi terminale “intelligente” della Sanità pubblica: la parola più ricorrente nelle segnalazioni raccolte dal Rapporto è «fila»: agli sportelli dell’Asl, nell’ambulatorio del medico, in ospedale. E quando a lamentarsi è un anziano o un paziente cronico, il tema diventa la ricetta ripetibile o il piano terapeutico da rinnovare: «Se prendo da anni lo stesso farmaco per l’ipertensione» è la domanda di un cittadino raccolta dal Rapporto «perché ogni mese devo andare a ritirare la prescrizione dal medico di base? Basterebbe una ricetta valida per un anno, da esibire in farmacia per ritirare il medicinale». «Dopo un semplice esame» recita un’altra testimonianza «è necessario tornare in ospedale per ritirare il referto, con lunghe attese agli sportelli».
Le cifre del Rapporto dicono che non si tratta di lamentele isolate: per quasi un intervistato su tre (il campione era costituito da duemila individui in rappresentanza di cittadini e imprese) il fastidio burocratico più ricorrente in Sanità è la prenotazione di un esame; per quasi uno su sei la prescrizione di un farmaco, per il 12% il pagamento del ticket sulle prestazioni, per il 10,8% il ritiro dei referti. La misura dei bisogni che la farmacia dei servizi può coprire sta in queste cifre, ma per riuscirci c’è un avversario da battere. Lo svelano le stesse segnalazioni degli intervistati, perché per tutti la soluzione “sburocratizzante” è Internet: i ticket si potrebbero pagare on line, i referti si scaricherebbero dal computer, le visite e gli esami si prenoterebbero da casa. Per la farmacia la sfida è dunque ricordare all’opinione pubblica che la rete dei presidi dà un servizio migliore della rete digitale. (AS)

Notizie correlate

28/07/2017

Le farmacie accettano la sfida del “Governo della domanda”

Le farmacie private di Bergamo e provincia accettano la sfida e saltano sul treno del “Governo della domanda”, il nuovo modello di gestione delle cronicità varato dalla Lombardia nell’ambito della riforma della Sanità regionale. Anzi, per essere precisi...
26/07/2017

Promofarma: a maggio battuta d’arresto nella dematerializzazione

Inaspettata battuta d’arresto per la dematerializzazione delle ricette Ssn, che in alcune regioni fa registrare addirittura un passo indietro. La regressione più evidente è ai vertici della classifica: a marzo superavano in cinque la soglia del 90% che sancisce la normalizzazione del “paperless” (Campania, Molise, Trento, Veneto e Sicilia) a maggio soltanto tre regioni rimangono al di sopra...
22/07/2017

Federanziani, nel 44% dei politrattati aderenza terapeutica a rischio

L'assunzione di troppe pillole mette a serio rischio l'efficacia delle cure e la salute degli anziani. Il motivo? L'insufficiente aderenza alla terapia. E' quanto emerge da una ricerca del Centro studi di economia sanitaria di Senior Italia Federanziani, condotto su 1.427 “over 65” con ipertensione arteriosa. Il 71% è sottoposto a due programmi terapeutici per il trattamento della pressione...
08/06/2017

Ritiro referti, Garante privacy: solo in farmacia, no erboristerie e "para"

I referti di visite ed esami diagnostici possono essere ritirati dal paziente soltanto nella struttura sanitaria che li ha prodotti oppure nelle farmacie convenzionate, non in altri esercizi. E’ quanto ricorda il Garante della Privacy, Antonello Soro, nella Relazione annuale sull’attività condotta dall’authority nel 2016, presentata l’altro ieri alla Camera davanti alla presidente Laura Boldrini...
21/04/2017

Sentenza Consulta: passa centralità farmacia dei servizi

Una sentenza particolarmente importante, quella emessa dalla Corte costituzionale per bocciare la legge regionale del Piemonte che estendeva alle parafarmacie l’autodiagnosi di prima istanza. Parola di Massimo Luciani, costituzionalista, docente ordinario...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni