Edicola

Distributori senza porta di comunicazione, Zenobii (Promofarma): nostra App efficace e poco onerosa

24/01/2018 09:07:43
Le farmacie si attrezzano per ottemperare all’obbligo, scattato il 1 gennaio 2018, di inviare telematicamente i dati dei corrispettivi realizzati tramite distributori automatici privi di “porta di comunicazione”, previo censimento degli stessi e acquisizione del relativo QRCODE identificativo. La trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate avverrà, presumibilmente dalla prima decade di febbraio, grazie a Promofarma che metterà a disposizione delle farmacie associate una App che consentirà l’invio dei dati. Essa è stata sviluppata su piattaforma Android e verrà distribuita con abbonamento triennale e pagamento annuale di un canone di 40 euro + Iva.

“Bisognerà aver già censito le macchine e averlo comunicato all’Agenzia delle Entrate, a quel punto dopo che saranno geolocalizzate e censite sarà facile e automatico l’impiego dell’Applicazione”, ha spiegato a Filodiretto l’amministratore delegato di Promofarma, Fabrizio Zenobii. E sul perché circa la necessità di mettere a disposizione lo strumento, Zenobii aggiunge che “Promofarma cerca sempre di ottemperare a quelle che sono le necessità delle farmacie. In questo caso specifico, di adempiere ad un obbligo di legge”.

A richiedere uno strumento efficace e poco oneroso per la farmacia, sono state anche le associazioni provinciali “che si sono fatte portavoci - aggiunge Zenobii – della necessità delle singole farmacie di rifiutare proposte esterne troppo onerose. La categoria è soddisfatta anche perché i vantaggi sono rilevanti rispetto a quello che c’è in commercio. Avevamo cercato di fornire anche il device ma i tempi non erano abbastanza lunghi per essere completamente autonomi anche in questo senso”, conclude Zenobii. La trasmissione dei dati all’Agenzia delle Entrate, mediante apposito software, deve avvenire ogni 60 giorni (i dati dei ricavi realizzati tramite la vending machine il 1 gennaio devono essere perciò inviati entro il 1 marzo) e qualora la prestazione venga resa a titolo gratuito, ovvero la vending machine non funzioni a moneta, bensì a gettone ed il corrispettivo venga quindi incassato direttamente, con emissione di regolare scontrino fiscale all’utilizzatore, gli adempimenti in questione non si rendono conseguentemente necessari.

Notizie correlate

13/01/2016

Dal Ministero giro di vite su requisiti e dotazioni dei distributori

Le disposizioni del d.lgs 219/2006 escludono che più società autorizzate alla distribuzione intermedia del farmaco possano condividere tra loro locali, attrezzatura, personale e «dotazioni minime» di magazzino. Lo precisa il ministero della Salute nel parere...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni