Edicola

Farmacia dei servizi, col riparto 2013 si comincia a fare sul serio

25/02/2014 07:12:01
Su farmacia dei servizi e aggregazioni complesse della mg arriva una dotazione di 250 milioni di euro. A metterli sul tavolo è il riparto delle risorse vincolate agli obiettivi prioritari di valenza nazionale, concordato da Stato e Regioni nell’ambito dell’intesa di giovedì scorso sulla suddivisione del Fondo sanitario 2013. In sostanza, l’accordo individua 20 «linee progettuali», per ognuna delle quali vengono fissati alcuni obiettivi di programma e le risorse necessarie a raggiungerli, da prelevare da una dotazione che complessivamente ammonta a 1,4 miliardi di euro.
Il primo di tali “cantieri” programmatici è la riorganizzazione del territorio, da imperniare sul riassetto delle Cure primarie e – appunto – sullo sviluppo della farmacia dei servizi. Sulla base di linee guida che il documento sul riparto approvato dalla Conferenza Stato-Regioni detta sinteticamente: per quanto concerne la mg, andrà accelerato «il percorso di attivazione delle Aggregazioni funzionali territoriali (Aft) e delle Unità complesse di cure primarie (Uccp), nell’ottica di una più stretta complementarità con le strutture ospedaliere, i distretti e le organizzazioni socio-assistenziali»; si dovrà puntare «all’integrazione del sistema di emergenza territoriale (il 118) con il servizio di continuità assistenziale (le guardie mediche)»; sarà costruito «un sistema informatico che metta in contatto mmg e pediatri di libera scelta con le strutture territoriali e ospedaliere, per consentire l’accesso ai servizi 365 giorno all’anno 24 ore al giorno». Poi ci sono le farmacie: con loro, recita il documento, andranno «riconsiderati i rapporti» in virtù della loro «capillarità», che permetterebbe l’erogazione «sul territorio di servizi sanitari di prima assistenza e orientamento del cittadino verso gli altri presidi sanitari».
E’, appunto, il ritratto della farmacia dei servizi, alla quale la relazione della Stato-Regioni dedica un intero paragrafo: le farmacie pubbliche e private, si legge, «potranno partecipare» al processo di riorganizzazione ospedale-territorio nel nuovo ruolo di «centri polifunzionali servizi», tra i quali ci saranno «la partecipazione all’Assistenza domiciliare integrata», la «dispensazione e consegna domiciliare» di farmaci e dispositivi, il monitoraggio dei consumi di farmaci e dell’aderenza alle terapie e le «campagne di prevenzione delle principali patologie a forte impatto sociale». Non solo: «all’interno delle reti assistenziali integrate» da costruire attorno a «percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali per il paziente cronico», la farmacia dei servizi «potrà partecipare al monitoraggio dello stato di salute della popolazione, nonché dell’efficacia e dell’efficienza del sistema sanitario». Perché tutto ciò accada, avverte tuttavia il documento, sarà necessario che medico specialista, mmg, infermiere e farmacista «possano comunicare e interagire tra loro con sistemi che garantiscano la continuità delle cure, portando al domicilio del paziente cronico determinati servizi e, con il tele-monitoraggio, verificare l’evoluzione della patologia».
Questo il menù, per il quale ci sono sul tavolo 250 milioni di euro. La cui destinazione è finanziare i progetti che le Regioni metteranno in campo per dare attuazione alle linee d’indirizzo appena elencate. E’ la prima volta che la farmacia dei servizi entra a pieno titolo in un documento progettuale del Ssn e soprattutto accede a stanziamenti distinti dalla farmaceutica vera e propria. Insomma, si comincia a fare sul serio. (AS)

Notizie correlate

08/06/2017

Ritiro referti, Garante privacy: solo in farmacia, no erboristerie e "para"

I referti di visite ed esami diagnostici possono essere ritirati dal paziente soltanto nella struttura sanitaria che li ha prodotti oppure nelle farmacie convenzionate, non in altri esercizi. E’ quanto ricorda il Garante della Privacy, Antonello Soro, nella Relazione annuale sull’attività condotta dall’authority nel 2016, presentata l’altro ieri alla Camera davanti alla presidente Laura Boldrini...
21/04/2017

Sentenza Consulta: passa centralità farmacia dei servizi

Una sentenza particolarmente importante, quella emessa dalla Corte costituzionale per bocciare la legge regionale del Piemonte che estendeva alle parafarmacie l’autodiagnosi di prima istanza. Parola di Massimo Luciani, costituzionalista, docente ordinario...
11/04/2017

Convegno Assofarm: farmacia dei servizi per scardinare la diretta

Presa in carico del paziente cronico e monitoraggio dell’aderenza terapeutica sono le due carte che le farmacie del territorio devono mettere sul tappeto per scardinare la distribuzione diretta e riappropriarsi della distribuzione di tutti i farmaci di fascia A...
08/04/2017

Illegittima la legge piemontese sui servizi in parafarmacia

E’ illegittima la disposizione della Regione Piemonte che autorizza le parafarmacie a dotarsi di «apparecchi di autodiagnostica rapida per il rilevamento di prima istanza di trigliceridi, glicemia e colesterolo». Perché la norma «amplia il novero degli esercizi abilitati...
06/04/2017

Apre a Belluno la farmacia dei servizi targata Sunifar

Parte da Belluno, con l’obiettivo di allargarsi progressivamente ad altre province, la sperimentazione del progetto “farmacia sociale” targata Sunifar. L’obiettivo è quello di realizzare una versione di farmacia dei servizi calabile nella realtà rurale...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni