Edicola

Farmacia dei servizi, nuove chance dal decreto su standard ospedalieri

26/06/2015 01:13:36
Farmacia dei servizi e medicina d’iniziativa rappresentano i cardini del nuovo sistema di cure territoriali, che dovrà collegarsi all’ospedale per assicurare la continuità dell’assistenza, anche attraverso «una gestione attiva della cronicità». E’ quanto recita il decreto con cui il ministero della Salute ha emanato il nuovo Regolamento sugli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi dell'assistenza ospedaliera. Datato 2 aprile 2015 ma pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 4 giugno scorso, il provvedimento detta le linee per la riqualificazione del primo livello e l’integrazione ospedale-territorio.

Ed è proprio nel capitolo dedicato a quest’ultimo tema che il decreto parla esplicitamente di farmacia. «Va promosso il collegamento dell'ospedale a una “centrale della continuità” o altra struttura equivalente posta sul territorio di riferimento, per la dimissione protetta e la presa in carico post-ricovero», così come vanno sostenute «la medicina di iniziativa e la farmacia dei servizi, quale modello assistenziale orientato alla promozione attiva della salute». L’obiettivo, continua il provvedimento, dovrà passare anche «dall'educazione della popolazione ai corretti stili di vita» e «dall’assunzione del bisogno di salute prima dell'insorgere della malattia o prima che essa si manifesti o si aggravi, anche tramite una gestione attiva della cronicità», così come previsto dal nuovo Patto per la salute 2014-2016.

Degne di lettura per la platea dei titolari di farmacia anche le indicazioni dettate dal decreto sulla riorganizzazione delle Cure primarie, sempre in chiave continuità ospedale-territorio. Le attività riconducibili sotto tale cappello, spiega il Ministero, vanno dai «programmi di dimissione protetta e/o assistita», in particolare per i pazienti che richiedono continuità di cura in fase post-acuta, «alla disponibilità di strutture intermedie» come gli ospedali di comunità; dai «servizi di gestione domiciliare della fase acuta mediante gruppi multidisciplinari, ai programmi di ospedalizzazione» nelle strutture di ricovero del territorio «gestite dai medici di medicina generale».

Sulla base di tali linee, conclude il decreto, le Regioni dovranno quindi procedere «al riassetto dell'assistenza primaria, dell'assistenza domiciliare e di quella residenziale» contestualmente alla «ridefinizione della rete ospedaliera», in coerenza con i Livelli essenziali di assistenza e «con gli obiettivi economico finanziari nazionali fissati per il Servizio sanitario nazionale». Ed è qui, dunque, che la farmacia dei servizi dovrà andare a ricavarsi le sue chance. (AS)

Notizie correlate

21/04/2017

Sentenza Consulta: passa centralità farmacia dei servizi

Una sentenza particolarmente importante, quella emessa dalla Corte costituzionale per bocciare la legge regionale del Piemonte che estendeva alle parafarmacie l’autodiagnosi di prima istanza. Parola di Massimo Luciani, costituzionalista, docente ordinario...
11/04/2017

Convegno Assofarm: farmacia dei servizi per scardinare la diretta

Presa in carico del paziente cronico e monitoraggio dell’aderenza terapeutica sono le due carte che le farmacie del territorio devono mettere sul tappeto per scardinare la distribuzione diretta e riappropriarsi della distribuzione di tutti i farmaci di fascia A...
08/04/2017

Illegittima la legge piemontese sui servizi in parafarmacia

E’ illegittima la disposizione della Regione Piemonte che autorizza le parafarmacie a dotarsi di «apparecchi di autodiagnostica rapida per il rilevamento di prima istanza di trigliceridi, glicemia e colesterolo». Perché la norma «amplia il novero degli esercizi abilitati...
06/04/2017

Apre a Belluno la farmacia dei servizi targata Sunifar

Parte da Belluno, con l’obiettivo di allargarsi progressivamente ad altre province, la sperimentazione del progetto “farmacia sociale” targata Sunifar. L’obiettivo è quello di realizzare una versione di farmacia dei servizi calabile nella realtà rurale...
21/03/2017

Farmacistapiù, Racca: già raccolta la sfida su cronicità e servizi

La distribuzione diretta va ridimensionata trasferendo alla convenzionata tutti i farmaci di uso consolidato e a brevetto scaduto, nonché quelli il cui prezzo rende comunque più conveniente la dispensazione in farmacia. E non solo: terminata la “potatura"...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni