Edicola

Ims, nel I trimestre mercato farmacia -2,4%

27/04/2016 00:10:58
Nei primi tre mesi del 2016 il mercato della farmacia ha fatto registrare una contrazione di 2,4 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il dato arriva da Ims Health ed è frutto delle rilevazioni di Pharmatrend 8K, il nuovo campione di 8mila farmacie distribuite su tutto il territorio nazionale: 6,4 miliardi di euro il giro d’affari realizzato dai presidi con la croce verde nel primo trimestre, in decrescita per colpa soprattutto dell’area di libera vendita. Rispetto al 2015, infatti, il comparto commerciale non riesce più a “coprire” l’arretramento del farmaco etico: nel primo trimestre infatti, i medicinali con obbligo di ricetta fanno segnare un arretramento del 3,9%, mentre il segmento di libera vendita (che raggruppa parafarmaci, cosmetici, integratori e farmaci senza obbligo di ricetta) resta praticamente invariato con un giro d’affari di circa 2,6 miliardi di euro.

Se tra gennaio e marzo il comparto commerciale è rimasto praticamente al palo, la colpa è della cosiddetta “stagionalità”, ossia l’ondata di malanni e disturbi da freddo che solitamente cala negli ultimi mesi dell’inverno. Un’ondata quest’anno pressoché inesistente: il segmento dell’automedicazione, infatti, chiude il trimestre con un -5,7% a valori, mentre il parafarmaco cala dell’1,3%. Continuano invece ad avere il vento in poppa i nutraceutici (+5%), che rimangono in territorio positivo assieme ai prodotti per la cura e igiene della persona (+1,4%, sempre rispetto al primo trimestre 2015), la dermocosmesi (+1,3%) e il segmento dell’igiene orale (+2,5%).

«Il fatto che segmenti da tempo dinamici come nutraceutici e dermocosmesi continuano a tirare anche nel primo trimestre» è il commento di Sergio Liberatore, amministratore delegato di Ims Health Italia «dimostra che questo inizio d’anno non deve far testo. Non solo c’è l’anomalia di una stagionalità quasi inesistente, ma non va dimenticato che il raffronto è con un primo trimestre 2015 che invece fece registrare numeri particolarmente buoni. In sostanza, ne viene fuori un raffronto “dopato”». Non ci sono le basi, quindi, per temere un 2016 particolarmente negativo per la farmacia: «I segmenti dell’area di libera vendita che reggono il mercato della farmacia» conferma Liberatore «restano solidi, non c’è motivo dunque per ritenere che questo rallentamento d’inizio anno continui anche nei mesi a venire». (AS)

Notizie correlate

29/12/2016

Scaccabarozzi: farmaceutica traino per l’Italia e per il Mezzogiorno

«La farmaceutica negli ultimi anni è stata un traino per l'Italia. Ma mediamente nel Sud ha avuto risultati straordinari per export, produttività pro-capite, capacità di innovazione molto superiori non solo alla media manifatturiera, ma anche rispetto al nostro settore...
09/11/2016

Cenciarelli (Ims): riordino tetti inviterà Regioni a ridurre diretta

Dal finanziamento che la Manovra assegna al Ssn per il 2017 dovrebbe scaturire un tetto per la spesa farmaceutica convenzionata che basterà a coprire non solo le necessità del territorio, ma anche eventuali riclassificazioni dalla distribuzione diretta-dpc. Questa almeno è la stima di Giorgio Cenciarelli, direttore Supplier services di Quintiles Ims...
28/07/2016

Camera, in mozione su farmaceutica sì a riorganizzazione tetti

Il Governo assuma le iniziative necessarie a rivedere l’attuale sistema di governance della spesa farmaceutica, superi il dualismo tra spesa farmaceutica territoriale e ospedaliera che è «concettualmente superato» e adotti la proposta formulata dalle Regioni nella quale i tetti di spesa sono definiti «in funzione delle diverse modalità di acquisto dei farmaci»...
28/06/2016

Brexit, convergenza Ministero-Lombardia per portare l’Ema a Milano

Non è neanche passata una settimana dal referendum con cui gli inglesi hanno detto sì alla Brexit e l’Italia è già pronta a candidarsi ufficialmente per dare ospitalità all’Ema, l’Agenzia europea del farmaco. La cui sede, un domani, potrebbe spostarsi da Londra a Milano. E’ l’ipotesi lanciata ieri dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in un articolo firmato da Roberto...
25/06/2016

Decreto pay-back, dal testo molte ambiguità e punti interrogativi

Le aziende del farmaco pagheranno cash, secondo un percorso a tappe che si concluderà il 15 ottobre. La filiera, invece, ripianerà da settembre al solito modo, con un ricarico sullo sconto Ssn dello 0,64%. E’ quanto prevede a proposito di pay-back l’articolo 21 del decreto Enti locali, approvato lunedì scorso dal Consiglio del ministri. Come noto, l’obiettivo del provvedimento è...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata.
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata.
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni