Edicola

Previdenza dei farmacisti: ormai indifferibile una riforma stutturale

02/05/2018 16:43:38
         





COMUNICATO CONGIUNTO


Una revisione complessiva e strutturale delle disposizioni che regolano la previdenza dei farmacisti  è ormai indifferibile. Lo ribadiscono i rappresentanti di Federfarma,  FOFI e Fenagifar  che, nell’ottica di rendere concreta la volontà riformatrice che giunge unanime dalle diverse componenti della categoria, si sono riuniti il 27 aprile con l’obiettivo di fare il punto sulla riforma della previdenza di categoria.  Una decisione - alla quale si è associata anche Assofarm - che discende dall’analisi della congiuntura attuale, nella quale operano diversi fattori, a cominciare dal cambiamento dell’assetto proprietario della farmacie, che impongono non soltanto di operare per la stabilità dell’ENPAF, ma anche di mantenere e, anzi, aumentare la convenienza della contribuzione all’Ente per il maggior numero possibile di professionisti.
Nelle more di una riforma di carattere legislativo, volta a dare sistematicità e organicità alle proposte di riordino delle modalità contributive e delle prestazioni erogate dall’ENPAF,  i rappresentanti delle tre Organizzazioni hanno individuato alcuni principi, peraltro non esaustivi:
  • La riduzione contributiva, almeno nella misura del 50%, per i pensionati dell’Ente ancora Iscritti all’Ordine per l’esercizio dell’attività professionale in farmacia.  La normativa lo consente;
  • La razionalizzazione delle forme di riduzione contributiva che danno accesso alle prestazioni previdenziali, prevedendo per gli iscritti che hanno altre coperture previdenziali obbligatorie una contribuzione di solidarietà, volta unicamente a fruire delle prestazioni assistenziali;
  • L’incentivazione di forme di previdenza integrativa, alle quali gli iscritti che svolgono attività di lavoro dipendente possano far confluire il proprio TFR;
  • L’individuazione  di nuovi servizi di cui gli iscritti possano fruire;
  • L’introduzione di misure di sostegno per favorire l’erogazione di prestazioni adeguate ai titolari della farmacie in situazione di particolare disagio, analogamente a quanto previsto da altre Casse di previdenza libero professionali;
  • La previsione di forme contributive per le nuove occupazioni, anche collegate allo sviluppo della “farmacia dei servizi”, da far rientrare nelle attività professionali del farmacista;
  • La previsione di riduzioni contributive, nei primi anni di attività, in favore dei giovani neo iscritti, privi di altre coperture previdenziali obbligatorie per legge;
  • Il riordino organizzativo dell’ENPAF, volto a consentire maggiore informazione agli iscritti, anche utilizzando i moderni mezzi di comunicazione e il sito internet.
Le tre Organizzazioni, nella seconda riunione del tavolo sulla riforma della previdenza, calendarizzata  il 16 maggio,   approfondiranno tali punti programmatici, anche in vista del successivo confronto con le altre componenti della professione.  Alla seconda riunione parteciperà anche Assofarm che condivide questi principi.

Notizie correlate

13/07/2016

Ddl concorrenza, da commissione Industria sì a giro di vite su catene

E’ stato approvato dalla commissione Industria l’emendamento dei relatori 48.100 che vieta a ogni singola catena di controllare, direttamente o indirettamente, più del 20% delle farmacie esistenti in ogni regione. Non passano invece l’emendamento 48.79, che innalzava le soglie di fatturato per le agevolazioni alle rurali sussidiate, e il 48.26, che imponeva alle società di...
29/04/2016

Riforma Enpaf, le osservazioni di Federfarma: priorità alle pensioni

Federfarma è disposta a ragionare su un incremento della contribuzione a carico dei titolari di farmacia e dei loro familiari farmacisti, ma soltanto se il nuovo sistema saprà garantire a chi va in pensione prestazioni certe e decisamente migliori di quelle oggi erogate...
28/01/2016

Previdenza, da Federfarma ed Enpaf tavolo per esplorare riforma

La riforma della previdenza Enpaf dovrà necessariamente passare da una revisione dei meccanismi che determinano il trattamento previdenziale dei titolari di farmacia, in modo che ci sia maggiore equità tra quanto versano e quanto poi riceveranno una volta a riposo...
18/12/2015

Riforma Enpaf, per Federfarma cruciale superamento dello 0,90%

Federfarma dirà sì soltanto a una riforma della previdenza che garantisca ai titolari una pensione realmente commisurata a quanto versato nella vita lavorativa. E’ l’orientamento che si sta consolidando nella Federazione davanti alla bozza di proposta per...
06/10/2015

Riforma previdenza, ipotesi “contributivo” al vaglio di Federfarma

Traghettare la previdenza di categoria al sistema contributivo, con annualità commisurate al reddito dell’iscritto e applicazione del “pro-rata” per le quote già versate. E’ la proposta alla quale sta attualmente lavorando la commissione insediata a luglio dall’Enpaf...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni