Edicola

Farmacie: il ruolo sociale e sanitario nelle sentenze della Corte costituzionale e Corte di giustizia Europea

18/02/2015 16:26:11
“L’attività di dispensazione al pubblico dei medicinali assicurata dalle farmacie è parte integrante del Servizio Sanitario Nazionale (SSN).” Ad affermarlo non è Federfarma bensì la Corte costituzionale che ha più volte affermato che il servizio offerto dalle farmacie è finalizzato ad “assicurare una adeguata distribuzione dei farmaci, costituendo parte della più vasta organizzazione predisposta a tutela della salute”. E’ per questo che l’attività delle farmacie non può essere considerata una comune attività commerciale. Per lo stesso motivo la normativa sul servizio farmaceutico presenta caratteristiche peculiari, che sono state riconosciute, negli ultimi anni, sia dalla giurisprudenza della Corte costituzionale che da quella amministrativa in alcune sentenze assai importanti. Da queste sentenze emerge un quadro molto preciso, nel quale la farmacia viene individuata come strumento imprescindibile per il soddisfacimento del fondamentale diritto alla salute, garantito dall’articolo 32 della Costituzione.
Altrettanto importanti sono state alcune sentenze della Corte di giustizia dell’Unione Europea che, nell’arco di oltre un decennio, ha respinto una serie di richieste di liberalizzazione dell’attività delle farmacie, avanzate da alcuni gruppi economici, nel tentativo di mettere in discussione le fondamenta del regime applicato nella maggioranza dei Paesi europei.
Da un decennio di giurisprudenza europea emerge un quadro giuridico consolidato, caratterizzato dai seguenti elementi:
1)    anche la Corte di giustizia, come la Corte costituzionale italiana, riconosce che la tutela della salute è un valore primario dell’ordinamento comunitario e che l’attività della farmacia, assicurando la corretta dispensazione del farmaco, ha un ruolo essenziale nel garantire elevati standard di tutela della salute all’interno dell’Unione;
2)    il farmaco e l’attività della farmacia non sono assimilabili rispettivamente alle altre merci ed altre attività economiche, ma presentano delle specificità di cui è necessario tenere conto;
3)    nel settore farmaceutico, l’Unione Europea riconosce agli Stati membri un margine di discrezionalità particolarmente ampio. Spetta agli Stati definire organizzazione e regime giuridico dell’attività della farmacia, per garantire alti livelli di tutela della salute;
4)    chiamata a definire il punto di equilibrio fra corretta e regolata dispensazione del farmaco (tutela della salute) e libertà dell’attività imprenditoriale (tutela della libera prestazione dei servizi), la Corte di giustizia ha sistematicamente affermato la prevalenza della tutela della salute rispetto alle istanze di liberalizzazione e deregolamentazione del mercato.
“Aggiungiamo che la Corte di giustizia si è espressa ripetutamente su normative adottate dal legislatore italiano, sempre dichiarate pienamente legittime” osserva il presidente Federfarma Annarosa Racca. “Nel corso degli anni, il giudice europeo ha valutato i più rilevanti profili della attività di farmacia: dai requisiti di titolarità e gestione alla disciplina della vendita dei medicinali con obbligo di ricetta medica (“fascia C”), dalla pianta organica agli orari e ai turni. E le esigenze della liberalizzazione –conclude Racca - non hanno mai prevalso su quelle della tutela della salute.”

Notizie correlate

28/02/2017

Sentenza Tar Lazio: la farmacia non può rivendere al distributore

Non sono ammissibili passaggi di medicinali «a titolo di compravendita o comunque oneroso dal magazzino della farmacia a quello del grossista», perché «si perderebbe definitivamente ogni ragione di distinzione tra i concetti e le correlative funzioni» che definiscono farmacie e aziende della distribuzione farmaceutica...
05/07/2016

Sop e pubblicità, dal Tar Lazio sentenza che fa discutere

Solleva più dubbi di quelli che scioglie la sentenza con cui, la settimana scorsa, il Tar Lazio ha negato l’esistenza di restrizioni alla pubblicità sui cosiddetti Sop, i farmaci senza obbligo di ricetta riservati al consiglio del farmacista. L’intervento dei giudici fa riferimento al ricorso presentato nell’autunno 2015...
03/07/2015

Dalla Corte UE l’ennesima conferma: i farmaci con ricetta devono rimanere in farmacia

“La sentenza depositata ieri dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea è in linea con una lunga serie di sentenze - europee e nazionali - che confermano che la normativa italiana che limita alla farmacia la distribuzione dei farmaci con obbligo di ricetta non solo è conforme al diritto comunitario, ma risponde pienamente...
03/02/2014

Fascia C, dal Tar Puglia altra sentenza favorevole alle farmacie

La liberalizzazione della fascia C comporterebbe per le farmacie «una diminuzione significativa del loro reddito, con il rischio di chiusura degli esercizi situati nelle zone più svantaggiate del territorio». Allo stesso tempo, «nelle zone più redditizie del paese...
09/12/2013

Fascia C, Racca: dalla Corte di giustizia UE visione "di sistema"

«E ora nessuno dovrà più dire che la farmacia italiana deve adeguarsi all’Europa». Annarosa Racca, presidente nazionale di Federfarma, aspettava soltanto la sentenza della Corte di giustizia europea sulla liberalizzazione della fascia C per levarsi...

Cerca

Inserisci il CAP o la località per trovare la farmacia più vicina.
Ricerca farmacia
oppure usa la ricerca avanzata .
Ricerca Farmaco
oppure usa la ricerca avanzata .
Cerchi o offri lavoro in una farmacia? Sulla bacheca cerco e offro di federfarma.it puoi trovare offerte di lavoro legate al mondo della farmacia.

Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni