Bollini farmaci, l’Antitrust: su stampa il Poligrafico non ha esclusive di legge

07/12/2017 09:14:02
Non c’è nessuna norma di legge che riserva esplicitamente all’Istituto Poligrafico-Zecca dello Stato la produzione dei bollini destinati alla targatura delle confezioni farmaceutiche. Sarebbe dunque opportuno che il ministero delle Finanze fornisse «una corretta interpretazione» della legislazione vigente in materia di produzione di carte valori, così come sarebbe auspicabile che «il Parlamento introducesse quanto prima il nuovo sistema europeo di tracciatura del farmaco, senza attendere la scadenza del 2025». E’ quanto scrive l’Antitrust in una segnalazione inviato nei giorni scorsi a Governo e Camere sulla questione dell’esclusiva al Poligrafico di Stato per la produzione dei bollini farmaceutici.

L’intervento dell’authority nasce dalla segnalazione ricevuta da un’azienda alla quale il Poligrafico aveva rifiutato la fornitura di carta filigranata e numerazione progressiva per stampare i bollini in proprio. Il diniego, spiega l’Antitrust, sarebbe stato giustificato dall’istituto con «l’assetto ordinamentale vigente», che riserverebbe al Poligrafico la produzione in via esclusiva delle targhe adesive. L’Autorità garante, tuttavia, non condivide: «la pretesa riserva a favore dell’Istituto sulla produzione dei bollini farmaceutici» si legge nella segnalazione inviata a Governo e Parlamento «non trova alcun fondamento in una norma di rango primario».

L’unico provvedimento che fa da riferimento sulla materia è la legge 559/1966, che disciplina l’attività del Poligrafico e gli assegna produzione e stampa della carta valori (con la quale vengono prodotti i bollini). Il testo, osserva tuttavia il Garante, si presta a interpretazioni divergenti perché all’articolo 2 stabilisce che l’Istituto «può produrre e fornire le carte valori», mentre all’articolo 3 ammette che «in casi eccezionali può affidare a terzi l'esecuzione di determinate forniture», come se di default il Poligrafico godesse di un’esclusiva.

Di qui l’invito dell’Antitrust al ministero delle Finanze perché chiarisca il senso della norma, tenuto conto che «un’eventuale introduzione della riserva in materia di fornitura di bollini farmaceutici dovrebbe ritenersi non proporzionata rispetto al perseguimento dell’interesse pubblico» e ingiustificata rispetto a quel principio di proporzionalità richiesto dall’Europa per valutare ogni eventuale restrizione alla concorrenza.

Anche per questo, conclude l’Antitrust, il nostro Paese dovrebbe introdurre «quanto prima il nuovo sistema europeo di tracciatura del farmaco, senza attendere il termine ultimo fissato per l’Italia nel 2025»: il modello Ue, basato su codice Datamatrix, consente infatti di stampare «i dati identificativi del farmaco direttamente sulla confezione anziché attraverso il bollino, con una sensibile riduzione dei costi e delle problematiche collegate». Il Garante ha dato al ministero delle Finanze 30 giorni di tempo per rispondere.

Ultime notizie

14/11/2018

Diretta e Dpc: dopo l’altolà della Sifo, Cossolo chiarisce la posizione delle farmacie territoriali

Il presidente di Federfarma nazionale, Marco Cossolo, interviene in merito al dibattito sulle due forme distributive del farmaco, quella diretta e quella per conto, scatenato negli ultimi giorni dalle dichiarazioni di Simona Serao Creazzola, presidente della Societa’ Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (Sifo)...
14/11/2018

Tg Federfarma Channel – Edizione del 14 novembre

In questo numero: Diretta e Dpc: dopo altolà della Sifo, Cossolo chiarisce la posizione delle farmacie territoriali; “Diamo un pacco alla camorra”, Federfarma sostiene il progetto di Cittadinanzattiva Campania; Banco farmaceutico, in 539mila rinunciano alle cure nel 2018; Farma Academy, eletta la dirigenza della Fondazione
14/11/2018

“Diamo un pacco alla camorra”, Federfarma sostiene il progetto NCO-Cittadinanzattiva Onlus

Cittadinanzattiva Onlus sponsorizza il progetto denominato “Diamo un pacco alla camorra”, ideato da Nuova Cooperazione Organizzata (Nco), un percorso di sostegno alle aziende e alle cooperative...
14/11/2018

Banco farmaceutico, in 539mila rinunciano alle cure nel 2018

Nel 2018 in Italia sono state 539mila le persone povere che non si sono potute permettere cure o farmaci di cui avevano bisogno, una fetta di popolazione che corrisponde al 10,7% dei poveri assoluti italiani. E' quanto emerge dal rapporto 2018...
14/11/2018

Farma Academy, eletta la dirigenza della Fondazione

Si concretizza il progetto che ruota attorno a Farma Academy, la fondazione promossa da Fenagifar e Fofi dedicata alla formazione continua con particolare attenzione alle nuove leve della professione. Si è infatti provveduto all’elezione delle...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni