Farmaci: 36% pagine Wikipedia non aggiornato su sicurezza

26/06/2014 16:10:17
Quando si cercano informazioni sui farmaci su web tra i primi risultati c'è sempre una pagina di Wikipedia, ma in un terzo dei casi le informazioni contenute non sono aggiornate. Lo ha scoperto uno studio della Harvard Medical School pubblicato dal New England Journal of Medicine. Ogni mese 500 milioni di persone consulta le pagine dell'enciclopedia on line, sottolineano gli autori, e questo fa di Wikipedia potenzialmente il principale sito di salute al mondo. Per verificare la correttezza delle informazioni sono stati selezionati 22 farmaci per diverse patologie, dalla pressione alta all'epatite C, su cui l'Fda aveva pubblicato degli allarmi sulla sicurezza tra il 2011 e il 2012. Le pagine relative ai farmaci sono state esaminati 60 giorni prima e per 60 giorni dopo la pubblicazione del "warning", periodo nel quale ci sono state 15 milioni di ricerche su Google e 5 milioni di visite a Wikipedia sulle molecole in questione. «In media il 41% delle pagine di Wikipedia è stato aggiornato entro due settimane dall'allarme - spiega John Seeger, l'autore principale - quasi un quarto (il 23%) ha dovuto attendere più di due settimane per l'update e più di un terzo, il 36%, non era aggiornata un anno dopo la pubblicazione del "warning". Da questo punto di vista non tutti i farmaci sono uguali, con quelli più comuni che hanno una probabilità maggiore di avere un aggiornamento in tempi rapidi». (ANSA)

Notizie correlate

26/02/2018

Da Onda monito su giovani e dipendenza da internet. Braguti (Federfarma Lecco): cruciale ruolo delle mamme

Quasi il 95% dei ragazzi tra i 14 e i 19 anni utilizza internet e l'impiego della tecnologia può diventare problematico in una percentuale compresa tra l'1% e il 4% di loro...
28/12/2017

Malattie sessuali, più persone fanno test se offerti su web

Per "convincere" le persone a fare i test per le malattie sessualmente trasmesse, dall'Hiv all'Aids, una strategia utile è offrirli sul web. Lo afferma uno studio della London School of Hygiene pubblicato da Plos Medicine. I ricercatori hanno coinvolto duemila londinesi, dando a metà del gruppo...
28/06/2017

Salute, il 77% degli adolescenti cerca notizie sul web

Il 77% dei giovani tra 14 e 19 anni cerca notizie sul web riguardo alla salute, con la forma fisica e l'alimentazione in cima alla lista degli argomenti preferiti. Lo afferma la ricerca "Diagno//click" dell'associazione Family Smile, presentata oggi alla Camera. L'indagine ha coinvolto...
24/06/2017

Salute, mmg consultati più del web. Farmacisti apprezzati dai 65enni

Quando si devono reperire informazioni sulla salute o sulle modalità di accesso ai servizi del Ssn, il medico di famiglia rimane la principale figura di riferimento degli italiani, che lo segnalano nel 72,3% dei casi. Segue, a distanza, la categoria dei parenti/amici/vicini/colleghi (31,9%), la televisione (25,7%), il medico specialista (22,7%), i siti internet che trattano...
07/06/2017

Fake news in sanità, Fnomceo risponde con un portale

Si chiamerà Dottoremaeveroche e avrà l'obiettivo di smascherare le “bufale” che riguardano la medicina e la salute. E' il nuovo sito che la Fnomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, metterà online dopo l'estate per contrastare...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni