Fondazione Gimbe, 5 miliardi mangiati da 53 tipologie di frodi e abusi Ssn

04/07/2017 00:28:58
Sono 53 le tipologie di frodi e abusi nella Sanità che sottraggono oltre 5 miliardi di euro alla nostra salute. Lo sostiene la Fondazione Gimbe su una elaborazione del rapporto sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale presentato lo scorso 6 giugno. Il rapporto aveva stimato per il 2016 un impatto di 22,51 miliardi di sprechi sulla spesa sanitaria pubblica classificabili in sei categorie: sovra-utilizzo di servizi e prestazioni inefficaci e inappropriate, frodi e abusi, acquisti a costi eccessivi, sotto-utilizzo di servizi e prestazioni sanitarie efficaci e appropriate, complessità amministrative, inadeguato coordinamento dell'assistenza. Sulle stime relative agli sprechi, ricorda la stessa Fondazione, «non sono mancate le critiche, nonostante l'accurata descrizione della metodologia e il riferimento esplicito al report Ocse Tackling Wasteful Spending on Health, secondo il quale circa un quinto della spesa sanitaria apporta un contributo minimo o nullo al miglioramento della salute delle persone».

«Il motivo principale di stupore» spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe «è costituito dall'inverosimile convivenza di oltre 20 miliardi di sprechi con un finanziamento pubblico tra i più bassi d'Europa e, tutto sommato, servizi sanitari di livello elevato». Gli sprechi alla categoria “Frodi e abusi”, in particolare, eroderebbe secondo le stime del Gimbe circa 4,95 miliardi di eur, con azioni che non rientrano necessariamente nel reato o illecito amministrativo. «Abbiamo identificato» continua Cartabellotta «53 tipologie di frodi e abusi organizzati in nove categorie: policy making e governance del sistema sanitario, regolamentazione del sistema sanitario, ricerca biomedica, marketing e promozione di farmaci, dispositivi e altre tecnologie sanitarie, acquisto di beni e servizi, distribuzione e stoccaggio di prodotti, gestione delle risorse finanziarie, gestione delle risorse umane, erogazione dei servizi sanitari».

Notizie correlate

29/01/2019

La mano delle mafie sulle farmacie, Tobia: “Lo denunciamo dal 2015. Pericolo reale che va combattuto”

L'operazione 'Partenope', che la settimana scorsa ha portato a blitz in più province italiane e all'arresto di 11 persone, 5 in carcere e 6 ai domiciliari, coinvolte in due distinte...
26/10/2018

Spreco farmaci, Cossolo alla Grillo: “Bene dose personalizzata, ma occhio anche alla diretta”

“Condivido pienamente le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo sulla necessità di combattere lo spreco dei farmaci, perché è importante utilizzare bene le risorse disponibili per la salute dei cittadini”. Così il presidente di Federfarma, Marco Cossolo, in risposta alle ultime dichiarazioni del ministro Grillo sull’eccessivo consumo dei farmaci nel nostro Paese...
25/10/2018

Cossolo: sì a nuove soluzioni contro lo spreco di farmaci

“Condivido pienamente le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo sulla necessità di combattere lo spreco dei farmaci, perché è importante utilizzare bene le risorse disponibili per la salute dei cittadini. Federfarma è disponibile a valutare nuove modalità di consegna personalizzata dei farmaci, individuate anche sulla base delle esperienze fatte in altri Paesi europei e negli USA...
25/10/2018

Ministro Grillo: eccessivo consumo di farmaci. Vendere dosi personalizzate

C'è un eccesso di consumo di farmaci, a volte in modo del tutto inappropriato, come accade con gli antibiotici: sui farmaci, uno dei temi potrebbe essere quello di vendere una dose corrispondente alla terapia prescritta". Così ieri il ministro della 
04/10/2018

Truffa settore farmaceutico, 36 indagati e 7 aziende coinvolte

A Parma grandi nomi della sanità ancora una volta sotto accusa, dopo l'operazione Pasimafi di un anno fa. L'indagine 'Conquibus' (denaro) dalle prime ore della mattinata di ieri ha portato all'arresto di un noto medico e di un'imprenditrice con l'accusa di truffa...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni