Sprechi farmaci, Racca: monodosi soluzione inutile, si deve incidere sulla diretta

17/05/2017 00:40:52
Cattiva aderenza alle cure, sostituzioni di terapia e avanzi di scaduti fanno finire ogni anno nella spazzatura centinaia di tonnellate di farmaci. Secondo calcoli parziali, riportati dal Rapporto rifiuti urbani Ispra 2016 e condotti sull’immondizia generata da meno di un quarto della popolazione (23%), sarebbero 1.270 le tonnellate di medicinali gettate nei rifiuti prodotti dal 24,5% dei Comuni italiani. Uno spreco enorme, che a giudizio del Movimento consumatori potrebbe essere contenuto con le cosiddette “monodosi” oppure riducendo la “taglia” di molte delle attuali confezioni di farmaci. «Le scatolette monodose» spiega all'Adnkronos Salute Alessandro Mostaccio, segretario generale del Movimento consumatori «sarebbero almeno da sperimentare in Italia. Quello che noto è che questa proposta, già circolata in passato, è stata accantonata senza nessun concreto tentativo di attuazione, forse per evitare di rompere gli attuali equilibri». Ovviamente, spiega il rappresentante dei consumatori, «non crediamo che le dimensioni della confezione siano le responsabili dello spreco. Ma questo tipo di sperimentazione potrebbe avere una funzione educativa: il consumatore sarebbe indotto ad acquistare in base alle sue effettive necessità, almeno quando si tratta di farmaci da banco».

La proposta, tuttavia, non convince Federico Spandonaro, economista sanitario dell'università Tor Vergata di Roma, secondo il quale «è difficile dimostrare che gli attuali sprechi siano legati alla dimensione delle confezioni». Il vero problema, per l'esperto, «è la mancanza di aderenza alla terapia». Scatole più piccole, in sostanza, non farebbero realizzare alcun risparmio, mentre per l'industria cambiare il processo produttivo per avere confezioni diverse «costerebbe sicuramente molto». Per realizzare risparmi concreti, secondo Spandonaro «bisogna concentrarsi sulle cose importanti, che incidono di più. La soluzione sta nell'informazione e nella formazione: bisogna lavorare sull'aderenza e sulla correttezza della prescrizione».

Dello stesso parere Annarosa Racca, presidente di Federfarma: «Si può fare molto contro gli sprechi cercando di migliorare l'aderenza alle terapie» spiega «le confezioni che non si utilizzano e che finiscono nei bidoni della raccolta differenziata sono soprattutto quelle abbandonate per un cambio di terapia. La taglia delle singole confezioni non è più un problema perché ormai sono standardizzate sul ciclo della terapia. Si può invece lavorare sull’informazione ai pazienti e sull’aderenza terapeutica. E aiuterebbe se si riportassero in farmacia i farmaci della distribuzione diretta, che le Asl distribuiscono ai pazienti in forniture anche di 6 mesi: lo fanno per evitare al cittadino scomodi spostamenti, ma se poi il medico cambia terapia finiscono nella pattumiera parecchie scatole».

Notizie correlate

10/12/2019

Aderenza alla terapia, primo bilancio del progetto Sfi su fibrillazione atriale. Procaccini: siamo molto soddisfatti

Seicento farmacie per un totale di 1500 pazienti arruolati. E’ il bilancio del progetto sulla fibrillazione atriale condotto da Sistema Farmacia Italia con il supporto di Daiichi Sankyo...
09/12/2019

Aderenza alle terapie, Insegno: ogni vip adotti una malattia e ne diventi testimonial

Una massiccia campagna di comunicazione, quella organizzata da Federfarma per il Dia Day 2019. Lo confermano i numeri illustrati nella conferenza stampa di presentazione dei...
26/11/2019

Anziani poco aderenti alle terapie. Tobia: “Puntiamo ad un ruolo centrale in questo ambito”

Più di un over-65 su due dimentica di assumere antidepressivi e farmaci anti-colesterolo. Quelli contro l'ipertensione hanno una percentuale ancor più elevata, ma la criticità...
21/10/2019

Aderenza cura paziente cronico, in Veneto risultati incoraggianti. Fontanesi: grazie ai farmacisti per impegno e competenza

Una proroga di ulteriori 6 mesi e adesione al progetto per altre farmacie oltre alle 674 già coinvolte. E’ questo l’esito dell’incontro sul progetto regionale per migliorare l’aderenza alla terapia del paziente cronico che ha visto la presenza anche del presidente di Federfarma Veneto, Alberto Fontanesi oltre a referenti del servizio farmaceutico regionale e delle rappresentanze sindacali delle farmacie...
01/10/2019

Aderenza alla terapia, oltre il 70% degli anziani non assume regolarmente i farmaci. Al via campagna nazionale

Un regalo lungo un intero anno, da destinare a tutti gli anziani: l’impegno quotidiano dei nipoti per ricordare l’importanza di seguire, con correttezza e regolarità, le terapie...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni