L’Ocse all’Italia, recuperare risorse da generici

13/11/2017 09:28:11
L'Italia deve «migliorare l'efficacia in materia di spesa sanitaria»: è quanto afferma l'Ocse nel rapporto Health at a glance-Panorama della Salute 2017, l’analisi con cui ogni anno l'Organizzazione per lo sviluppo e la cooperazione economica fotografa performance e trend dei sistemi sanitari nazionali. All’Italia, in particolare, l’Ocse rimprovera di essere tra gli ultimi per consumi di farmaci generici, con l'8% in valori e il 19% in volumi. Tassi insufficienti, dice l’Ocse, nonostante le politiche messe in campo in questi anni dall’Italia per diffondere l’uso degli equivalenti e le misure indirizzate ai medici perché prescrivano il principio attivo piuttosto che il nome commerciale. Sono questo genere di interventi, assicura il Rapporto, che possono facilitare il «passaggio alle medicine generiche», assieme ad altri come «gli incentivi ai farmacisti».

Anche nei consumi di antibiotici, prosegue l’Ocse, c’è parecchia inappropriatezza che drena risorse. Tra tutti i paesi aderenti all’Organizzazione, infatti, l'Italia è quarta per entità di spesa, che si può ridurre intervendo sulle prescrizioni e mettendo in campo adeguate strategie di prevenzione contro la resistenza antimicrobica. «L'Ocse» ha commentato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin «colloca il nostro Paese ai vertici mondiali per aspettativa di vita e giudica buoni gli indicatori di salute sulle principali patologie». Il Rapporto però, ha continuato il Ministro, ricorda anche le sfide che ci attendono, tra le quali «l'antibiotico resistenza, tema che l'Italia ha portato anche al centro dell'agenda del G7 Salute di Milano, e per cui è stato varato una settimana fa un innovativo Piano d'azione con misure specifiche. E' innegabile che un tassello fondamentale sia quello di lavorare incessantemente sulla prevenzione».

Ultime notizie

18/12/2018

Ricette incomprensibili, vademecum del ministero viene in soccorso dei farmacisti

Leggere e interpretare la ricetta del medico è spesso complicato per i pazienti e soprattutto per il farmacista che deve dispensare il medicinale. Sigle, dosi, abbreviazioni, addirittura simboli fanno parte del linguaggio da decifrare. E’ per questa ragione che il ministero della Salute ha diramato un documento intitolato "Raccomandazione per la prevenzione degli errori in terapia conseguenti all'uso di abbreviazioni, acronimi, sigle e simboli"...
18/12/2018

Tg Federfarma Channel - Edizione del 18 dicembre

In questo numero: Un vademecum del ministero mette in guardia da ricette incomprensibili; Sistema Farmacia Italia fa tappa a Verona, riuniti i vertici Federfarma; Torna Farma&Friends, Contarina: “Con edizione natalizia aiuteremo altri bambini in difficoltà”; Dpc Lombarda, Racca: “Accordo quinquennale con Regione mette in sicurezza le farmacie”
18/12/2018

Cosmetovigilanza, dal ministero una nota per monitorare effetti indesiderati gravi

Torna alla ribalta il tema della cosmetovigilanza dopo che il Ministero della Salute, Direzione Generale dei Dispositivi Medici e del Servizio Farmaceutico, ha inviato a Federfarma la nota con cui si rinnovano le informazioni in materia di...
18/12/2018

Sistema Farmacia Italia fa tappa a Verona, riuniti i vertici Federfarma

Sistema Farmacia Italia, sbarca a Verona per coinvolgere, arruolare e convincere di come insieme le farmacie possano rispondere senza timore all'ingresso di quel capitale che, con la legge 124, ha rischiato di mettere in forte difficoltà le farmacie...
18/12/2018

Torna Farma&Friends, Contarina: “Con edizione natalizia aiuteremo altri bambini in difficoltà”

Scambiarsi gli auguri di Natale, ma soprattutto fare beneficenza e aiutare i bambini meno fortunati per stare un po’ meglio. E’ con questo duplice e nobile obiettivo che si terrà...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni