Cannabis, dal Gimbe Position statement su benefici e rischi in letteratura

22/11/2017 09:20:36
Negli adulti con dolore cronico, le evidenze scientifiche su benefici e rischi potenziali della cannabis terapeutica sono ancora esigue. E’ la conclusione cui arriva la fondazione Gimbe (Gruppo italiano per la medicina basata sulle evidenze) nel Position statement diffuso ieri e al termine di una meta-ricerca che ha incluso 13 revisioni sistematiche e 62 studi. «Limitate evidenze scientifiche» spiega in una nota il presidente della Fondazione, Nino Cartabellotta «dimostrano che i preparati a base di cannabis con contenuto standardizzato di THC-CBD possono alleviare il dolore neuropatico, ma nei pazienti con altri tipi di dolore le prove di efficacia sono insufficienti. La maggior parte degli studi, poi, sono di piccole dimensioni, spesso con rilevanti limiti metodologici. E non conosciamo gli effetti a lungo termine, perché la durata del follow-up è limitata».

Quanto ai rischi, continua la nota del Gimbe, nei pazienti con dolore cronico la cannabis è associata a potenziali eventi avversi a breve termine, sia frequenti e lievi (vertigini, senso di stordimento), sia rari e severi (paranoia, agitazione, tentato suicidio). Tuttavia, le evidenze più forti arrivano soprattutto da studi condotti nella popolazione generale: l’uso di cannabis è associato allo sviluppo di sintomi psicotici e di esacerbazioni di sintomi maniacali nel disturbo bipolare; l’intossicazione acuta aumenta il rischio di incidenti con veicoli a motore e l’utilizzo a lungo termine influenza negativamente le funzioni cognitive e si associa con una grave forma di vomito ciclico.

Nel febbraio scorso, ricorda ancora la Fondazione, il ministero della Salute ha emanato una circolare con le informazioni necessarie a medici e farmacisti per la preparazione e l’utilizzo della cannabis Fm2. Tra le indicazioni, «l’analgesia in patologie che implicano spasticità associata a dolore resistente alle terapie convenzionali» e «l’analgesia nel dolore cronico, con particolare riferimento al dolore neurogeno, in cui il trattamento con antinfiammatori non steroidei o con farmaci cortisonici o oppioidi si sia rivelato inefficace». La circolare sottolinea inoltre che «la cannabis è un trattamento sintomatico di supporto a quelli standard, quando questi non hanno prodotto gli effetti desiderati o hanno provocato effetti secondari non tollerabili o necessitano di incrementi posologici che potrebbero determinare effetti collaterali».

«Il dolore cronico» conclude Cartabellotta «è l’indicazione che, dal punto di vista epidemiologico, ha il maggiore impatto sulle necessità terapeutiche. I medici, dunque, saranno sempre più spesso chiamati a discutere di benefici e rischi della cannabis con i loro pazienti, che dovranno rilasciare il consenso informato scritto. Giusto ricordare, dunque, che le evidenze scientifiche sono estremamente frammentate», per non «alimentare aspettative irrealistiche nei pazienti» e «utilizzare al meglio il denaro pubblico».

Ultime notizie

23/04/2018

Tg Federfarma Channel - Edizione del 24 aprile

In questo numero: Cosmofarma 2018, Marco Cossolo “La strategia per le farmacie c’è, ora serve coordinare il territorio”; Riparto fondo ticket, Tdm: “Penalizzate ancora le regioni più arretrate”; Premio farmacista dell’anno: va ad Angela Margiotta, per il progetto Mimosa; 730 precompilato: dalle farmacie lombarde più di 81milioni di scontrini per facilitare gli adempimenti dei cittadini

23/04/2018

730 precompilato: dalle farmacie lombarde più di 81milioni di scontrini per facilitare gli adempimenti dei cittadini

Sono più di 81 milioni gli scontrini inviati al ministero delle Finanze dalle 2.800 farmacie lombarde, validi per la certificazione delle spese sanitarie dei cittadini che...
23/04/2018

Mangiare più pesce può aiutare a prevenire il Parkinson

Mangiare più pesce può aiutare a prevenire il morbo di Parkinson. Questo il suggerimento che arriva da uno studio della Chalmers University of Technology, in Svezia, pubblicato su Scientific Reports. Lo studio punta sul ruolo di una proteina, la parvalbumina, che è anche...
23/04/2018

La scelta degli alimenti giusti aiuta le terapie oncologiche

La scelta di quello che mangiamo è importante non solo per ridurre il rischio di ammalarsi di tumore, ma anche per migliorare l'effetto delle terapie. Quello che mangiamo, insieme a corretti stili di vita, alla giusta comunicazione col medico e al supporto psicologico, aiuta...
23/04/2018

Anonimato donazione organi, 14mila firmano appello di un papà

Riconsiderare la legge che impone l'anonimato in caso di donazione di organi, dando la possibilità, alle famiglie che lo desiderano, di conoscersi. Lo chiede una petizione su Change.org che ha raggiunto quasi 14mila firme in sole due settimane. Firme che consentiranno di...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni