Bpco: un paziente su quattro non aderente alla terapia

13/09/2017 08:05:31
Nonostante sia una delle malattie più diffuse nei Paesi avanzati, soltanto il 10% degli italiani dice di aver sentito parlare di Bpco. Contro il 45% dei tedeschi, il 44% degli inglesi, il 41% degli spagnoli e il 20% dei belgi. Lo rivela un’indagine realizzata a luglio da GfK Eurisko in cinque paesi europei su un campione di 4.250 persone dai 18 anni in poi. In media, riferisce di avere già sentito l’acronimo Bpco il 35% degli intervistati, ma soltanto il 10% la sa tradurre in Broncopneumopatia cronica ostruttiva. Troppo pochi per una patologia che colpisce 348 milioni di persone nel mondo e che sarà la terza causa di decesso entro il 2020.

Se non altro, la malattia viene considerata grave o molto grave dalla quasi totalità degli intervistati (95%) e nella classifica delle patologie più severe viene messa al quinto posto dopo cancro, infarto, ictus e Alzheimer. Anche riguardo alla prevenzione c'è un buon livello di consapevolezza: per la maggior parte delle persone che la conoscono, la Bpco può essere prevenuta smettendo di fumare (84%) e facendo controlli periodici (63%). Il fumo, in particolare, è considerato la causa principale della malattia (da oltre l’80% di chi ne ha sentito parlare), seguito dall'inquinamento (54%) e dalla familiarità (37%). «È indispensabile che si alzi la guardia su questa malattia» commenta Leonardo Fabbri, visiting professor di Medicina interna e respiratoria Ferrara e Gothenburg, in Svezia «pochi forse sanno che oggi la mortalità di chi è ricoverato per infarto è del 15% a tre anni, quella un paziente con Bpco ricoverato per riacutizzazione è del 50% nello stesso periodo».
La patologia, poi, continua a essere caratterizzata da un elevato tasso di non aderenza terapeutica: soltanto il 35% dei pazienti intervistati assume un unico farmaco, il 42% ne assume due e il 23% tre o più. Questo significa per molti gestire più inalatori, cosa che si riflette sull'aderenza al trattamento. Se il 75% segue le prescrizioni del medico, infatti, uno su quattro ammette di non riuscirci: la metà perché si sente meglio e pensa di non aver bisogno del farmaco, il 41% perché si dimentica, il 13% perché «assumere tante medicine lo fa sentire malato». Altri ancora sostengono che «è difficile utilizzare differenti tipi di inalatore», che la cura non è efficace o è complicata ed è facile commettere errori.
«La Bpco colpisce milioni di persone in tutta Europa e Chiesi è fortemente impegnata in ambito respiratorio in modo da sviluppare nuove opzioni terapeutiche che potrebbero aiutare questi pazienti» è la riflessione finale diAlessandro Chiesi, region Europe head del Gruppo Chiesi «è anche con questo obiettivo che abbiamo sviluppato la prima tripla associazione fissa extrafine di ICS/LABA/LAMA recentemente approvata dalla Commissione europea. Basata su 12 studi di efficacia e sicurezza che hanno coinvolto oltre settemila pazienti, è la prima tripla associazione disponibile in un unico inalatore. Ora vogliamo rendere accessibile il farmaco a tutti i pazienti nel più breve tempo possibile».

Ultime notizie

20/09/2017

Campania, Stabile al governatore De Luca: rurali da tutelare

La conversione in legge del ddl concorrenza rende urgente l’adozione di interventi a sostegno delle farmacie operanti in aree disagiate, in modo da scongiurare che i loro titolari cedano alla tentazione di «delocalizzare in ambiti socio-territoriali più redditizi». Interventi che non devono limitarsi soltanto alla concessione di «provvidenze adeguate alle attuali necessità di servizio», ma...
20/09/2017

Campania, Stabile al governatore De Luca: rurali da tutelare

La conversione in legge del ddl concorrenza rende urgente l’adozione di interventi a sostegno delle farmacie operanti in aree disagiate, in modo da scongiurare che i loro titolari cedano alla tentazione di «delocalizzare in ambiti socio-territoriali più redditizi». Interventi che non devono limitarsi soltanto alla concessione di...
20/09/2017

Farmacisti-grossisti, il Tar Lombardia: il flusso della filiera resti a senso unico

La norma del D.lgs 219/2006 che rimuove l’incompatibilità tra vendita e distribuzione all’ingrosso dei farmaci non comporta «l’inversione dell’ordine logico-giuridico che regola la filiera». Né determina «una ineliminabile commistione tra le due attività...
20/09/2017

C’è l’accordo, farmacie pugliesi mobilitate per lo screening del colon-retto

Avanti tutta sulla farmacia dei servizi, in Puglia, grazie all’accordo per lo screening del tumore al colon-retto firmato lu da Regione, Federfarma e Assofarm. L’intesa, di validità biennale, coinvolge circa 1,2 milioni di abitanti (fascia di età 50-65 anni) e punta...
20/09/2017

Firenze, in sei mesi più di 103mila prenotazioni Cup nelle farmacie

Sono più di 103mila le prenotazioni di esami e visite specialistiche effettuate dai fiorentini tra gennaio e giugno nelle farmacie della città che hanno aderito all’accordo sul Cup dello scorso marzo tra Regione, Asl Toscana Centro, Federfarma e Cispel...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni