Bpco: un paziente su quattro non aderente alla terapia

13/09/2017 08:05:31
Nonostante sia una delle malattie più diffuse nei Paesi avanzati, soltanto il 10% degli italiani dice di aver sentito parlare di Bpco. Contro il 45% dei tedeschi, il 44% degli inglesi, il 41% degli spagnoli e il 20% dei belgi. Lo rivela un’indagine realizzata a luglio da GfK Eurisko in cinque paesi europei su un campione di 4.250 persone dai 18 anni in poi. In media, riferisce di avere già sentito l’acronimo Bpco il 35% degli intervistati, ma soltanto il 10% la sa tradurre in Broncopneumopatia cronica ostruttiva. Troppo pochi per una patologia che colpisce 348 milioni di persone nel mondo e che sarà la terza causa di decesso entro il 2020.

Se non altro, la malattia viene considerata grave o molto grave dalla quasi totalità degli intervistati (95%) e nella classifica delle patologie più severe viene messa al quinto posto dopo cancro, infarto, ictus e Alzheimer. Anche riguardo alla prevenzione c'è un buon livello di consapevolezza: per la maggior parte delle persone che la conoscono, la Bpco può essere prevenuta smettendo di fumare (84%) e facendo controlli periodici (63%). Il fumo, in particolare, è considerato la causa principale della malattia (da oltre l’80% di chi ne ha sentito parlare), seguito dall'inquinamento (54%) e dalla familiarità (37%). «È indispensabile che si alzi la guardia su questa malattia» commenta Leonardo Fabbri, visiting professor di Medicina interna e respiratoria Ferrara e Gothenburg, in Svezia «pochi forse sanno che oggi la mortalità di chi è ricoverato per infarto è del 15% a tre anni, quella un paziente con Bpco ricoverato per riacutizzazione è del 50% nello stesso periodo».
La patologia, poi, continua a essere caratterizzata da un elevato tasso di non aderenza terapeutica: soltanto il 35% dei pazienti intervistati assume un unico farmaco, il 42% ne assume due e il 23% tre o più. Questo significa per molti gestire più inalatori, cosa che si riflette sull'aderenza al trattamento. Se il 75% segue le prescrizioni del medico, infatti, uno su quattro ammette di non riuscirci: la metà perché si sente meglio e pensa di non aver bisogno del farmaco, il 41% perché si dimentica, il 13% perché «assumere tante medicine lo fa sentire malato». Altri ancora sostengono che «è difficile utilizzare differenti tipi di inalatore», che la cura non è efficace o è complicata ed è facile commettere errori.
«La Bpco colpisce milioni di persone in tutta Europa e Chiesi è fortemente impegnata in ambito respiratorio in modo da sviluppare nuove opzioni terapeutiche che potrebbero aiutare questi pazienti» è la riflessione finale diAlessandro Chiesi, region Europe head del Gruppo Chiesi «è anche con questo obiettivo che abbiamo sviluppato la prima tripla associazione fissa extrafine di ICS/LABA/LAMA recentemente approvata dalla Commissione europea. Basata su 12 studi di efficacia e sicurezza che hanno coinvolto oltre settemila pazienti, è la prima tripla associazione disponibile in un unico inalatore. Ora vogliamo rendere accessibile il farmaco a tutti i pazienti nel più breve tempo possibile».

Ultime notizie

23/02/2018

Carenza farmaci, Federfarma scrive all’Aifa per risoluzione problematica

Continua il dibattito sul problema della carenza di alcuni medicinali nelle farmacie. A dire la sua, questa volta, è il presidente di Federfarma, Marco Cossolo
23/02/2018

“Mini tumori” da cellule paziente predicono successo terapie

Attraverso dei 'mini-tumori' realizzati a partire dalle cellule ricavate dalle biopsie dei pazienti è possibile verificare come il malato risponderà alle terapie, identificando quindi quella più efficace da utilizzare...
23/02/2018

Da Agenzia Farmaci focus su assenza di lattice nei vaccini

"Allo scopo di contribuire ulteriormente all'uso sicuro e corretto dei vaccini influenzali stagionali anche nei soggetti allergici al lattice", l'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha condotto un approfondimento sull'assenza di questo materiale nelle diverse componenti degli antinfluenzali per la stagione 2017-2018...
23/02/2018

Sanità: Lorenzin, nasce osservatorio ministero della Salute

"Nasce l'osservatorio del ministero della Salute per monitorare quello che accade sui territori e fare proposte condivise, a partire dall'esperienza diretta". Lo ha annunciato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, durante una visita al sito Merck Serono di Modugno (Bari)...
23/02/2018

Tg Federfarma Channel - Edizione del 24 febbraio 2018

È online la nuova edizione del Tg di Federfarma Channel. Clicca qui per vedere il numero di oggi...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni