Bergstrom (Efpia): politiche italiane apprezzate da imprese del farma

18/11/2015 00:18:54
Le imprese internazionali del farmaco apprezzano «le politiche di sostegno all'innovazione» messe in campo dall’Italia, che «hanno di fatto determinato un aumento degli investimenti in ricerca, dei posti di lavoro e delle esportazioni». E’ quanto ha dichiarato ieri all’AdnKronos Salute Richard Bergstrom, direttore generale dell’Efpia, la Federazione europea delle industrie farmaceutiche. Il piano per la cessione del sito produttivo di Segrate da parte di Roche e i tagli di personale annunciati da Boehringer Ingelheim, ha osservato Bergstrom, «sono il risultato di compensazioni interne legate alle produzioni già avviate e a quelle in partenza nella pipeline. C'è una tendenza generale in direzione dei farmaci biologici, e la maggior parte delle fabbriche interessate producono “piccole molecole”, che si basano sulla chimica più tradizionale. Non credo» ha concluso «che queste chiusure debbano essere interpretate come un segnale negativo per l'Italia».

Notizie correlate

20/11/2019

Farmaceutica, per le “FAB13” italiane in un anno +4% di ricavi e +3,3% addetti

Tredici case farmaceutiche a capitale italiano (ribattezzate 'Fab13') aderenti a Farmindustria (Dompè, Menarini, Molteni, Zambon, Abiogen Pharma, Angelini, Recordati, Chiesi...
17/09/2019

Farmaci, Gallera: Lombardia leader nei processi di produzione, ricerca e commercializzazione

Il farmaco, il paziente e il cittadino poli di un unico grande settore, quello della medicina e della farmacia, approfondito grazie alla seconda edizione della 'Giornata in piazza'...
12/09/2019

Farmaci, Efpia chiede una nuova strategia industriale per l’Europa

Promuovere la salute e la crescita nel Vecchio Continente, con politiche industriali mirate. E’ questo l’appello lanciato dall’Efpia, (European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations) in un documento in cui invita...
11/07/2019

Farmaceutica, la fotografia del Censis: per aziende grosso gap fra reputazione e valore

Cittadini non del tutto convinti delle aziende del ‘pharma’. Esisterebbe ancora un grosso gap fra la reputazione che godono e il loro reale valore economico, industriale e...
27/06/2019

Farmacologo clinico, Fofi e Sifo: no alla proposta di legge Ianaro. Irragionevole, inutile e onerosa

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (FOFI) e la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO) denunciano congiuntamente l’irrazionalità della Proposta di legge, a firma dell’Onorevole Angela Ianaro, per l’istituzione sperimentale, ma per tre anni e con oneri per lo Stato pari a 30 milioni di Euro...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni