Da filiera e istituzioni patto di ferro contro “finti” distributori

13/09/2016 00:24:35
«I distributori all’ingrosso hanno l’obbligo di garantire in permanenza un assortimento di medicinali sufficiente a rispondere alle esigenze di un territorio geograficamente determinato e di provvedere alla consegna delle forniture richieste in tempi brevissimi». E’ uno dei passaggi chiave del protocollo sulle carenze sottoscritto giovedì scorso all’Aifa dalle principali organizzazioni della filiera (Federfarma, Farmindustria, Assogenerici, Adf, Federfarma Servizi, Asso-Ram), dal ministero della Salute, dalle Regioni Lazio e Lombardia e dalla stessa Agenzia del farmaco. Obiettivo, cementare il consenso di tutti i firmatari su una lettura univoca delle norme che regolano la distribuzione farmaceutica, in modo da staccare l’ossigeno a quegli operatori che finora hanno approfittato di zone d’ombra e interpretazioni audaci della legge.

Allo scopo, il protocollo passa in rassegna i paletti invalicabili che le aziende distributrici devono rispettare. A partire dalle dotazioni minime imposte dal D.lgs 219/2006 ai magazzini dei grossisti “full line”: il 90% almeno dei farmaci provvisti di Aic e tutti gli stupefacenti della Tabella 2, per i quali è indispensabile fornirsi di un’autorizzazione aggiuntiva rilasciata dal ministero della Salute.

Tali requisiti, indica a chiare lettere il protocollo, devono essere rispettati anche dai titolari di farmacia (o dalle società di farmacisti) che hanno richiesto e ottenuto l’autorizzazione regionale per effettuare distribuzione farmaceutica all’ingrosso. E «non possono essere quelli già in possesso» della farmacia. In altri termini, l’attività di distributore deve appoggiarsi a «locali, installazioni e attrezzature» diverse da quelle dell’esercizio farmaceutico. Dunque niente “scorciatoie”, come quella di condividere tra più distributori «locali, personale e dotazioni minime»; neanche il responsabile può essere messo in “multiproprietà”, così come non è tollerabile che a ricoprire l’incarico siano il titolare o il direttore della farmacia. In sostanza, tra l’attività del grossista e quella della farmacia va mantenuta una linea di demarcazione estremamente netta: «I medicinali acquistati in quanto distributore all’ingrosso devono essere stoccati nei magazzini indicati dall’autorizzazione regionale» e non possono «essere venduti al pubblico».

Come ribadisce a più riprese il protocollo, i principi enunciati non sono altro che un’interpretazione lineare di quanto disposto dalla 219/2006. Principi che i firmatari, con la sottoscrizione del documento, fanno propri e si impegnano a rispettare, su due distinti livelli: al loro interno, cioè nei confronti dei loro associati, e anche all’esterno, ossia nei rapporti con istituzioni e resto della filiera. Non a caso, nel comunicato diffuso ieri per annunciare la stipula dell’intesa, l’Aifa ricorda che il protocollo servirà alla «realizzazione di iniziative condivise per risolvere il problema delle carenze sul territorio nazionale». E rendere la vita sempre più difficile ai “finti” distributori che antepongono il proprio lucro (da export parallelo) all’interesse dei pazienti. (AS)

Notizie correlate

10/07/2020

Farmaci a base di Montelukast, Aifa: rischio insorgenza effetti indesiderati di tipo neuropsichiatrico

L’assunzione di medicinali a base di montelukast può manifestare effetti indesiderati di tipo neuropsichiatrico. A segnalarlo è l’Agenzia Italiana del Farmaco. Federfarma, in una circolare, richiama l’attenzione dei medici e dei farmacisti su tali effetti indesiderati segnalando che sono noti e menzionati nel Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto (Rcp) delle specialità a base di montelukast...
06/07/2020

Oppioidi, arriva il no dall’Aifa per l’utilizzo in caso di dolore lieve

No all'utilizzo di farmaci oppioidi per dolore lieve e no all’uso di oltre 30 giorni per quelli a base di tramadolo. A precisarlo è l'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) che richiama l'attenzione degli operatori sanitari sulle indicazioni terapeutiche autorizzate...
23/06/2020

Nuovi anticoagulanti orali, Aifa: prescrizione ai medici di famiglia. Ricadute per le farmacie

Lo scorso 17 giugno l’Aifa ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale la Determinazione dal titolo “Adozione della Nota 97 relativa alla prescrivibilità dei nuovi anticoagulanti orali ai pazienti...
29/05/2020

Idrossiclorochina, Aifa blocca medicinale per trattamento Covid-19. Le indicazioni di Federfarma per la distribuzione

L’Aifa in attesa di ottenere prove più solide dagli studi clinici in corso in Italia e in altri paesi (con particolare riferimento a quelli randomizzati), sospende l’autorizzazione all’utilizzo...
27/05/2020

Spesa farmaceutica Ssn, Aifa evidenzia decremento della convenzionata

Come di consueto, Aifa ha reso disponibili i dati provvisori della spesa farmaceutica nazionale e regionale, oltre che quelli relativi alla verifica dei tetti programmati della...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni