Consulta, illegittima la legge piemontese sui servizi in parafarmacia

08/04/2017 06:59:10
E’ illegittima la disposizione della Regione Piemonte che autorizza le parafarmacie a dotarsi di «apparecchi di autodiagnostica rapida per il rilevamento di prima istanza di trigliceridi, glicemia e colesterolo». Perché la norma «amplia il novero degli esercizi abilitati a effettuare tali prestazioni includendovi quelli cui la legislazione statale permette soltanto la vendita di talune ristrette categorie di medicinali». E’ quanto si legge nella sentenza, depositata il 7 aprile, con la quale la Corte costituzionale ha accolto il ricorso del Consiglio dei ministri contro l’articolo 1, comma 2, della legge regionale piemontese 11/2016. Il testo, approvato nel maggio dell’anno scorso, aggiornava alle disposizioni nazionali sulla farmacia dei servizi (in particolare il d.lgs 153/2009) la legislazione piemontese in materia di servizio farmaceutico: in tutto un solo articolo di due commi, il secondo dei quali però allargava agli esercizi di vicinato autorizzati alla vendita di Sop e Otc la possibilità di erogare alcuni servizi di autoanalisi, secondo modalità che la Giunta regionale avrebbe poi stabilito.

Nel luglio dell’anno scorso la legge venne impugnata per incostituzionalità dal Consiglio dei ministri, su istanza del ministero della Salute e per entrambi i commi. Secondo «la difesa dello Stato», in particolare, il l’autorizzazione a erogare prestazioni analitiche di prima istanza nelle parafarmacie contravveniva «al principio fondamentale, stabilito dalla legislazione statale in materia di «tutela della salute, secondo il quale tali prestazioni sono possibili soltanto presso le farmacie, in considerazione del più esteso regime di obblighi, e di conseguenti garanzie per la salute dei cittadini, che gravano sulle stesse e che vanno ben oltre la mera presenza di un farmacista». In altri termini, «la norma impugnata avrebbe illegittimamente abbassato gli standard di tutela della salute dei cittadini».

Nella sua sentenza la Consulta accoglie le tesi dello Stato. «La giurisprudenza costituzionale» scrive in particolare la Corte, «è costante nel ritenere che i criteri stabiliti dalla legislazione statale relativi all’organizzazione dei servizi delle farmacie costituiscano “principi fondamentali” in materia di tutela della salute, in quanto finalizzati a garantire che sia mantenuto un elevato e uniforme livello di qualità dei servizi in tutto il territorio, a tutela di un bene, quale la salute della persona, “che per sua natura non si presterebbe a essere protetto diversamente alla stregua di valutazioni differenziate, rimesse alla discrezionalità dei legislatori regionali”». Di conseguenza, la norma regionale impugnata introduce «una innovazione significativa» che si pone «in contrasto con i principi fondamentali della materia contenuti nella vigente normativa statale». E’ una sentenza di cui si parlerà ancora, soprattutto per quel riferimento alla competenza nazionale «sull’organizzazione dei servizi delle farmacie». (AS)

Notizie correlate

09/01/2020

Professioni Sanitarie, nasce Consulta. Cossolo: “Iniziativa conferma attenzione per i farmacisti

“Federfarma apprezza l’istituzione, da parte del Ministro della salute Roberto Speranza, della Consulta Permanente delle Professioni Sanitarie. Una iniziativa che conferma...
23/01/2019

Federfarma, bene tavolo Fofi su criticità del settore farmaceutico

Federfarma apprezza il lavoro svolto al Tavolo costituito a cura dalla Fofi con sigle delle parafarmacie – Farmacisti Titolari di Parafarmacia Indipendenti e Unione Nazionale Farmacisti Titolari di Sola Parafarmacia -  finalizzato a risolvere in maniera...
22/01/2019

Tavolo FOFI con Parafarmacie: dialogo proficuo

Federfarma apprezza il lavoro svolto al Tavolo costituito a cura dalla FOFI con sigle delle parafarmacie - Farmacisti Titolari di Parafarmacia Indipendenti e Unione Nazionale Farmacisti Titolari di Sola  Parafarmacia -  finalizzato a risolvere in maniera sinergica...
24/10/2018

Antitrust: sì a dispositivi e alimenti speciali in parafarmacia

Nessun vincolo alla vendita in parafarmacia di dispositivi medici, prodotti per diabetici e alimenti per fini medici specifici.  Queste le conclusioni dell’antitrust, pubblicate sul suo Bollettino n. 39 del 22 ottobre 2018, a seguito di due denunce da...
12/10/2018

Enpaf, 550 mila euro alle parafarmacie. Plauso di Branca (Fnpi)

Dopo l’intervento a favore dei farmacisti rurali sussidiati a basso reddito, per l’importo complessivo di 850 mila euro, il cui termine per la presentazione della domanda è scaduto il 28 settembre scorso, il Consiglio di amministrazione...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni