Gimbe: per salvare il Ssn lotta agli sprechi, rifinanziamento e sanità integrativa

07/06/2017 00:50:04
Lotta senza quartiere agli sprechi e alle inefficienze, rifinanziamento della Sanità pubblica per riportare il Paese in linea con le medie europee, apertura all’assistenza integrativa. Sono i tre «cunei» che la Fondazione Gimbe (Gruppo italiano per la medicina basata sulle evidenze) vorrebbe piantare nella traballante impalcatura del Ssn per stabilizzarne equilibrio e tenuta. Questa almeno è la ricetta proposta nel 2° Rapporto sulla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale, presentato ieri alle Istituzioni nella cornice della Biblioteca del Senato. «Non esiste alcun disegno occulto di smantellamento e privatizzazione del Ssn» ha dichiarato il presidente della Fondazione, Nino Cartabellotta «continua invece a mancare un piano dettagliato di salvataggio, per la limitata capacità della politica di guardare a medio-lungo termine».

Il Rapporto, così, valuta con una prospettiva decennale il tema della sostenibilità del Ssn, minata – a giudizio della Fondazione – da quattro criticità: risorse che di anno in anno continuano a perdere terreno (l’Italia, dice il Rapporto, mostra una spesa sanitaria media di 3.245 dollari per abitante, contro i 3.976 dell’Europa); Livelli essenziali di assistenza che, nella versione aggiornata, «devono fare i conti con il pesante definanziamento pubblico; una spesa privata che ormai ammonta a 500 euro all’anno per abitante, solo il 12,8% dei quali «intermediato» da forme di sanità integrativa; infine, sprechi e inefficienze che nel 2016 hanno eroso 22,51 miliardi di soldi pubblici, per «frodi e abusi, acquisti a costi eccessivi, sotto-utilizzo o sovra-utilizzo di beni e servizi, complessità amministrative, inadeguato coordinamento dell’assistenza».

Di qui l’aut-aut che la Fondazione Gimbe rivolge alla politica: se non si vuole lasciare il Ssn al suo destino, consistente nella lenta transizione verso un sistema misto che relegherà alle pagine dei libri di storia il nostro invidiato welfare, va messo urgentemente in campo un programma di medio-lungo termine che stabilizzi il Servizio sanitario. «Secondo le nostre stime, che restano estremamente conservative» ha detto Cartabellotta «nel 2025 il fabbisogno del Ssn raggiungerà i 210 miliardi di euro, cifra che può essere assicurata soltanto con il ricorso a tre diverse linee d’intervento»: un piano nazionale di disinvestimento da sprechi e inefficienze, l’incremento della quota intermediata della spesa privata e, infine, adeguata ripresa del finanziamento pubblico. «In assenza di un programma di tale portata» ha concluso il presidente della Fondazione Gimbe «il Ssn che noi oggi conosciamo diventerà un ricordo del passato». (AS)

Notizie correlate

07/08/2020

Coronavirus, Fondazione Gimbe su uso mascherine: “Cinture di sicurezza per una nuova normalità”

L’uso delle mascherine in luoghi pubblici è diventato terreno di scontro politico, provocando anche la diffusione di numerose fake news, e le violazioni all’obbligo del loro utilizzo sono frequenti, a partire dai mezzi pubblici e in tutti i luoghi in cui non viene esercitata una sistematica attività di controllo. A ridare centralità alla scienza è la Fondazione Gimbe che in un Position Statement le definisce...
29/07/2020

Ticket, analisi Gimbe: nel 2019 spesi quasi 3 miliardi di euro, ma il 38% finisce in farmaci di marca

A fronte di un investimento di 554 milioni/anno di risorse pubbliche per favorire l’accesso alle prestazioni specialistiche, c’è un esborso per i farmaci brand da parte dei cittadini di oltre 1.120 milioni, il 38,2% della compartecipazione alla spesa sanitaria e il 71% di quella per i farmaci. È quanto emerge dall’ultimo report dell’Osservatorio GIMBE...
25/06/2020

Speranza: Ssn ha retto, ora rafforzare il territorio con investimenti. Federfarma: “Farmacie pronte alla sfida”

"Il Servizio sanitario è stato all'altezza della sfida affrontata, ma è chiaro che bisogna fare di più e meglio, a partire dalla digitalizzazione fino al rafforzamento dei territorio"...
29/05/2020

Riaperture fra Regioni, Fondazione Gimbe avverte: “In Lombardia, Liguria e Piemonte contagi non sotto controllo”

Secondo quanto previsto dal DL 33/2020, dal 3 giugno saranno nuovamente autorizzati i movimenti di persone tra le Regioni italiane. Non tutte, però, potrebbero avere il via libera...
08/07/2019

Sanità, per la salute servono risorse certe: le proposte GIMBE recepite nella mozione M5S-Lega

Il 4° Rapporto GIMBE sulla sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), ampiamente divulgato dagli organi di stampa e dalle principali rappresentanze professionali...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni