Progetto diabete a Pharmevolution: sulla campagna sfida decisiva

10/10/2017 08:13:22
Sono già un migliaio le farmacie che dal portale di Federfarma hanno dato la propria adesione al Progetto diabete, la campagna nazionale di screening promossa dal sindacato dal 14 al 20 novembre. E’ il segnale che i farmacisti titolari hanno colto il valore dell’iniziativa, perché su questo progetto la categoria gioca una partita decisiva. Lo ha ricordato il presidente nazionale della Federazione, Marco Cossolo, nel suo intervento alla settima edizione di Pharmevolution, la convention-evento della farmacia siciliana (Catania, 6-8 ottobre). «Con questo progetto» ha spiegato «vogliamo dimostrare che negli esercizi dalla croce verde si può fare davvero prevenzione primaria. Per tale motivo, quindi, è fondamentale che alla campagna aderiscano tutte le farmacie, dalla più grande alla più piccola. Sarà necessario coprire ogni angolo di territorio, anche il più remoto, perché dovremo provare che con le farmacie si possono andare a scovare tutti gli individui a rischio, anche quell’unico che abita nel proverbiale paesino sulla cima della montagna».

La crucialità della campagna, ha continuato Cossolo, è data dalla consapevolezza che il futuro della farmacia dei servizi si gioca sul terreno della cronicità: «La territorializzazione dell’assistenza ai cronici è nei piani del Ssn» ha ricordato il presidente «ma in questo processo avremo a che fare con parecchi competitors e dovremo conquistarci i nostri spazi. E per farlo occorrerà convincere le Regioni che le farmacie hanno tutti i numeri per rivendicare un ruolo di primo piano nella presa in carico».

In questa strategia è centrale il Progetto diabete ma è anche decisiva la partita che si è appena aperta alla Sisac, dove si sta negoziando il rinnovo della Convenzione: «Il nuovo contratto sarà la traccia della farmacia di domani» ha detto ancora Cossolo «una farmacia che andrà oltre la dispensazione del farmaco e punterà sui servizi: pharmaceutical care, aderenza terapeutica, prevenzione primaria. Se indirizziamo la farmacia su questa rotta, metteremo in difficoltà chi vuole comprarci soltanto per finalità commerciali».

E’ in questa logica che si muovono anche i progetti del sindacato per aggregare le farmacie in quella che il sindacato chiama “rete di protezione”: «Non vogliamo escludere ma includere» ha avvertito Cossolo «e la porta è aperta a tutti, non solo alle cooperative. Vogliamo mettere a punto degli strumenti che diano alle farmacie l’opportunità di mettersi in rete, perché l’indipendenza dev’essere frutto di una scelta libera e non si può essere liberi di scegliere se non c’è la stabilità economica.

Pronte a collaborare le sigle dei distributori: «La farmacia deve cambiare e tra i cambiamenti necessari c’è quello di fare aggregazione, orizzontale e verticale» ha detto a Catania il presidente di Federfarma Servizi, Antonello Mirone «le catene ridurranno il numero dei distributori intermedi e oggi non è più pensabile che ognuno possa continuare a gestire il proprio orticello». «Finalmente» ha aggiunto il presidente di Adf, Mario Giombini «c’è chiarezza sul fatto che la singola farmacia da sola non andrà lontano».

Urgente anche che i titolari si sottopongano ad abbondanti iniezioni di ottimismo: «Basta lamentarsi» ha detto il presidente di Federfarma Sicilia, Gioacchino Nicolosi «se lavoriamo tutti uniti sul nostro futuro continuerà a splendere il sole». «Valorizziamo i punti positivi del ddl concorrenza e rimbocchiamoci le maniche» ha detto ancora Cossolo «e lavoriamo con la politica per risolvere le ambiguità del testo». Un incito che ha Pharmevolution è stato subito raccolto da Giuseppe Castiglione, sottosegretario all’Agricoltura: «Nella fase applicativa della legge» ha detto «valuteremo le situazioni ed eventualmente interverremo con chiarimenti e provvedimenti attuativi. La farmacia è uno snodo fondamentale della sanità territoriale e il Piano nazionale della cronicità redatto dal ministro Lorenzin offre importanti opportunità ai farmacisti». (AS)

Notizie correlate

21/05/2019

Un nuovo modello di convenzione e remunerazione per la farmacia. A Torino protagonisti a confronto

Difficile dare conto del dettaglio di tutti gli interventi, ma molto semplice dare conto dell’unità tra FOFI e Federfarma nell’analisi e nella strategia per l’evoluzione della farmacia...
14/05/2019

Convenzione, Venturi (Conferenza Regioni): “Sì a modifica atti di indirizzo”. Cossolo: “Apertura molto importante”

Rinnovo della Convenzione Nazionale e modifica dell’atto di indirizzo. A ventilare questo scenario nel corso del convegno Assofarm di Ferrara svoltosi lo scorso venerdì...
06/05/2019

Consiglio di presidenza, focus su remunerazione, convenzione e farmacie rurali

Si può suddividere in tre parti l’ultimo Consiglio di presidenza di Federfarma che si è tenuto lo scorso 2 Maggio. Nella prima, i punti all’ordine del giorno hanno riguardato...
19/04/2019

Farmacista personal trainer del paziente cronico. Bacchini: “Sinergia con Mmg e specialisti”

Il farmacista come personal trainer della salute del paziente in sinergia con il medico di medicina generale e con lo specialista. E’ questa la sfida lanciata dal convegno...
02/04/2019

Presidi per diabetici, nelle farmacie lombarde rimborsi al ribasso. La denuncia di Federfarma Bergamo e Lecco

Federfarma Bergamo e Lecco fanno chiarezza in merito alla pubblicazione del provvedimento regionale che stabilisce i nuovi prezzi di rimborso alle farmacie...


Aggiungi a Twitter Aggiungi a Facebook
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS! W3C-WAI A
I cookie ci aiutano ad offrirti un servizio migliore. Utilizzando il nostro sito accetti l'uso dei cookie. Maggiori informazioni